Acquisizione dei diritti reali da parte della P.A.: tempestività del decreto d'esproprio

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> TEMPESTIVITÀ

Ai sensi dell’art.13 del DPR n.327 del 2001, il termine quinquennale per l’emanazione del decreto di esproprio decorre dal momento in cui l’atto che dichiara la pubblica utilità diviene efficace (e non già dal momento in cui viene semplicemente adottato).

Il decreto di occupazione (o di proroga della medesima) è provvedimento formalmente e sostanzialmente autonomo rispetto a quello di espropriazione, con la conseguenza che eventuali vizi inficianti la validità del primo non incidono sulla legittimità del secondo, che, ove intervenuto nei termini stabiliti dalla dichiarazione di pubblica utilità, deve ritenersi validamente em... _OMISSIS_ ...ntemente dalla scadenza del termine di occupazione legittima, risultando, per converso, inutiliter datum soltanto se, in seguito alla realizzazione dell'opera ed alla scadenza dell'occupazione legittima, si sia verificata la cosiddetta "occupazione acquisitiva" in favore dell'ente espropriante.

Ai fini della tempestività della conclusione della procedura ablatoria deve guardarsi esclusivamente alla data di emissione del decreto.

Non è sufficiente a determinare la valida chiusura del procedimento ablatorio il decreto di esproprio che sia stato adottato fuori termine.

E' alla dichiarazione di pubblica utilità e al periodo di sua efficacia che va ricondotta la legittimità della procedura espropriativa, e non ai termini prev... _OMISSIS_ ...o;occupazione temporanea. Il decreto di esproprio emesso prima della scadenza del termine previsto per il completamento dell’espropriazione e nella vigenza della dichiarazione di pubblica utilità, seppur intervenuto dopo la scadenza del termine per l’occupazione d’urgenza, non può quindi ritenersi tamquam non esset, atteso che il potere ablatorio al momento dell’emissione del decreto era ancora sussistente.

Alla luce del disposto di cui al DPR 327/2001, tempestivo è il decreto di esproprio emanato entro i cinque anni dalla dichiarazione di pubblica utilità.

Secondo un orientamento consolidato della Suprema Corte, la c.d. “occupazione appropriativa” si determina solo alla data di scadenza dell'occupazione legit... _OMISSIS_ ...nseguenza che, fino a quando tale termine originario o prorogato non sia spirato, il proprietario null'altro può pretendere se non la corresponsione della relativa indennità ed è sempre possibile l'emanazione del decreto di espropriazione di un'area che continua ad appartenere all'originario proprietario.

Deve rilevarsi il carattere di strumentalità, ma non di sovrapponibilità dei termini di durata dell’occupazione d’urgenza rispetto ai termini inerenti alla dichiarazione di pubblica utilità, con la conseguenza che il decreto di espropriazione, in quanto adottato entro i termini di efficacia della dichiarazione di pubblica utilità, è tempestivo e legittimo, salvi gli effetti, ai fini risarcitori, che potrebbero scaturire a seguito dell’eventu... _OMISSIS_ ...o dell'illegittimità del decreto di proroga dell’occupazione d’urgenza.

Al fine di valutare la tempestività dell’emanazione del provvedimento di esproprio deve farsi riferimento non al termine finale dell’occupazione o ad eventuale sue proroghe, ma al termine fissato nell’atto che (anche implicitamente) dichiara la pubblica utilità dell’opera (nonché l’indifferibilità e l’urgenza dei relativi lavori).

E' legittimo il decreto di esproprio adottato entro il termine di scadenza dell’ultima proroga concessa per il completamento della procedura espropriativa, in conformità al disposto di cui all’art. 13, comma 6, del d.p.r. n.327/2001.

I procedimenti di occupazione d’urg... _OMISSIS_ ...priazione della proprietà privata, sebbene non privi di aspetti di connessione e interferenza, devono considerarsi due procedimenti distinti, e dotati di reciproca autonomia; il decreto di occupazione (o di proroga della medesima) è provvedimento formalmente e sostanzialmente autonomo rispetto a quello di espropriazione, con la conseguenza che eventuali vizi inficianti la validità del primo non incidono sulla validità del secondo, che, ove intervenuto nei termini stabiliti dalla dichiarazione di pubblica utilità, deve ritenersi validamente emanato, indipendentemente dalla scadenza del termine di occupazione legittima.

Ai fini della tempestività del decreto di esproprio a nulla rileva che siano scaduti i termini di occupazione d’urgenza qualora tale atto ... _OMISSIS_ ...a procedura espropriativa sia stato pronunciato nei termini di vigenza della dichiarazione di pubblica utilità, assolvendo dichiarazione di pubblica utilità e occupazione temporanea d'urgenza due diverse funzioni.

Il dies a quo di decorrenza del termine quinquennale per l’emanazione del decreto di esproprio decorre dalla data dell’efficacia della dichiarazione di p.u. La ratio dell’art. 23 lett. a) DPR 327/2001, è evincibile anche in rapporto alla disposizione di cui al previgente art. 13 l. n. 2359/1865: in entrambi i casi, infatti, si tratta di prevenire ogni protrazione "ad libitum" della condizione del bene assoggettato alla potestà ablatoria. Ne consegue che la p.a. è tenuta ad emettere il decreto di esproprio entro il termine ... _OMISSIS_ ...ichiarazione di pubblica utilità, pena la sopravvenuta illegittimità della procedura ablatoria, e il conseguente sorgere in capo ad essa di obblighi restitutorio-risarcitori.

L’art. 13 della legge n. 2359/1865 stabilisce che non si può procedere all’espropriazione, vale a dire non si può legittimamente adottare il decreto di esproprio ed acquisire legittimamente l’area che ne è interessata, ove siano decorsi i termini entro i quali devono cominciarsi e compiersi le espropriazioni ed i lavori. Tale effetto preclusivo non si produce invece in caso di intervenuta scadenza dei termini fissati per l’occupazione.

E' correttamente emanato il decreto di esproprio che sia stato adottato quando non era ancora cessato il termine, an... _OMISSIS_ ...per la conclusione dei lavori e delle procedure espropriative. Relativamente alla scadenza del termine per l’occupazione temporanea, posto che il decreto di esproprio ha altresì disposto l’occupazione permanente dell’area interessata dall’opera, essa potrebbe originare un’azione di risarcimento per illecita occupazione temporanea.

L'occupazione configura un procedimento distinto ed autonomo rispetto a quello di espropriazione; ai fini della tempestività del decreto di esproprio il riferimento non va al termine quinquennale contenuto nel decreto di occupazione ma ai termini entro i quali devono incominciarsi e compiere le espropriazioni ed i lavori contenuti ex art. 13 L. n. 2359/1865 nella dichiarazione di pubblica utilità.... _OMISSIS_ ... Il solo rispetto del termine fissato nel decreto di occupazione non risulta sufficiente ai fini della valida emissione del decreto di espropriazione, dovendo lo stesso intervenire entro il termine di efficacia della dichiarazione di pubblica utilità, indipendentemente da eventuali proroghe della durata dell'occupazione.

Ai fini della validità del decre...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12452 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo