Carrello
Carrello vuoto



Interventi abusivi su un immobile vincolato


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:BENI E VINCOLI CULTURALI ARCHEOLOGICI, STORICI, ARTISTICI nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 256 in formato A4, equivalenti a 435 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Non sono suscettibili di sanatoria gli interventi abusivi realizzati su un immobile oggetto di vincolo storico – artistico ancorché il vincolo sia stato posto successivamente alla realizzazione del manufatto abusivo.

L'art. 33 della l. 47/1985 nel prevedere che non è possibile ottenere la sanatoria delle opere abusive realizzate su edifici ed immobili assoggettati alla tutela della legge n. 1089/1939 che non siano compatibili con la tutela medesima implica che l'accertamento di compatibilità va condotto caso per caso e con specifica motivazione che dia conto di tale compatibilità, allo scopo specifico (nel caso di legittimo diniego) di consentire alla parte interessata di conformare il proprio comportamento ai contenuti della tutela e progettare di conseguenza gli interventi che quest'ultima consente e nelle giuste modalità.

Deve affermarsi un concorso del Comune, da esercitarsi nella appropriata sede della vigilanza edilizia ex D.P.R. 380/2001, alla funzione di tutela del patrimonio storico-artistico, da esercitarsi, come avvenuto nel caso di specie, in stretto raccordo istruttorio con la competente soprintendenza statale.

La riscontrata carenza dei presupposti atti autorizzatori promananti dal... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...grave; preposta alla tutela del bene storico-artistico, nella logica della condizione legale, rendono non efficace il titolo autorizzatorio edilizio e, conseguentemente, non conforme a legge la conseguente attività edificatoria, sicché spetta anche al Comune la repressione dell'illecito.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI