CATASTO CARTOGRAFIA

Stai vedendo 53-60 di 99 risultati

Particolari adempimenti amministrativi nell'aggiornamento cartografico e catastale

La legge 679/69 ha introdotto l’obbligo, per i possessori di particelle censite nel catasto terreni sulle quali vengono edificati nuovi fabbricati, di produrre una denuncia di cambiamento nello stato dei terreni in dipendenza di costruzioni di fabbricati urbani. Tale adempimento è assolto attraverso la predisposizione del cosiddetto tipo mappale, da presentare in catasto, per specifica previsione normativa, nel termine di sei mesi dalla data di riconosciuta abitabilità o agibilità dei locali

Annullamento di un tipo nell'aggiornamento cartografico e catastale: la fusione di particelle

In alcuni casi i soggetti interessati che abbiano prodotto un atto di aggiornamento cartografico possono richiedere l’annullamento nel caso che non risultino più necessari alle loro finalità. In seguito ai numerosi tipi di frazionamento approvati la quantità delle particelle conservate tende a crescere in misura considerevole. Spesso si tratta infatti di piccole particelle di nessuna rilevanza topografica e di scarsissima importanza tributaria, che tuttavia rendono difficoltosa la consultazione

Aggiornamento cartografico e catastale: particolari adempimenti amministrativi

Può accadere che un punto fiduciale risulti non più rinvenibile sul posto, o divenga inaccessibile e non sia possibile un suo riposizionamento. In tali casi, il tecnico deve fare presente la situazione all’Ufficio provinciale dell’Agenzia del Territorio competente. Ai fini del completamento del rilievo di aggiornamento, nella relazione tecnica, iI professionista indicherà la non rinvenibilità del punto fiduciale e potrà provvedere ad eseguire le operazioni utilizzando un punto ausiliario

Adempimenti in materia di aggiornamento del catasto: la dichiarazione delle nuove costruzioni

La normativa catastale e fiscale impone ai soggetti titolari di diritti reali sulle unità immobiliare di presentare in catasto, entro predefinito termine, la dichiarazione delle nuove costruzioni e la denuncia di variazione per quelle unità immobiliari già censite che abbiano formato oggetto di mutazione con effetto sulla rendita catastale. Il termine a cui si fa riferimento è il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui le nuove costruzioni sono state ultimate e le variazioni eseguite

Adempimenti in materia di aggiornamento del catasto: il tipo mappale

I tipi di aggiornamento cartografico richiedono l’esecuzione di un rilievo topografico, le cui modalità sono state standardizzate per semplificarne redazione, lettura e verifica delle misure eseguite. Spetta ai soggetti titolari di particelle l’obbligo di predisporre un preventivo frazionamento nel caso di vendita o costituzione di diritti reali su porzione di particella esistente e di dichiarare le nuove costruzioni realizzate su particelle, al fine di mantenere aggiornata la mappa catastale

Adempimenti in materia di aggiornamento del catasto: la voltura catastale e il ravvedimento operoso

La voltura castale è il procedimento amministrativo per mantenere aggiornato il catasto sui soggetti titolari di diritti reali sui beni immobili ivi iscritti. Quando vengono posti in essere atti civili o giudiziali od amministrativi che diano origine al trasferimento di diritti censiti nel catasto dei terreni, coloro che sono tenuti alla registrazione degli atti stessi hanno l’obbligo di richiedere le conseguenti volture catastali. Tale obbligo vale anche per i trasferimenti a causa di morte

Le nuove disposizioni catastali

Le nuove disposizioni riguardano sostanzialmente 2 fronti: le modalità di aggiornamento delle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni DOCFA di nuova costruzione, seguenti tipi mappali elaborati dall’ufficio con nuove procedure interne; la verifica dei dati anagrafici e codici fiscali dichiarati dalla parte, con i dati omologhi presenti in Anagrafe Tributaria, sia con riferimento alle domande di volture che agli altri procedimenti di introduzione di nuovi soggetti negli atti catastali

Indicazione degli intestati nella dichiarazione delle nuove costruzioni

L’idea nasce dall’esigenza di garantire la continuità storica tra ultima intestazione al catasto dei terreni della particella su cui è stata realizzata una nuova costruzione ed i soggetti che debbono intestarsi in catasto edilizio urbano come titolari delle unità immobiliari presenti nella costruzione medesima. Le criticità operative riguardano 3 punti: correttezza degli intestati in catasto terreni; conformazione del lotto; coincidenza tra numero lotti formati e numero fabbricati da iscrivere

Indicazione degli intestati nella dichiarazione delle nuove costruzioni: ditte allineate e ditte disallineate

Quando la ditta è allineata, si è di fronte al caso più semplice in quanto vi è continuità formale nell’intestazione tra CT e CEU corredata dalla completezza dei dati anagrafici e delle titolarità già presenti al CT. Con la trattazione dell’atto di aggiornamento PREGEO l’immobile cui è attribuita la categoria fittizia F/6 viene costituito in carico alla ditta presente al CT. Con la successiva dichiarazione DOCFA, il professionista si limita a confermare la ditta già in precedenza iscritta al CEU

Indicazione degli intestati nella dichiarazione delle nuove costruzioni: ditte disallineate e ditte da dichiarare al CEU

Questa fattispecie si presenta nel caso in cui la ditta da intestare al catasto urbano sia dichiarata, dalle parti interessate, priva di titolo legale reso pubblico. Il professionista redige il tipo mappale riportando nella pagina Informazioni Generali i nominativi di tutti i soggetti interessati alla presentazione dell’atto di aggiornamento e ugualmente la pagina "Informazioni sui soggetti" dovrà riportare in modo esplicito i dati anagrafici, la tipologia e le quote dei vari titoli di possesso

Aggiornamento dati catastali: errori nell’indicazione della tipologia di intestazione

Nel caso in cui nel documento PREGEO sia stata erroneamente indicata la tipologia d’intestazione, al fine di evitare il rifiuto della dichiarazione DOCFA, il professionista incaricato dalla parte presenta istanza in bollo per la rettifica della ditta associata all’unità immobiliare censita in categoria F/6. L’Ufficio effettua i controlli di rito e adotta i provvedimenti previsti dall’ordinamento, al fine di poter successivamente consentire la presentazione del DOCFA, evitando che sia respinto

Aggiornamento dati catastali: casi particolari di unità immobiliari

La fattispecie più comune può essere rappresentata da un’edicola costruita su un terreno di proprietà demaniale, sul quale, mediante atto di concessione, è data facoltà di posizionare una costruzione prefabbricata stabilmente infissa, che rimane di proprietà del soggetto concessionario. Preliminarmente, deve essere predisposto un tipo mappale utilizzando la procedura informatica PREGEO, atto ad individuare le particelle oggetto della concessione e la rappresentazione del fabbricato in mappa.

Pagina 5 di 9 5