Natura e durata degli abusi edilizi

ABUSI EDILIZI --> NATURA E DURATA

L’abuso edilizio è un illecito permanente e la relativa attività di vigilanza della Pubblica Amministrazione è strettamente vincolata e non soggetta ad alcun termine di prescrizione o decadenza. Non può ammettersi, pertanto, un affidamento meritevole di tutela alla conservazione di una situazione di fatto abusiva.

La normativa sul condono edilizio è caratterizzata dalla specialità, avendo natura derogatoria ed eccezionale, con conseguente necessità di procedere ad una lettura di stretta interpretazione, non potendo prevalere le esigenze di sanatoria di abusi edilizi su interessi pubblici qualificati, protetti attraverso l’apposizione di vincoli di tutela.

Il rilascio del titolo edili... _OMISSIS_ ...quello paesaggistico, nel caso di presenza di tale vincolo, fa cessare la permanenza dei relativi illeciti: infatti, per il principio di legalità, le opere edilizie si possono considerare supportate da un titolo solo se quello richiesto dalla legge è rilasciato prima della loro realizzazione o successivamente (nei casi consentiti di condono o di accertamento di conformità), così come – sotto il profilo paesaggistico – le opere si possono considerare supportate da un titolo solo se la relativa autorizzazione è rilasciata e diventa efficace prima della loro realizzazione o successivamente (nei casi consentiti di condono o di accertamento di conformità).

La natura reale della sanzione demolitoria comporta che la legittimazione passiva non richi... _OMISSIS_ ...à di accertare alcun profilo di responsabilità personale in ordine all’accertato abuso.

L’abuso edilizio è un illecito permanente sicché può sempre essere represso senza limiti temporali, e il decorso di un notevole lasso di tempo non è idoneo a ingenerare nessun affidamento del privato, che non può nascere da una situazione di illecito permanente; dal decorso del tempo il privato non riceve alcun danno, anzi consegue un vantaggio, godendo per maggior tempo del beneficio di un’opera abusiva che avrebbe dovuto essere tempestivamente rimossa.

Gli illeciti in materia urbanistica edilizia e paesistica, ove consistano nella realizzazione di opere senza le prescritte concessioni e autorizzazioni, hanno carattere di illeciti permanent... _OMISSIS_ ... commissione degli illeciti medesimi si protrae nel tempo, e viene meno solo con il cessare della situazione di illiceità, vale a dire con il conseguimento delle prescritte autorizzazioni.

Per quanto concerne il momento in cui può dirsi cessata la permanenza per gli illeciti amministrativi in materia urbanistica edilizia e paesistica, mentre per il diritto penale rileva la condotta commissiva (sicché la prescrizione del reato inizia a decorrere dalla ultimazione dell’abuso), per il diritto amministrativo si è in presenza di un illecito di carattere permanente, caratterizzato dall’omissione dell’obbligo, perdurante nel tempo, di ripristinare secundum jus lo stato dei luoghi, con l’ulteriore conclusione che se l’Autorità emana un pr... _OMISSIS_ ...ressivo (di demolizione, ovvero di irrogazione di una sanzione pecuniaria), non emana un atto “a distanza di tempo” dall’abuso, ma reprime una situazione antigiuridica ancora in atto.

Il provvedimento con il quale si ordina la rimessione in pristino di opere edilizie abusive è dovuto e vincolato, a prescindere dall’epoca di realizzazione dell’abuso, che costituisce illecito permanente, sì che le sanzioni applicabili sono comunque quelle dell’epoca in cui si procede.

La natura permanente dell’illecito edilizio comporta che quando il Comune eserciti il potere repressivo a distanza di tempo dalla commissione dell'abuso, la disciplina sanzionatoria applicabile sia quella vigente al momento dell'eserci... _OMISSIS_ ...sanzionatorio.

L’illecito edilizio è per sua natura un illecito permanente, che persiste sino alla rimessione in pristino.

Le misure repressivo-ripristinatorie, in quanto atti dovuti e rigorosamente vincolati, rimangono affrancati dalla ponderazione discrezionale del confliggente interesse al mantenimento in loco della res, dove l’interesse pubblico risiede in re ipsa nella riparazione (tramite ripristino dello stato dei luoghi) dell’illecito edilizio e, stante il carattere permanente di quest’ultimo, non viene meno per il mero decorso del tempo, insuscettibile di ingenerare affidamenti nel soggetto trasgressore.

La sanzione edilizia, contrariamente a quella penale, ha un carattere essenzialmente reale che ... _OMISSIS_ ... ricerca della responsabilità personale nella commissione dell’illecito e tende piuttosto alla reintegrazione dello stato dei luoghi.

Avendo l’illecito edilizio natura permanente, in quanto è tale l’alterazione dell’assetto urbanistico-edilizio del territorio indotta dall’opera abusiva, il potere repressivo dell’amministrazione può essere esercitato anche a lunga distanza di tempo, non derivando dal decorso di questo né una sorta di sanatoria dell’opera abusiva né tantomeno una situazione di affidamento in capo all’autore dell’abuso.

La repressione degli abusi edilizi è espressione di attività strettamente vincolata e non soggetta a termini di decadenza o di prescrizione, potendo la misura re... _OMISSIS_ ...enire in ogni tempo, anche a notevole distanza dall'epoca della commissione dell'abuso.

L'illecito edilizio ha carattere permanente, che si protrae e che conserva nel tempo la sua natura, per modo che l'interesse pubblico alla repressione dell'abuso è in re ipsa, mentre l'interesse del privato al mantenimento dell'opera abusiva è necessariamente recessivo rispetto all'interesse pubblico all'osservanza della normativa urbanistico-edilizia e al corretto governo del territorio.

Gli illeciti in materia urbanistica, edilizia e paesistica hanno carattere permanente, nel senso che la situazione di illiceità posta in essere con la realizzazione di un’opera abusiva viene meno solo con il conseguimento delle prescritte autorizzazioni in sanatoria, p... _OMISSIS_ ... urbanistico-edilizie, oppure con il ripristino dello stato dei luoghi.

Deve riconoscersi all'illecito edilizio natura di illecito permanente in quanto un immobile interessato da un intervento illegittimo conserva nel tempo la sua natura abusiva tale per cui l'interesse pubblico al ripristino della legalità violata è “in re ipsa”, quindi l'interesse del privato deve intendersi necessariamente recessivo rispetto all'interesse pubblico all'osservanza della normativa urbanistico-edilizia e al corretto governo del territorio.

Poiché gli illeciti edilizi hanno natura permanente, il termine di prescrizione inizia a decorrere dal momento della cessazione dell’illecito, ad esempio con il ripristino della legalità da parte del soggetto ... _OMISSIS_ ... l’abuso. Ciò a differenza degli illeciti di natura penale in cui, ai fini della decorrenza della prescrizione, la permanenza cessa con la ultimazione dei lavori.

Gli abusi edilizi ed urbanistici costituiscono illeciti permanenti, caratterizzati, cioè, dall’obbligo, perdurante nel tempo, di ripristinare secundum jus lo stato dei luoghi, onde la sanzione non solo non è emanata a distanza di tempo da un illecito ormai esaurito, ma interviene su una vicenda antigi...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 24269 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo