Carrello
Carrello vuoto



Compatibilità tra acquisizione sanante ed usucapione

L'usucapione a favore della P.A. non risulta preclusa dal D.P.R. 327/2001, tuttavia la possibilità di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento ad efficacia sanante (ex art.42-bis DPR 327/2001), è logicamente incompatibile con il già intervenuto acquisto del bene immobile a titolo di usucapione.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OCCUPAZIONI ED ESPROPRI ILLEGITTIMI
anno:2014
pagine: 4019 in formato A4, equivalenti a 6832 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 55,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


La possibilità per la P.A. di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento amministrativo avente efficacia sanante (ex art. 42-bis DPR 327/2001), è logicamente incompatibile con il già intervenuto acquisto del bene immobile a titolo di usucapione.

Avuto riguardo alla previsione dell'art. 42 bis DPR 327/2001, l'esercizio del diritto alla restituzione del bene illegittimamente occupato ed irreversibilmente trasformato, è ostacolato solo dalla maturazione della usucapione ventennale.

L'usucapione a favore dell'Amministrazione non risulta preclusa dalla disciplina contenuta nel D.P.R. 8 Giugno 2001 n. 327. La possibilità per la P.A. di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento amministrativo avente efficacia sanante è logicamente incompatibile con il già intervenuto acquisto del bene immobile a titolo di usucapione.

L'usucapione non appare preclusa dalla disciplina contenuta nel D.P.R. 327/2001, anche perché in tal caso la possibilità per la P.A. di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento amministrativo avente efficacia sanante (ex art. 42-bis) è logicamente incompatibile con il g... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ntervenuto acquisto del bene immobile a titolo di usucapione.

Avuto riguardo alla previsione dell'art. 42 bis DPR 327/2001, l'esercizio del diritto alla restituzione del bene da un lato non è subordinato all'impugnazione degli atti del procedimento espropriativo non portato a termine con l'emissione del decreto di espropriazione; dall'altro, è ostacolato solo dalla maturazione della usucapione ventennale.

L'usucapione non appare preclusa dalla disciplina contenuta nel D.P.R. 8 Giugno 2001 n. 327, anche perché in tal caso la possibilità per la P.A. di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento amministrativo avente efficacia sanante (ex art. 42-bis) è logicamente incompatibile con il già intervenuto acquisto del bene immobile a titolo di usucapione.

L'eccezione dell'intervenuta usucapione da parte dell'Amministrazione convenuta nel giudizio promosso per la rivendica del bene occupato illegittimamente, non appare preclusa dalla disciplina contenuta nel D.P.R. 8 Giugno 2001 n° 327, anche perché in tal caso la possibilità per la P.A. di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento amministrativo avente efficacia sanante (e... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...is) è logicamente incompatibile con il già intervenuto acquisto del bene immobile a titolo di usucapione.

L'acquisto postumo del diritto di proprietà ex art. 42 DPR 327/2001, è logicamente incompatibile con l'intervenuto acquisto retroattivo del medesimo diritto a titolo di usucapione.

Non risulta concretamente possibile, ad usucapione maturata, la condanna all'adozione di provvedimento ex art. 42 bis del T.U. n. 327/2001, per la preclusiva ragione che l'usucapione costituisce già autonomo titolo di acquisto della proprietà e non potrebbe, con ogni evidenza, procedersi all'acquisto di cosa propria.

La possibilità per la pubblica amministrazione di un acquisto postumo del diritto di proprietà con un provvedimento avente efficacia sanante (art. 42 bis DPR 327/2001), è logicamente incompatibile con il già intervenuto acquisto del bene, eventualmente anche a titolo di usucapione. Va infatti affermata la compatibilità fra la previsione di modi di acquisto della proprietà o di altri diritti reali di natura espropriativa e l'usucapione.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI