Carrello
Carrello vuoto



Contratti agrari di colonia e mezzadria


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEI CONTRATTI AGRARI
anno:2017
pagine: 353 in formato A4, equivalenti a 600 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


AGRICOLTURA --> CONTRATTI AGRARI --> COLONIA

La domanda di affrancazione del fondo dal rapporto di colonia migliorativa è relativa ad una controversia in materia di contratti agrari e, pertanto, la sua proponibilità è subordinata al previo tentativo obbligatorio di conciliazione, ai sensi della L. 3 maggio 1982, n. 203, art. 46.

Il contratto di colonia migliorata, pur essendo assimilabile all'enfiteusi sul piano funzionale, va ritenuto di natura agraria e come tale è soggetto al tentativo di conciliazione obbligatorio ex art. 46 L. n. 203 del 1982.

La colonia perpetua si diversifica dall'enfiteusi per la longevità del possesso, la mancanza di un documento formale di costituzione, la facoltà di trasferire il godimento del fondo senza il consenso del proprietario, l'esclusione del diritto di prelazione e la natura della prestazione, consistente sempre in una porzione di frutti.

I rapporti miglioratari di cui alla L. n. 327 del 1963, art. 1, hanno natura personale e non reale, atteso che in tali fattispecie il colono è titolare di un diritto di credito nei confronti del concedente, avente a oggetto il g... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l fondo, accompagnato dall'obbligo, derivante dalla convenzione o dall'uso locale, di apportare al fondo miglioramenti con impianto di colture arboree o arbustive.

AGRICOLTURA --> CONTRATTI AGRARI --> MEZZADRIA

La prosecuzione di fatto del rapporto di mezzadria al termine della durata stabilita dalla L. 3 maggio 1982, n. 203, art. 34 non determina il venir meno del diritto del concedente di chiedere, senza alcun onere di disdetta, la declaratoria di avvenuta cessazione del contratto e, conseguentemente, il rilascio del terreno.

La volontà del mezzadro di trasformare il rapporto in affitto richiede una comunicazione esplicita e formale a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento o in altra forma, che rispettando il termine semestrale, assicuri eguale certezza nella comunicazione della volontà del concessionario, senza che detta comunicazione possa ritenersi implicita nel pagamento di somme effettuato a titolo di canone di affitto e ciò anche nell'ipotesi di invio al proprietario del pagamento di somme a mezzo di vaglia postale.

Ai sensi della L. n. 203 del 1982, in materia di contratti agrari, è esclusa ogni possibilità di rinnovazio... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...lla scadenza di un contratto di mezzadria, essendo prevista la cessazione dei contratti associativi alle rispettive scadenze, fissate dall'art. 34, della citata legge, con imposizione del divieto, ex art. 45 della stessa legge, di instaurazione di nuovi rapporti contrattuali della medesima natura.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI