Giusto procedimento: l'art. 21 octies L. 241/90

PROCEDURA --> CONTRADDITTORIO, GIUSTO PROCEDIMENTO --> ART. 21 OCTIES L. 241/90

La pretermissione del momento dialogico scolpito dall’art. 7 della legge n. 241/90, vanamente attivato dall’Amministrazione mediante la tardiva notifica dell’avviso di avvio procedimentale, non ha alcuna ricaduta patologica sul decreto impugnato quando l’apporto partecipativo dei ricorrenti sia sostanzialmente inutile.

Gli istituti partecipativi riconosciuti dalla legge n. 241/90 sono a tutela di valori sostanziali e non formali sicché, in presenza di una decisione finale che non avrebbe potuto essere diversa, si rende applicabile la norma di cui all’art. 21 octies della stessa legge.

Gli atti vincolati non sono ese... _OMISSIS_ ...igo di comunicazione di avvio del procedimento bensì sono semplicemente non annullabili laddove, nonostante la partecipazione del privato, non avrebbero potuto avere diverso contenuto dispositivo rispetto a quello dell'atto in concreto adottato.

L’esercizio del potere di sgombero dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata costituisce attività vincolata finalizzata a preservare la proprietà o il possesso del bene oggetto di confisca, con conseguente applicabilità delle disposizioni contenute nell'art. 21 octies della legge n. 241/1990.

Il difetto di comunicazione di avvio del procedimento in relazione al provvedimento di chiusura dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande non potrebbe portare comunque... _OMISSIS_ ...llamento del provvedimento, in considerazione della sua natura vincolata, per cui il procedimento non avrebbe potuto comunque avere esito diverso, con conseguente applicabilità del disposto sanante dell’art. 21 octies comma 2, prima parte l. 241/90.

Il procedimento volto al rilascio di un’autorizzazione all'installazione di impianti pubblicitari ha natura vincolata per cui il comma 2° dell’art. 21 octies della L. 241 del 1990 risulta applicabile anche in caso di omessa comunicazione dell'avviso di cui all'art. 10 bis della medesima legge.

Secondo un condivisibile orientamento giurisprudenziale, l’art. 21 octies, comma 2, L. n. 241/1990 va interpretato estensivamente anche con riferimento all’art. 10 bis L. n. 24... _OMISSIS_ ...
Presupposto applicativo dell’art. 21 octies della L. n. 241/1990 è l’esistenza di un provvedimento illegittimo per vizi di forma che postula, a sua volta, un potere esercitato illegittimamente e tuttavia esistente in capo all'amministrazione che deve provvedere.

La comunicazione di avvio del procedimento amministrativo è superflua quando: a) l'adozione del provvedimento finale è doverosa (oltre che vincolata); b) i presupposti fattuali dell'atto risultano assolutamente incontestati dalle parti; c) il quadro normativo di riferimento non presenta margini di incertezza sufficientemente apprezzabili; d) l'eventuale annullamento del provvedimento finale per accertata violazione dell'obbligo formale di comunicazione non priverebbe la P.A. del pot... _OMISSIS_ ...dottare un nuovo provvedimento di identico contenuto.

L'art. 21 octies L. n. 241/1990, non trova applicazione solo in caso di attività amministrativa di carattere vincolato, atteso che la sua formulazione risulta certamente riferibile anche alle ipotesi di attività di tipo discrezionale.

In materia di procedura per l'aggiudicazione del bene pubblico non può trovare applicazione il disposto dell’art. 21 octies, comma 2, della legge n. 241/1990, versandosi in ipotesi di atto discrezionale.

Rispetto ad un provvedimento di sgombero di area occupata abusivamente, risulta applicabile l’art.21 octies, comma II, della legge n.241/90, risultando che il contenuto del “provvedimento non avrebbe potuto essere diverso da quel... _OMISSIS_ ...adottato”.

Il secondo periodo dell'art. 21-octies, co. 2, legge 241/1990 si applica alla mancata comunicazione di avvio del procedimento e non al differente vizio della mancata comunicazione del preavviso di rigetto.

L’art. 21 octies legge 241/1990 ha previsto che l’amministrazione può dimostrare in giudizio che il contenuto del provvedimento non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato, così superando la censura di carattere formale; una interpretazione corretta di tale disposizione impone che essa vada estesa ai casi n relazione ai quali, per il concreto atteggiarsi del processo di primo grado, l’amministrazione possa dimostrare che dall’accoglimento del gravame e dalla declaratoria del... _OMISSIS_ ... (con onere di reiterazione della procedura, emendata dalla lacuna riscontrata), l’impugnante non possa ricavare alcun giovamento.

La violazione dell'art. 7 legge 241/1990 non produce ex se l'illegittimità del provvedimento terminale, dovendo la disposizione essere interpretata alla luce del successivo art. 21 octies, co. 2, che impone al giudice di valutare il contenuto sostanziale del provvedimento, e quindi di non annullare l'atto nel caso in cui le violazioni formali non abbiano inciso sulla legittimità sostanziale del medesimo.

La previsione di cui all’art. 21 octies, comma 2, seconda parte, della L. n. 241/1990, è norma di grande rilievo pratico che, nell’introdurre una distinzione tra illegittimità “forti” ... _OMISSIS_ ...quo;deboli”, ha inteso porre un freno all’operare incontrastato della sanzione invalidante, quale conseguenza inevitabile della riscontrata illegittimità, evitando annullamenti “inutili”, e rompendo l’equazione illegittimità = annullabilità.

L’art. 21 octies comma 2 L. n. 241/1990 è norma di grande rilievo pratico che, nell’introdurre una distinzione tra illegittimità “forti” ed illegittimità “deboli”, ha inteso porre un freno all’operare incontrastato della sanzione invalidante, quale conseguenza inevitabile della riscontrata illegittimità, evitando annullamenti “inutili”, e rompendo l’equazione illegittimità = annullabilità.

Con riferimento alla vio... _OMISSIS_ ...mentale dell'art. 7 della L. n. 24171990, la novella legislativa di cui all'art. 21 octies comma 2, introdotta dalla L. n. 15/2005, ha previsto che l'amministrazione possa dimostrare in giudizio che il contenuto del provvedimento non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato, così superando la censura di carattere formale.

In base all'art. 21 octies della L. 241/90, l'annullabilità di un provvedimento amministrativo per la violazione dell'obbligo di comunicazione dell'avvio di procedimento ai soggetti nei confronti dei quali il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti ed a quelli che per legge debbono intervenirvi, è esclusa: a) quanto ai provvedimenti di natura vincolata, al pari che per la violazione delle altre ... _OMISSIS_ ...dimento, per la sola evidenza della inidoneità dell'intervento dei soggetti ai quali è riconosciuto un interesse ad interferire sul loro contenuto; b) quanto ai provvedimenti di natura non vincolata, subordinatamente alla prova da parte dell'amministrazione che il provvedimento non avrebbe potuto essere diverso anche in caso di intervento di detti interessati.

Le violazioni formali inerenti al procedimento non possono costituire valida ragione di annullamento dell'atto amministrativo.

L'art. 21-octies, co. 2, legge 241/1990 va applic...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 23554 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo