La dichiarazione di pubblica utilità

Nel paragrafo sul vincolo preordinato all’esproprio si è detto che la prima fase, quella dell’apposizione del vincolo, si sostanzia nell’individuazione dell’area su cui dovrà essere realizzata l’opera. Nella seconda fase prevista dall’art. 8 T.U., la dichiarazione di pubblica utilità, si tratta di scegliere “cosa” in concreto si dovrà realizzare individuando le relative opere, scelta che avviene all’atto dell’approvazione del progetto definitivo.

La dichiarazione di pubblica utilità è l’atto autoritativo dal quale deve emergere il potere pubblicistico in relazione al bene immobile e costituisce allo stesso tempo il presupposto per la successiva attività giuridica e materiale di utilizzazione de... _OMISSIS_ ...er gli scopi pubblici individuati [1].

Pertanto, il decreto di esproprio può realizzare il suo effetto traslativo delle titolarità del diritto ablato solo nella misura in cui il bene venga effettivamente utilizzato per il raggiungimento dell’interesse pubblico predeterminato nella dichiarazione di pubblica utilità. In ogni caso, la dichiarazione di pubblica utilità – derivi essa dalla legge o mediatamente da un atto amministrativo – vale a legittimare l’esercizio concreto del potere espropriativo che la stessa legge ha già attribuito in via generale all’autorità competente.

La legge lo considera un presupposto indispensabile per l’esercizio del potere espropriativo e per l’avvio e lo svolgimento del pr... _OMISSIS_ ...torio: è con esso che il potere espropriativo si costituisce in capo all’Amministrazione [2].

La Cassazione l’ha definita come segue: «La dichiarazione di pubblica utilità dell’opera rappresenta la guarentigia prima e fondamentale del cittadino e nel contempo la ragione giustificatrice del suo sacrificio nel bilanciamento degli interessi del proprietario alla restituzione dell’immobile di quello pubblico al mantenimento dell’opera pubblica per la funzione sociale della proprietà» [3].

I suoi elementi essenziali sono la relazione sommaria, che descriva la natura e lo scopo dell’opera, la spesa stimata, i mezzi finanziari di esecuzione ed il termine di conclusione dei lavori.

L&rsquo... _OMISSIS_ ...uo della dichiarazione è l’interesse generale connesso all’opera da realizzare o allo scopo da raggiungere; l’atto non considera i soggetti passivi della futura espropriazione, né strettamente i beni espropriandi. La finalità della dichiarazione, infatti, non è la compressione della sfera giuridica altrui, bensì «la legittimazione dell’esercizio del potere espropriativo della competente autorità a favore del promotore dell’opera ritenuta di pubblica utilità» [4].

La Cassazione ha richiamato sia l’articolo 42 della Costituzione che l’articolo 1 del Protocollo n. 1 della CEDU quando ha dichiarato che, in assenza di una valida dichiarazione di pubblica utilità, qualsiasi provvedimento ablatorio e pure ... _OMISSIS_ ...sione sine titulo rimangono al livello di meri comportamenti dell’Amministrazione, non collegati ad alcuna pubblica funzione e, a maggior ragione, estranei alla materia dell’espropriazione, costituendo meri fatti illeciti di diritto comune [5].

In buona sostanza, la dichiarazione non ha lo scopo di comprimere la sfera giuridica altrui, bensì quello di autorizzare nel caso concreto l’esercizio del potere espropriativo a favore della realizzazione di una determinata opera. Per effetto della stessa i beni privati sono sottoposti immediatamente ad una qualità giuridica di subordinazione alla realizzazione dell’opera e al relativo regime di espropriabilità [6].

Per la sia idoneità a determinare effetti lesivi immediati... _OMISSIS_ ...uridica di terzi, sia il Consiglio di Stato sia la Corte di Cassazione hanno ritenuto che il procedimento di dichiarazione di pubblica utilità, anche quando questa sia implicita, sia autonomo rispetto a quello espropriativo, affermando la necessità che il suo atto conclusivo possa formare oggetto di specifica impugnazione, a differenza di tutti gli atti infraprocedimentali, anche senza connessione al decreto di espropriazione, come atto intermedio del procedimento espropriativo [7].

A maggior ragione, se la dichiarazione di pubblica utilità avviene mediante atto amministrativo e attraverso il piano di massima o, se sostituito, dal piano particolareggiato, è già possibile individuare i beni espropriandi e la loro appartenenza ai privati; in questa fattispecie ... _OMISSIS_ ... Stato ha pacificamente ammesso il ricorso degli espropriandi avverso tale atto, senza che sia necessario attendere l’emanazione del decreto di espropriazione.

Se invece la dichiarazione di pubblica utilità non consente di individuare i beni espropriandi, allora essa dovrà essere impugnata congiuntamente al decreto d’espropriazione [8].

Un cenno merita la disciplina della dichiarazione di pubblica utilità prevista dalla legge fondamentale del 1865, che si innestava in un contesto nel quale non esisteva una disciplina organica dell’urbanistica e non era prevista l’obbligatorietà dei piani regolatori generali.

Pertanto, il procedimento espropriativo istituito e disciplinato dalla legge n. 2359/1865 prendeva... _OMISSIS_ ... in assenza dei piani regolatori – da un decreto dichiarativo della pubblica utilità e dal relativo ordine di esecuzione del piano particolareggiato, mediante il quale si decideva sia la localizzazione dell’opera, sia l’individuazione dell’opera stessa. L’approvazione del progetto definitivo, quindi, aveva la doppia funzione di significare la scelta urbanistica e di legittimazione dell’emanazione del decreto di esproprio.

Già la legge fondamentale del 1865, quindi, prevedeva che l’approvazione del piano regolatore equivalesse a dichiarazione di pubblica utilità con riferimento alle opere in esso previste.

In realtà, questa era l’unica fattispecie in cui era riconosciuto il prodursi degli effetti d... _OMISSIS_ ...ione implicita, poiché la legge n. 2359 del 1865 prevedeva che, in assenza di pianificazione del territorio, opere di rilevante entità potevano essere eseguite solo laddove ci fosse una legge ulteriore a dichiararne la pubblica utilità, che era richiesta di volta in volta; ora, invece, l’approvazione di uno strumento urbanistico attuativo può attribuire la qualifica di pubblica utilità all’opera.

Analogamente, la legge n. 1150/1942 ha previsto che anche attività come il rilascio di autorizzazioni o concessioni ovvero piani di terzo livello, quali piani particolareggiati o i piani di lottizzazione o i PEEP, adottati dal Comune e approvati dalla Regione, comportassero anche la dichiarazione di pubblica utilità delle opere previste [9].

... _OMISSIS_ ...to sopra, la dichiarazione di pubblica utilità è il presupposto per la legittima emanazione del decreto di esproprio. L’art. 12 del Testo Unico prevede che se l’opera pubblica o di pubblica utilità è conforme alle previsioni dello strumento urbanistico, di una variante o di uno dei diversi atti previsti, allora la dichiarazione di pubblica utilità si intende disposta in una delle seguenti ipotesi:


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 38911 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 219 pagine in formato A4

30,00 €