Il momento consumativo dei reati urbanistici ed edilizi

ABUSI EDILIZI --> REATI URBANISTICI ED EDILIZI --> MOMENTO CONSUMATIVO

La condotta punita dall'art. 44, lett. b), TU Edilizia nonché dal D.Lgs. n. 42 del 2004, art. 181, comma 1, in caso di mancata rimozione dell'opera edilizia insistente in zona vincolata, legittimamente eseguita sulla base dell'autorizzazione stagionale, si consuma istantaneamente nel momento in cui scade il termine contenuto nell'autorizzazione stagionale entro cui l'opera avrebbe dovuto essere rimossa.

La permanenza del reato urbanistico cessa con l'ultimazione dei lavori del manufatto, in essa essendo comprese le rifiniture, ovvero al momento della desistenza definitiva dagli stessi, da dimostrare in base a dati obiettivi ed univoci.

Ove si ravvisi il c... _OMISSIS_ ...ivo del pubblico ufficiale nel reato edilizio per aver dato colpevolmente causa all'attività edificatoria con il rilascio di un permesso di costruire illegittimo, è ragionevole affermare che anche nei suoi confronti la consumazione del reato si verificherà alla data dell'ultimazione dei lavori indebitamente assentiti, ovvero al momento della desistenza definitiva dagli stessi.

In caso di esecuzione di un'opera edilizia illecita, l'azione vietata si perfeziona ed esaurisce con la materiale attuazione dell'opera stessa, la quale va dall'inizio alla ultimazione dei lavori, con la conseguente configurabilità di una permanenza circoscritta nell'ambito di questi due momenti.

Il reato di lottizzazione abusiva è un reato di durata ed ha natura di reato ... _OMISSIS_ ...l'evento. Nondimeno, nella lottizzazione abusiva cosiddetta "materiale", non sempre il reato si risolve e si consuma con la sola realizzazione di opere, in quanto la condotta lottizzatoria può perdurare ininterrottamente nel tempo, alla stessa stregua del reato permanente, allorché, indipendentemente dall'avvenuto completamento delle opere programmate ed eseguite, o da ulteriori condotte criminose del lottizzatore o di terzi, essa consenta l'uso o lo sfruttamento del territorio da parte di terzi, correlativamente impedendo o rendendo più difficoltosa la concreta fruizione del bene da parte della collettività secondo la destinazione impressa alla zona dalla pubblica amministrazione. In tale caso, la situazione antigiuridica innescata dall'iniziale condotta lottizzat... _OMISSIS_ ... nel tempo in considerazione del perdurante attentato al bene giuridico protetto dall'incriminazione, con la conseguenza che anche il solo mantenimento della situazione contra jus è, in tal caso, sufficiente a perpetuare e ad approfondire l'offesa.

L'illecito di cui all’art. 167 comma 5 del d.lgs. 42/2004 si configura come permanente, dato che chi lede un bene paesaggistico con un’opera abusiva crea un danno perdurante nel tempo per effetto di una condotta che, di momento in momento, sarebbe tenuto a far cessare, ovvero per effetto dell’inadempimento del proprio obbligo di rimessione in pristino.

In presenza di un illecito di natura permanente, come certamente è quello derivante dalla violazione di norme paesaggistiche ed ambie... _OMISSIS_ ...nenza stessa deve correttamente intendersi cessata quanto meno a partire dalla data in cui l’illecito medesimo viene ammesso a sanatoria (e quindi ex post legittimato) previa valutazione positiva della compatibilità dell’opera con l’ambito vincolato circostante.

Quanto alla data di ultimazione dell'opera, va ricordato che la permanenza del reato di edificazione abusiva termina, con conseguente consumazione della fattispecie, o nel momento in cui, per qualsiasi causa volontaria o imposta, cessano o vengono sospesi i lavori abusivi, ovvero, se i lavori sono proseguiti anche dopo l'accertamento e fino alla data del giudizio, in quello della emissione della sentenza di primo grado.

Il reato urbanistico al pari del reato paesaggisti... _OMISSIS_ ... permanente e la loro consumazione, che ha inizio con l'avvio dei lavori di costruzione, perdura fino alla cessazione dell'attività edilizia abusiva, momento nel quale inizia a decorrere il termini di prescrizione. La cessazione dell'attività coincide con l'ultimazione dei lavori per il completamento dell'opera, con la sospensione dei lavori volontaria o imposta mediante sequestro penale, con la sentenza di primo grado, se i lavori continuano dopo l'accertamento del reato e sino alla data del giudizio.

In materia edilizia la cessazione della permanenza e quindi la consumazione del reato si abbia solo con il completamento dell'opera comprese le rifiniture; altra cosa è, invece, la nozione di ultimazione contenuta nella L. n. 47 del 1985, art. 31 (che anticipa t... _OMISSIS_ ...uello della ultimazione della struttura) che è applicabile solo in materia di condono edilizio.

Nei reati urbanistici che hanno natura permanente la cessazione dell'attività si ha con l'ultimazione dei lavori per completamento dell'opera, con la sospensione dei lavori volontaria o imposta, con la sentenza di primo grado, se i lavori continuano dopo l'accertamento del reato e sino alla data del giudizio.

Nei reati urbanistici, che hanno natura permanente, l'ultimazione dei lavori coincide con la conclusione dei lavori di rifinitura interni ed esterni, quali gli intonaci e gli infissi, sicché è entro tale preciso ambito che deve dunque individuarsi il concetto di "ultimazione", che ha natura oggettiva e non può, pertanto, dipendere da va... _OMISSIS_ ...ttive.

La permanenza del reato di edificazione abusiva termina, con conseguente consumazione della fattispecie, o nel momento in cui, per qualsiasi causa volontaria o imposta, cessano o vengono sospesi i lavori abusivi, ovvero, se i lavori sono proseguiti anche dopo l'accertamento e fino alla data del giudizio, in quello della emissione della sentenza di primo grado.

In tema di gestione dei rifiuti, il reato di deposito incontrollato di rifiuti ha natura "permanente" se l'attività illecita è prodromica al successivo recupero o smaltimento, delle cose abbandonate, e, quindi, la condotta cessa soltanto con il compimento delle fasi ulteriori rispetto a quella del rilascio, o, invece, natura "istantanea con effetti eventualmente perma... _OMISSIS_ ... l'attività illecita si connota per una volontà esclusivamente dismissiva dei rifiuti, che, per la sua episodicità, esaurisce gli effetti della condotta fin dal momento dell'abbandono e non presuppone una successiva attività gestoria volta al recupero o allo smaltimento.

Le contravvenzioni edilizie sono reati permanenti la cui flagranza si interrompe, là dove non sia intervenuta la definitiva sospensione delle opere abusive (per lo più, ma non esclusivamente, determinata dall'avvenuta privazione della disponibilità di esse in capo al materiale esecutore a seguito di provvedimento cautelare di sequestro da parte della Autorità giudiziaria), solo con il definitivo completamento delle opere abusive, caratterizzato dalla ultimazione anche delle finiture interne ed... _OMISSIS_ ...ufatto ivi compresi infissi ed intonaci.

In tema di reati edilizi, deve ritenersi "ultimato" solo l'edificio concretamente funzionale che possegga tutti i requisiti di agibilità o abitabilità, di modo che anche il suo utilizzo effettivo, ancorché accompagnato dall'attivazione delle utenze e dalla presenza di persone al suo interno, non è sufficiente per ritenere sussistente l'ultimazione dell'immobile abusivamente realizzato, coincidente generalmente con la conclusione dei lavori di rifinitura interni ed esterni.


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 22007 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo