La manutenzione delle strade pubbliche

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> SOGGETTI PROPRIETARI, OBBLIGHI

Gli enti proprietari delle strade, ai sensi dell'art. 14 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, devono - salvo che nell'ipotesi di concessione prevista dal comma 3 della predetta norma - provvedere: a) alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, nonché delle attrezzature, impianti e servizi; b) al controllo tecnico dell'efficienza delle strade e delle relative pertinenze; c) all'apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta. Trattasi di obbligo derivante dal mero fatto di essere proprietari, il quale può concorrere con ulteriori obblighi (e, quindi, con ulteriori cause di responsabilità) del medesimo ente o di altri, derivanti da altre normative... _OMISSIS_ ...are, dalla disciplina dettata dall'art. 2051 cod. civ.

Spetta all'ente proprietario provare di aver assolto, con efficace diligenza, all'attività di sorveglianza per garantire la sicurezza dell'uso della strada, comprese le opportune indicazioni di attenzione nel caso di dislivelli accentuati della pavimentazione, e dell'attività di manutenzione della stessa onde eliminare le anomalie più pericolose e prevedibili, potenziando di conseguenza diligentemente anche l'illuminazione notturna e la pulizia della strada onde consentirne la visibilità.

Al fine di garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione, ex art. 14 C.d.S., gli enti proprietari sono tenuti a provvedere: a) alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e a... _OMISSIS_ ...elle attrezzature, impianti e servizi; b) al controllo tecnico dell'efficienza delle strade e relative pertinenze; c) all'apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta.

L'art. 14, comma 3 del Codice della Strada, pur attribuendo, in termini generali, i poteri e i compiti del proprietario della strada al concessionario della stessa, nondimeno non vale nello specifico a radicare in capo a quest’ultimo il potere di emettere provvedimenti di cui neppure risulta titolare il proprietario. Invero il comma 2 del medesimo art. 14 (“gli enti proprietari provvedono, inoltre: a) al rilascio delle autorizzazioni e delle concessioni di cui al presente titolo”) nonché l’art. 26 del Codice della Strada (“le autorizzazioni di cui al presente... _OMISSIS_ ...lasciate dall’ente proprietario della strada o da altro ente da quest'ultimo delegato o dall'ente concessionario della strada in conformità alle relative convenzioni”) si riferiscono ad atti di assenso, comunque denominati, che sono rilasciati, di norma ex ante, dal proprietario.

DEMANIO E PATRIMONIO - STRADE - SOGGETTI PROPRIETARI, OBBLIGHI - MANUTENZIONE L'obbligo di manutenzione, gestione e pulizia della sede stradale non si estende alle aree estranee circostanti, in particolare alle ripe site nei fondi laterali alle strade, che devono essere mantenute dai proprietari delle medesime.

Ai sensi dell’articolo 14 del Codice della strada, spetta agli enti proprietari (e ai concessionari delle autostrade) provvedere alla loro manutenzi... _OMISSIS_ ... pulizia, comprese le loro pertinenze e arredo, nonché attrezzature, impianti e servizi e, quindi, non limitatamente al solo nastro stradale, ma anche alle piazzole di sosta, onde siano garantite la sicurezza e la fluidità della circolazione.

L'art. 19 R.D. 1740/1933, che regola il riparto delle spese per il ripristino delle strade, non è applicabile nell'ipotesi in cui la necessità del ripristino derivi esclusivamente dalla responsabilità del privato proprietario del fondo confinante con la strada.

Nel caso in cui il Comune abbia ceduto parte del demanio stradale al Consorzio A.S.I., quest'ultimo deve certamente garantire ai sensi dell'art. 14 D. Lgs. 285/1992 la manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e dei loro arredi e p... _OMISSIS_ ...squo;apposizione della segnaletica stradale, ma il Comune deve contribuire alle spese nella misura in cui il pubblico transito grava sui tratti di demanio stradale ceduti, determinata sulla base dei flussi di traffico.

L'ente proprietario di una strada ha l'obbligo di provvedere alla relativa manutenzione nonché di prevenire e, se del caso, segnalare ogni situazione di pericolo o di insidia inerente non solo alla sede stradale ma anche alla zona non asfaltata sussistente ai limiti della medesima ("banchina"), tenuto conto che essa fa parte della struttura della strada, e che la relativa utilizzabilità, anche per sole manovre saltuarie di breve durata, comporta esigenze di sicurezza e prevenzione analoghe a quelle che valgono per la carreggiata.

L'ente p... _OMISSIS_ ...una strada aperta al pubblico transito ha l'obbligo di provvedere alla relativa manutenzione, nonché di prevenire e, se del caso, segnalare qualsiasi situazione di pericolo o di insidia inerente non solo alla sede stradale ma anche alla zona non asfaltata sussistente ai limiti della medesima, posta a livello tra i margini della carreggiata e i limiti della sede stradale ("banchina"), tenuto conto che essa fa parte della struttura della strada, e che la relativa utilizzabilità, anche per sole manovre saltuarie di breve durata, comporta esigenze di sicurezza e prevenzione analoghe a quelle che valgono per la carreggiata.

Per assicurare la sicurezza degli utenti la P.A., quale proprietaria delle strade pubbliche, ha l'obbligo di provvedere alla relativa manutenzione ... _OMISSIS_ ...nire e, se del caso, segnalare qualsiasi situazione di pericolo o di insidia inerente non solo alla sede stradale ma anche alla zona non asfaltata sussistente ai limiti della medesima.

Il concetto di manutenzione straordinaria di opere pubbliche stradali non si riduce al solo aspetto per così dire “statico” della sostituzione di elementi costitutivi ammalorati o, comunque, in via di obsolescenza, ma abbraccia anche un profilo dinamico ed evolutivo, esteso all’adozione ex novo di accorgimenti, addizioni, miglioramenti resi opportuni dallo sviluppo tecnologico - o addirittura prescritti da sopravvenute disposizioni normative - e finalizzati vuoi a meglio perseguire le originarie finalità pubblicistiche dell’opera (ad esempio, la realiz... _OMISSIS_ ...tture per la comunicazione in tempo reale all’utenza di notizie circa il traffico), vuoi a rispondere a nuove esigenze pubblicistiche di carattere “accessorio” (quale, appunto, la mitigazione dell’inquinamento acustico provocato dal transito dei veicoli tramite l’apposizione di opportuni diaframmi fisici rispetto all’ambiente circostante).

L’obbligo di manutenzione, gestione e pulizia della sede stradale non si estende alle aree estranee ad essa e circostanti: grava, infatti, sui proprietari delle ripe dei fondi laterali alle strade l'obbligo di mantenerle in modo da impedire e prevenire situazioni di pericolo connesse a franamenti o scoscendimenti del terreno, o la caduta di massi o altro materiale sulla strada, dove per ... _OMISSIS_ ...endersi le zone immediatamente sovrastanti e sottostanti la scarpata del corpo stradale. Sono quindi addossati ai proprietari dei fondi finitimi gli oneri della manutenzione delle ripe dei fondi laterali ovvero la realizzazione di opere di mantenimento, e tale obbligo non viene meno se l'amministrazione provveda parzialmente con ordinanze contingibili e urgenti per far fronte a un pericolo irreparabile ed imminente per la pubblica incolumità.

Deve ritenersi correttamente esercitata, da parte dell’amministrazione comunale, l’attività di manutenz...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 47542 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 2353 pagine in formato A4

38,00 €