Carrello
Carrello vuoto

  • HOME
  • giudizio, processo
  • Autonomia della domanda per ottenere il riconoscimento dell'indennità di occupazione legittima


Autonomia della domanda per ottenere il riconoscimento dell'indennità di occupazione legittima


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIO
anno:2018
pagine: 978 in formato A4, equivalenti a 1663 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato, Responsabile Servizio Espropri Amministrazione provinciale di Catanzaro

GIUDIZIO --> DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ --> INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE --> INDENNITÀ DI ESPROPRIO, DIFFERENZA

L'indennità di occupazione è del tutto autonoma rispetto a quella di espropriazione, ragion per cui è necessario proporre distinta domanda.

La domanda di determinazione dell'indennità di occupazione si configura, rispetto a quella di determinazione dell'indennità di esproprio, come ontologicamente diversa, mirando quest'ultima a ottenere il compenso per la perdita della proprietà, mentre la prima riguarda la perdita temporanea della disponibilità del bene, pur se l'occupazione costituisce ormai indefettibilmente la prima fase del procedimento espropriativo, senza però approdare necessariamente al provvedimento ablatorio finale. La domanda di determinazione dell'indennità di occupazione non può, quindi, ritenersi implicita in quella avente ad oggetto l'indennità di espropriazione, dovendo essere tempestivamente formulata, in via autonoma, con l'atto introduttivo del giudizio di opposizione alla stima dell'indennità di espropriazione, a pena di inammissibilità in caso di successiva proposizione nel corso del giudi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...
Le domande dirette, rispettivamente, alla determinazione delle indennità di occupazione e di espropriazione sono del tutto autonome ed indipendenti l'una dall'altra, fondandosi su di un diverso "petitum" e su diversa "causa petendi", con la conseguenza che la domanda diretta alla determinazione dell'indennità di occupazione, non potendo ritenersi implicita in quella avente ad oggetto l'indennità di espropriazione, deve essere tempestivamente formulata, in via autonoma, con l'atto introduttivo del giudizio di opposizione alla stima dell'indennità di espropriazione, a pena di inammissibilità in caso di successiva presentazione in corso di giudizio.

L'indennità di occupazione non è tout court compresa in quella di espropriazione; ne consegue che, qualora oggetto di giudizio sia l'indennità di occupazione non accettata, non è calzante il principio secondo cui, per effetto di accettazione da parte dell'espropriando dell'ammontare offerto dall'espropriante, l'accordo sull'indennità di espropriazione, che si sia consolidato in forza del contratto di cessione o dell'adozione del decreto di espropriazione, risulta definitivo e non più contestabile attraverso la proposi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...opposizione alla stima della L. n. 865 del 1971, ex artt. 19 e 20.

L'indennità di espropriazione e indennità di occupazione temporanea sono oggetto di domande distinte ed autonome, avuto riguardo alle diversità delle relative causae petendi, costituite l'una dall'ablazione del bene espropriato e l'altra dalla privazione del godimento di quello occupato, nonché alla possibilità della mancanza di una delle due vicende, nell'ambito del procedimento ablatorio.

Le opposizioni alla stima dell'indennità di occupazione e dell'indennità di espropriazione sono domande distinte ed autonome, avuto riguardo alle diversità delle relative "causae petendi", costituite l'una dalla ablazione del bene espropriato e l'altra dalla privazione del godimento di quello occupato, nonché alla possibilità della mancanza di una delle due vicende, nell'ambito del procedimento ablatorio, prevista come regola dal D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, che solo nell'art. 22-bis (aggiunto dal D.Lgs. 27 dicembre 2002, n. 302, art. 1), consente l'occupazione preordinata all'esproprio per l'urgente inizio dei lavori.

Le domande volte ad ottenere la determinazione delle indennità di espropriazio... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...azione sono del tutto autonome l'una dall'altra, in quanto, oltre ad avere ad oggetto differenti petita, si fondano su causae petendi diverse, rappresentate rispettivamente dall'ablazione del bene espropriato e dalla privazione del godimento di quello occupato, le quali si configurano come vicende distinte, entrambe normalmente ricorrenti nell'ambito del procedimento ablatorio, ma ciascuna delle quali può anche in concreto mancare: la formulazione della prima domanda non consente pertanto di ritenere che l'attore abbia inteso avanzare implicitamente anche la seconda, la quale dev'essere invece espressamente proposta nell'atto introduttivo del giudizio, o univocamente desumibile dallo stesso, non potendo altrimenti aver luogo il riconoscimento del relativo diritto.

Nel giudizio avente ad oggetto la richiesta di indennità di espropriazione, nessun giudicato può essere invocato ai sensi dell'art. 2909 cod. civ. in merito agli accertamenti compiuti in precedente controversia, identica esclusivamente per i soggetti, ma assolutamente diversa quanto a causa petendi e petitum in quanto avente ad oggetto la domanda per la determinazione dell'indennità di occupazione, trattandosi di domande dirette al conseguimento di beni giuridici distinti e ch... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o su fatti costitutivi autonomi - perfino temporalmente.

L'opposizione alla stima dell'indennità di espropriazione e l'opposizione alla stima dell'indennità di occupazione integrano domande autonome, anche quando vengano cumulativamente inserite in unico giudizio; la prima è diretta a compensare il proprietario per la definitiva ablazione del suo bene che viene coattivamente trasferito all'espropriante. Laddove l'occupazione temporanea e d'urgenza di beni immobili, è volta a compensare, per tutta la durata dello stato di indisponibilità degli stessi, il detrimento dato dal loro mancato godimento, ferma rimanendone l'appartenenza all'originario proprietario.

La domanda ad oggetto l'indennità di occupazione, fondandosi su di un diverso "petitum" e su diversa "causa petendi", non può ritenersi implicita in quella avente ad oggetto l'indennità di espropriazione, e deve pertanto essere tempestivamente formulata, in via autonoma, con l'atto introduttivo del giudizio di opposizione.

La domanda intesa ad ottenere il riconoscimento dell'indennità di occupazione legittima è del tutto autonoma rispetto alle altre richieste proponibili a seguito dell'espropr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...dennità di espropriazione, risarcimento del danno per perdita della proprietà), attesa la diversità della "causa petendi" e del "petitum"; la sua specificazione in sede dì precisazione delle conclusioni integra una domanda nuova.

La domanda di determinazione dell'indennità di occupazione deve ritenersi autonoma rispetto a quella di determinazione dell'indennità di espropriazione, avendo suddette domande diversi sia il petitum che la causa petendi. Ne consegue la tardività della domanda di determinazione dell'indennità di occupazione formulata solo in sede di precisazione delle conclusione.

La domanda di determinazione dell'indennità di occupazione non può ritenersi implicita in quella avente ad oggetto l'indennità di espropriazione, dovendo essere tempestivamente formulata, in via autonoma, con l'atto introduttivo del giudizio di opposizione alla stima dell'indennità di espropriazione, a pena di inammissibilità in caso di successiva proposizione nel corso del giudizio.

Ove la domanda di determinazione giudiziale dell'indennità di esproprio e di occupazione siano proposte entrambe davanti alla Corte di Appello e la doma... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a all'indennità di esproprio si riveli improponibile per la mancata emissione del decreto ablatorio, resta comunque la competenza di quel Giudice a pronunciarsi sulla domanda di determinazione dell'indennità di occupazione.

Le domande dirette alla determinazione delle indennità di occupazione e di espropriazione sono del tutto autonome ed indipendenti l'una dall'altra, fondandosi su di un diverso "petitum" e su diversa "causa petendi", con la conseguenza che la domanda diretta alla determinazione dell'indennità di occupazione, non potendo ritenersi implicita in quella avente ad oggetto l'indennità di espropriazione, deve essere tempestivamente formulata, in via autonoma, con l'atto introduttivo del giudizio di opposizione alla stima dell'indennità di espropriazione.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI