Carrello
Carrello vuoto



L'avocazione di cave e torbiere

Se pure è vero che cave e torbiere possono essere avocate al legittimo proprietario, e acquisite al patrimonio indisponibile regionale, solo nel caso in cui questi, negligentemente, non ne intraprenda lo sfruttamento o non si prodighi per il loro sviluppo (art.45 R.D.1443/1927), è altrettanto vero che tale inerzia si configura solo quando siano divenute concrete le possibilità di sfruttamento della cava stessa.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TRASFERIMENTO E ACQUISTO DI DIRITTI REALI CON LA P.A.
anno:2019
pagine: 2455 in formato A4, equivalenti a 4174 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> ACQUISTO ALLA MANO PUBBLICA --> AVOCAZIONE CAVE

La procedura di avocazione prevista dall'art. 45 R.D. 1443/1927 può essere attivata esclusivamente in danno del proprietario che negligentemente non intraprenda lo sfruttamento della cava o non dia ad essa adeguato sviluppo.

In caso di proprietario che negligentemente non intraprenda lo sfruttamento della cava o non dia ad essa adeguato sviluppo.la P.A. può avocarla e darla in concessione a terzi soltanto una volta che il titolare sia stato diffidato a sfruttare il giacimento e abbia mantenuto la condotta inerte.

Il fatto che il proprietario della cava abbia presentato formale istanza di coltivazione ed abbia intrapreso vittoriosamente specifiche cause civili finalizzate a rientrare nella disponibilità del bene dimostra una chiara e seria volontà di sfruttarlo ed esclude la sussistenza dei presupposti per l'attivazione della procedura prevista dall'art. 45 R.D. 1443/1927.

La pretesa del proprietario della cava di rientrarne in possesso per cessazione di un pregresso contratto di locazione non può sostanziare l'ipotesi di mancata coltivazione della cava o di insufficiente sviluppo della s... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...egittima la procedura di cui all'art. 45 R.D. 1443/1927.

Se è vero che le cave sono lasciate in disponibilità del proprietario del fondo e soltanto quando questi non intraprenda la coltivazione della cava o torbiera o non dia ad essa sufficiente sviluppo sono acquisite al patrimonio indisponibile della Regione al fine di essere concesse a terzi (art. 45 R.D. 1443/1927), è altresì vero che l'inerzia non può configurarsi sino a quando non siano divenute concrete le possibilità di esercizio del diritto di sfruttamento della cava.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> ACQUISTO ALLA MANO PUBBLICA --> AVOCAZIONE CAVE --> REGIONI/PROVINCE --> LOMBARDIA

Alla luce dell'autorevole ricostruzione attuata dalla Corte Cost. con decisione n. 20/67, per cui le cave sono beni privati di interesse rilevante per l'economia nazionale, ed i limiti impressi dalla rilevanza pubblica del bene si inseriscono nella struttura del diritto del proprietario comunque esso si qualifichi, caratterizzandolo nella sua giuridica essenza e vincolandolo indissolubilmente ad un esercizio che svolga quella funzione d'interesse generale cui la cava è, di per sé, destinata, non è sostenibile l... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...econdo cui l'art. 22 della legge regionale Lombardia n. 14/98 si porrebbe in contrasto con il dettato dell'art. 42 della Costituzione poiché imporrebbe al proprietario non cavatore di dare in concessione il terreno abilitato all'escavazione con pregiudizio della proprietà privata non per il perseguimento dell'interesse pubblico ma per favorire interessi di terzi privati.

L'art. 23 della legge regionale n. 14/1998 in base al quale in caso di concessione della cava, al proprietario del terreno è dovuto un indennizzo annuale pari al 30% del valore agricolo, prevedendo un criterio di determinazione dell'indennizzo astratto e predeterminato (quale quello del valore agricolo), del tutto svincolato dalla considerazione dell'effettivo valore di mercato dei suoli medesimi e tale da non assicurare agli aventi diritto il versamento di un indennizzo integrale o ragionevole, si pone in netto contrasto con l'art. 1, primo protocollo, allegato alla Convenzione CEDU a cui è stata data esecuzione con legge n. 848/1995, nell'interpretazione data dalla Corte Europea dei diritti dell'uomo, così violando l'art. 117, primo comma, della Costituzione.

Il sostanziale contenuto dell'art. 23 della legge regionale n. 14/1998 in base al quale ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...concessione della cava, al proprietario del terreno è dovuto un indennizzo annuale pari al 30% del valore agricolo, contrasta apertamente con i principi che, da sempre, la Corte costituzionale ha affermato a tutela del diritto di proprietà in applicazione dell'art. 42 Cost.; ciò in particolare alla luce dei principi affermati con la nota sentenza 7 giugno 2011-10 giugno 2011, n. 181, in cui sono richiamati i principi affermati con le decisioni nn. 348 e 349 del 24 ottobre 2007.

A fronte dell'affermato contrasto della normativa di cui alla L.R. n. 14/1988, art. 23 con il disposto costituzionale (art. 42 e 117) e con la normativa CEDU, non può sostenersi che l'esiguità dell'indennizzo ivi previsto in caso di concessione a terzi della cava, riceverebbe la propria giustificazione dal fatto che non si tratterebbe, come per il caso dell'espropriazione, di privare il proprietario del bene, che verrebbe, invece, solo temporaneamente dato in concessione al terzo, ma poi restituito dopo un integrale riassetto ambientale, ciò giustificando la controprestazione di un mero canone per la durata della concessione; ciò in quanto alla fine della concessione, il previsto rimodellamento fisico dell'ambito estrattivo esaurito restituir... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... proprietari il possesso di un bene completamente trasformato rispetto al bene originario, di cui hanno perduto, invece, definitivamente la disponibilità sin dal momento in cui è stata attribuita la concessione al terzo.

Non è manifestamente infondata la questione di costituzionalità dell'art. 24 della legge regionale n. 14/1998 per contrasto con gli artt. 42 e 117 della Costituzione, in relazione all'art. 1, primo protocollo allegato alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, nella prima parte del disposto normativo, che così recita: "1. Il titolare del diritto sul giacimento, benché diffidato ai sensi dell'art. 22, comma 2, ove ritenga di non presentare domanda di autorizzazione, può far pervenire entro lo stesso termine a chi abbia presentato la richiesta di coltivazione del giacimento una proposta irrevocabile di cessione temporanea del diritto di scavo ad un compenso annuo pari al 30% del valore agricolo delle aree interessate dal giacimento".

La questione d'illegittimità costituzionale dell'art. 23, comma 5, della legge regionale n. 14/1998 per contrasto con l'art. 3 della Costituzione, per prevedere la citata norma una deroga a favore ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...oggetti (fittavolo, colono, mezzadro o compartecipante), che sono costretti a cedere il terreno ricompreso nel piano cave, è manifestamente infondata, atteso che, proprio in omaggio al principio costituzionale di uguaglianza in senso sostanziale, la disciplina normativa deve essere diversa in relazione alla regolamentazione di diverse fattispecie, e nel caso all'esame non può di certo sostenersi che la situazione di chi trae dal sito il sostentamento in ragione dell'esercizio sullo stesso della propria attività agricola sia la medesima di chi ha sull'area un mero titolo di proprietà.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI