La reiterazione del vincolo preordinato all'esproprio

In alternativa alla ripianificazione dell’area una volta sottoposta al vincolo, la legge individua anche la possibilità, previa adeguata motivazione, che il vincolo preordinato all’esproprio possa essere reiterato dopo la sua decadenza [37].

La reiterazione non può essere disposta senza svolgere una specifica e concreta indagine relativa alle singole aree, un’indagine finalizzata a misurare e controbilanciare le esigenze pubbliche e private [38].

In coerenza con questa disposizione si prevede che, in sede di reiterazione del vincolo, l’autorità pubblica sia tenuta ad accertare la sussistenza attuale e concreta dell’interesse pubblico tutelabile mediante l’apposizione (rectius la reiterazione) del vincol... _OMISSIS_ ...ificare se, in ossequio al principio di proporzionalità, non sussistano soluzioni meno pregiudizievoli per l’interesse privato sacrificabile [39].

Al di là di queste riflessioni di carattere generale attinenti al corretto esercizio del potere reiterativo, la disposizione che regola la possibilità di reiterazione si presenta poco chiara e brillante [40], specie sotto il profilo motivazionale e indennitario [41].

Partendo da quest’ultimo, è bene ricordare che la disciplina di riferimento è quella prevista dall’art. 39 del d.p.r. n. 327/2001, il quale afferma che «nel caso di reiterazione di un vincolo preordinato all’esproprio o di un vincolo sostanzialmente espropriativo è dovuta al proprietario una indennità, commis... _OMISSIS_ ...;entità del danno effettivamente prodotto».

Le controversie inerenti alla stima dell’indennità sono avviate con atto di citazione innanzi alla Corte d’appello nel cui distretto si trova l’area entro il termine di trenta giorni, decorrente dalla notifica dell’atto di stima [42].

La norma non stabilisce espressamente se la previsione dell’indennizzo debba essere contemporanea o successiva al provvedimento che dispone la reiterazione del vincolo, sicché appare logico domandarsi se detta previsione espressa nell’atto di reiterazione sia o meno una condizione di legittimità del provvedimento reiterativo, ovvero se, in caso di risposta affermativa, la sua assenza comporti la caducazione dell’atto stesso.... _OMISSIS_ ... Mentre il tenore letterale dell’art. 39 sembrerebbe orientato a fornire una risposta negativa al quesito, in giurisprudenza non vi sono risposte univoche.

In particolare, il testo di legge sembra orientato ad ammettere una sorta di sanatoria qualora l’indennità non fosse prevista nel provvedimento reiterativo. Si riconosce, cioè, la possibilità di procedere direttamente alla liquidazione dell’indennità purché questa avvenga entro il termine di due mesi dalla data di ricezione della domanda di pagamento corredata dall’opportuna documentazione [43]. L’indennità deve essere, poi, corrisposta entro i successivi trenta giorni, decorsi i quali sono dovuti anche gli interessi legali [44]. A tutela del privato si prevede, inoltre, che de... _OMISSIS_ ...to termine, questi può chiedere alla Corte d’appello di determinare l’indennità» [45].

In giurisprudenza, invece, lo scenario si palesa articolato.

Da un lato, si registrano posizioni che ritengono che la presenza dell’indennizzo nell’atto che dispone la reiterazione del vincolo sia una condizione di legittimità dell’atto stesso, sicché la sua assenza comporta la caducazione dell’intero provvedimento [46].

Sul versante opposto, invece, si hanno sentenze secondo cui l’omessa previsione del vincolo non si traduce in un vizio di legittimità dell’atto [47]. Si ascrive a questo orientamento la importante Adunanza Plenaria n. 7 del 24/5/2007 secondo la quale a seguito della reiterazi... _OMISSIS_ ...ario può attivare un procedimento amministrativo nel corso del quale egli ha l’onere di provare l’entità del danno effettivamente prodotto [48].

Esperito detto presupposto processuale il proprietario gravato dal vincolo reiterato può agire innanzi alla Corte d’appello.

Dal tenore letterale delle disposizioni che regolano la reiterazione del vincolo sarebbe preferibile il secondo orientamento dal momento che «l’art. 9, comma 4 del testo unico sugli espropri non vi fa in effetti alcun cenno, prescrivendo esclusivamente [… ] l’obbligo di specifica motivazione», mentre «l’art. 39, dal canto suo, è articolato in termini tali da presupporre una piena autonomia tra il momento autoritativo di ... _OMISSIS_ ... vincolo e quello riparatorio per equivalente» [49].

Detto questo non si deve dimenticare che in materia è sempre necessario «tener distinto il piano (sostanziale) della sussistenza del diritto dell’indennizzo […] da quello (formale-processuale) della modalità con cui il diritto può essere fatto valere» [50].

A tal fine appare persuasiva la posizione assunta dal giudice amministrativo secondo cui «il raccordo fra la pianificazione urbanistica e le previsioni di bilancio impedisce all’amministrazione di impegnare in sede di variante di reiterazione del vincolo “somme di denaro in cui è incerta la spettanza in ordine all’an e alquantum”, e ciò perché potrebbe non seguire l’approvaz... _OMISSIS_ ...della variante sia perché la quantificazione richiede valutazioni di fatto rappresentabili dal solo proprietario a conclusione del procedimento di pianificazione» [51].

In definitiva, alla luce di quanto appena esposto, in giurisprudenza si ricava «la tesi che i profili riguardanti il pagamento dell’indennizzo attengono non alla legittimità della reiterazione del vincolo, ma concernano questioni di carattere patrimoniale successive a tale atto» [52].

Per quanto riguarda, invece, il profilo motivazionale dell’atto di reiterazione, i punti salienti della disciplina sono dettati dal giudice amministrativo, sicché l’intera disciplina può definirsi di origine pretoria [53].

In materia si è provveduto... _OMISSIS_ ...laquo;un doppio criterio ermeneutico» per verificare il grado di approfondimento della motivazione del provvedimento che dispone la reiterazione del vincolo [54].

In primis si deve distinguere a seconda del numero di volte in cui avviene la reiterazione. A tal fine il giudice amministrativo ha previsto che «laddove la reiterazione dei vincoli intervenga per la prima volta, sia possibile un rinvio per relationem, al precedente provvedimento di pianificazione; laddove, invece, ove possibile, la reiterazione dei vincoli intervenga per più di una volta […] allora è necessaria una motivazione più approfondita delle scelte della p.a.» [55].

A ciò si aggiunge un ulteriore criterio per verificare se sia sufficiente o meno una mo... _OMISSIS_ ...elationem [56].

In questo caso si guarda la dimensione dell’area interessata dall’apposizione del vincolo, per cui se si ha di fronte «una pluralità di aree, nell’ambito dell’adozione di una variante generale o comunque riguardante una consistente parte del territorio» è sufficiente una motivazione


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9285 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 180 pagine in formato A4

30,00 €