Il maggior danno in caso di ritardo nel pagamento dell’indennizzo espropriativo

Il maggior danno in caso di ritardo nel pagamento dell’indennizzo espropriativo: l’art.17 della Carta di Nizza e il diritto al pagamento di una giusta indennità “in tempo utile”
Un altro tema strettamente connesso a quello qui trattato è legato al diritto dell’espropriato al maggior danno in caso di ritardato pagamento dell’indennizzo espropriativo rispetto al momento dell’esproprio.

Occorre partire dall’art.17 della Carta dei diritti fondamentali di Nizza-Strasburgo che proprio prevede al suo interno il riconoscimento del diritto al pagamento “in tempo utile” della giusta indennità.

V’è da rilevare che quello della tempestività del pagamento dell’indennità di espro... _OMISSIS_ ...bbe sembrare un criterio di ordine “processuale” che poco o nulla aggiunge alla garanzia riconosciuta dalla stessa Carta al proprietario espropriato.

Si tratta, al contrario, di un’importante innovazione rispetto alla disposizione contemplata dall’art.1 Prot.n.1 alla CEDU –sul punto silente- che tuttavia prende corpo e sostanza, ancora una volta, dalla giurisprudenza della Corte dei diritti dell’uomo già sopra ricordata.

Si ricorderà, in aggiunta ai precedenti riportati nel paragrafo precedente, che già prima della sentenza del 29 marzo 2006 Scordino c. Italia, Corte dir.uomo, sez. I, 29 luglio 2004, Scordino c. Italia, cit., nel riconoscere la violazione dell’art.1 Prot.n.1 alla CEDU per l’indenni... _OMISSIS_ ...alle autorità interne sulla base dell’art. 5 bis l.n.359/1992 non aveva mancato di sottolineare che dall’espropriazione –21 marzo 1983 - alla liquidazione dell’indennizzo –18 giugno 1997 – era trascorso un rilevante lasso temporale; ragione che aveva contribuito a far ritenere l’indennizzo corrisposto agli Scordino non ragionevole in rapporto al valore della proprietà espropriata così sancendo la violazione dell’art.1 Prot.n.1 alla CEDU.

Ancora prima, del resto, la giurisprudenza europea aveva particolarmente sottolineato che il giusto equilibrio fra privazione della proprietà ed intervento ablativo imponeva il pagamento dell’indennizzo senza ritardo, mancando il quale occorreva ristorare l&rsquo... _OMISSIS_ ...iudizio sofferto dal proprietario [1].

Tale principio trovava ulteriore conferma nella citata decisione del marzo 2006, allorché la Corte europea ha dato particolare rilievo alla mancata tempestiva corresponsione dell’indennizzo, individuando proprio nel decorso del tempo uno dei fattori capaci di ridurre l’adeguatezza dell’indennità. E proprio per evitare di accollare sul proprietario le conseguenze negative della ritardata liquidazione, essa si è indotta non solo a rivalutare l’importo così ottenuto a far data dal 1983, ma a riconoscere, in aggiunta, gli interessi legali semplici destinati a compensare “il lungo periodo di tempo durante il quale i ricorrenti sono stati privati del fondo”-p.258 sent. Scordino c. Ital... _OMISSIS_ ...6, cit.- [2].

Si comprende, così, come il carattere “giusto” dell’indennità è intimamente connesso alla tempestività della liquidazione, mancando la quale lo Stato dovrà farsi carico delle conseguenze negative prodotte sul “patrimonio” del proprietario, anche a costo di riconoscere al proprietario una tutela maggiore rispetto a quella attribuita al normale creditore di un’obbligazione di denaro. Il che potrebbe produrre importanti conseguenze anche in tema di maggior danno spettante al proprietario che riceve in ritardo l’adempimento del debito nascente dall’indennizzo espropriativo.

Orbene, non sembra potersi revocare in dubbio che proprio l’acquisita vincolatività della Carta di Nizz... _OMISSIS_ ...la sua rilevanza rispetto all’interpretazione dei diritti sanciti dalla CEDU, certificata dalla giurisprudenza di Strasburgo, rende davvero impossibile condividere la posizione espressa dal giudice di legittimità che dovrà, verosimilmente, presto fare i conti con ulteriori prese di posizione della Corte dei diritti umani. Non può infatti sottacersi che proprio la giurisprudenza di Strasburgo non ha mancato di sottolineare la rilevanza, ai fini ermeneutici dei diritti sanciti dalla CEDU, della Carta di Nizza-Strasburgo quando ancora la stessa era priva di efficacia giuridica vincolante [3].

la giurisprudenza della CEDU sul punto Incentrando ora l’analisi sulla giurisprudenza della Corte europea, v’è da dire che il ritardato pagamento del... _OMISSIS_ ... esproprio può, in particolari circostanze- elevato tasso di inflazione- produrre una perdita aggiuntiva del proprietario-.

Tale principio è stato per la prima volta espresso in modo compiuto da Corte dir.uomo 19 luglio 1997, Akkus c. Turchia (p.29-nel modo che si riporta:” In that respect, the Court has previously held that the adequacy of compensation would be diminished if it were to be paid without reference to various circumstances liable to reduce its value, such as unreasonable delay .... Abnormally lengthy delays in the payment of compensation for expropriation lead to increased financial loss for the person whose land has been expropriated, putting him in a position of uncertainty especially when the monetary depreciation which occurs in certai... _OMISSIS_ ...en into account. The Court notes on this subject that in Turkey the rate of interest payable on debts owed to the State - 84% per annum - is such as to encourage debtors to pay promptly; on the other hand, individual creditors of the State risk substantial loss if the State fails to pay or delays payment”.

Su un piano diverso sembra allo stato muoversi la Corte di Cassazione.

Infatti, Cass. 16 luglio 2008 n.19590 ha affermato che il mancato riconoscimento automatico della rivalutazione monetaria in caso di tardivo pagamento dell’indennizzo non crea alcuna frattura fra tutela interna e CEDU.

Si è in particolare ritenuto che la rivalutazione monetaria non è dovuta al proprietario che non abbia fatto espressa domanda ... _OMISSIS_ ...rnito prova del maggior danno, conseguente al decorso del tempo,ai sensi dell'art. 1224 c.c. In quella stessa circostanza si è ancora aggiunto che “non sussiste il dedotto contrasto con l'art. 1, del primo protocollo addizionale alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo a tutela della proprietà, che nel caso non sarebbe reintegrata, in rapporto alla eccessiva durata del processo sorto dalla opposizione alla stima, che darebbe luogo alla necessità di liquidare anche la svalutazione monetaria intervenuta nella more del giudizio e fino alla liquidazione come sancito dalla C.E.D.U. nelle sue sentenze 9 giugno 1997 Akkus c. Turchia, cit., e 5 giugno 2001 Gaganus e altri c.Turchia, decisioni relative a contesti nazionali nei quali la svalutazione annua era comunque di o... _OMISSIS_ .....] Va riaffermato che il motivo di ricorso non è fondato, in ragione del principio di sussidiarietà, per il quale, qualora i diritti oggetto di tutela nella Convenzione come individuati dalla giurisprudenza della CEDU, come, nel caso di specie, quelli di proprietà di cui all'art. 1, del primo protocollo addizionale lesi dal ritardo nella reintegrazione dei beni espropriati e per la svalutazione conseguente al prolungarsi dei processi di determinazione dell'indennità di espropriazione, siano comunque garantiti e prote...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13177 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 310 pagine in formato A4

12,00 €