Partecipazione: principio ndi leale collaborazione tra p.a. e cittadini

I rapporti tra cittadino e pubblica amministrazione devono essere improntati al principio della leale collaborazione reciproca, con la conseguenza che le istanze prodotte non devono riportare dati non veritieri, devono essere chiare ed esplicite in ordine alle richieste formulate, sì da circoscrivere compiutamente l’obbligo di risposta della pubblica amministrazione.

La mancata segnalazione, da parte dell’amministrazione, del termine perentorio entro il quale i privati sono onerati ad effettuare un’integrazione istruttoria viola il dovere di trasparenza sancito dall'art. 1, comma 1, l. 7 agosto 1990, n. 241.

In tema di rapporti fra amministrazione e cittadino vige il principio in base al quale i relativi rapporti devono ... _OMISSIS_ ...ti al principio di leale collaborazione.

È illegittimo il diniego motivato sulla base dell’erronea presentazione dell’istanza al Comune anziché al S.U.A.P. qualora l’errore sia stato contestato agli istanti a distanza di oltre undici mesi e solo dopo la presentazione di un’analoga domanda, poi accolta, da parte di altro soggetto.

L’erronea presentazione di un’istanza al Comune anziché al S.U.A.P. obbliga il primo a trasmettere la domanda al secondo.

Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 2232 pagine in formato A4

40,00 €