ULTIMI APPROFONDIMENTI CARICATI

Stai vedendo 2107-1956 di 3912 risultati

L'occupazione appropriativa e la realizzazione di un piano P.I.P.

Nell'attuazione dei piani per gli insediamenti produttivi (P.I.P.), in mancanza di delega a terzi (enti o istituti, ai sensi dell'art. 60 della stessa legge) dell'esercizio dei poteri espropriativi, l'eventuale occupazione appropriativa si compierebbe comunque a favore dell'ente pubblico e non a favore dell'assegnatario.

Normativa della Regione Sicilia relativa all'acquisizione sanante

L'art. 42 bis DPR 327//2001 è applicabile nella Regione Siciliana in virtù del rinvio dinamico, dapprima sancito dall'art. 36 L.R. n. 7 del 2002 e, poi, dall'art. 1, primo comma, L.R. n. 12 del 2011, che hanno entrambe stabilito la diretta applicabilità del D.P.R. n. 327 del 2001 e delle sue successive integrazioni e modificazioni nel territorio della Regione.

Acquisizione sanante e restituzione del bene (art. 42 bis D.P.R. 327/2001)

Nei casi di cui all'art. 42-bis, primo e secondo comma, DPR 327/2001, il primo dovere che incombe sull’Amministrazione non è quello “civilistico” relativo alla restituzione dell’immobile e al risarcimento del danno per l’occupazione illegittima, ma quello “amministrativo” relativo alla valutazione degli interessi in conflitto.

Acquisizione sanante e restituzione dell'immobile espropriato

Nel caso di occupazione non seguita da un tempestivo provvedimento di esproprio l’Amministrazione è tenuta a restituire l’immobile, previa riduzione in pristino stato, al proprietario nonché a risarcire il danno per il periodo di occupazione illegittima, ovvero ad acquisirlo mediante un diverso titolo di acquisto, che in primo luogo può essere quello di cui all’art. 42-bis d.p.r. n. 327/2001.

Retroattività dell'acquisizione sanante ex art. 42 bis D.P.R. 327/2001

Non può invocarsi l’applicazione dell’art. 42-bis del d. P.R. n. 327/2001, qualora i criteri di liquidazione del danno costituiscono oggetto di sentenza già passata in giudicato.

Riparazione per equivalente o in forma specifica in caso di acquisizione sanante

Il sopravvenire di un provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001, rende impossibile pronunciarsi sulla domanda di restituzione dei suoli illegittimamente occupati, atteso che è ormai cessata quell’occupazione sine titulo che costituiva il fondamento di tale pretesa. Ne consegue altresì il tendenziale “trasmigrare” di tutti i danni patiti dall’originario titolare delle aree acquisite all’interno dell’indennizzo corrisposto all’emissione del decreto ex art. 42 bis T.U.E.

Il risarcimento in forma specifica e per equivalente nel processo amministrativo

L'articolo 42-bis nel TUE, pur facendo salvo il potere di acquisizione sanante in capo alla pubblica amministrazione, non ripropone lo schema processuale previsto dal secondo comma dell'originario articolo 43, che attribuiva all'amministrazione la facoltà e l'onere di chiedere la limitazione alla sola condanna risarcitoria, ed al giudice il potere di escludere senza limiti di tempo la restituzione del bene, con il corollario dell'obbligatoria e successiva emanazione dell'atto di accquisizione

Acquisizione sanante e condanna della P.A. all'obbligo di provvedere

I principi derivanti dall'interpretazione sistematica degli artt. 43 e 42 bis DPR 327/2001 e le possibilità insite nel principio di atipicità delle pronunce di condanna, di cui all'art. 34, comma 1 lett. c), c.p.a., impongono una limitazione della condanna all'obbligo generico di provvedere, ex art. 42-bis d.lgs. n. 327/2001.

Acquisizione sanante: quando la restitutio in integrum del bene è inattuabile

In ipotesi di occupazione senza titolo, in applicazione all'art. 34, comma 4 del c.p.a. e della ratio dell'art. 42-bis DPR 327/2001, l'Amministrazione va condannata all'emanazione di un provvedimento di acquisizione sanante con indicazione del risarcimento dovuto a parte ricorrente.

Adozione del provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis D.P.R. 327/2001

L'art. 42 bis DPR 327/2001, 3 comma, trova applicazione, da un lato, con riferimento ai procedimenti espropriativi non ancora definiti al momento della sua entrata in vigore, dall’altro lato anche nel caso non sia ancora intervenuto il provvedimento di acquisizione sanante.

La discrezionalità del provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis T.U. Espropri

E' inammissibile la domanda di condanna dell'Amministrazione ad adottare l’atto di acquisizione ex art. 42 bis del Testo Unico Espropriazioni, trattandosi di atto di natura prettamente autoritativa e discrezionale, che come tale pertiene esclusivamente alla sfera di competenza della P.A.; ciò anche alla luce del principio consacrato nell’art. 34 comma 2 c.p.a., secondo il quale “In nessun caso il giudice può pronunciare con riferimento a poteri amministrativi non ancora esercitati

Condizioni per la reiezione della domanda risarcitoria per la perdita del diritto dominicale

Va disposta la reiezione della domanda risarcitoria per i danni conseguenti alla perdita del diritto dominicale, salva l’adozione di un provvedimento di acquisizione, al patrimonio comunale, della proprietà dell’area medesima ai sensi dell’art. 42 bis del d.p.r. n. 327/2001, previo pagamento del valore venale del bene secondo quanto precisato dal medesimo art. 42 bis.

Pagina 163 di 326 50 110 160 163 220 270