Retrocessione: il diritto di prelazione del Comune

Il diritto di prelazione del Comune nella l. n. 865/1971 L’art. 21 della l. 22 ottobre 1971 n. 865, il cui titolo II è stato espressamente abrogato ad opera dell’art. 58 del t.u. espropri, prevedeva, per le espropriazioni disposte tramite la medesima l. n. 865, un diritto di prelazione del Comune nel cui territorio erano comprese le aree nei confronti delle quali veniva meno «la destinazione alla realizzazione d’un interesse pubblico».

La suddetta situazione del venir meno della destinazione alla realizzazione di un interesse pubblico era identificata, anche se si riteneva che non vi era «coincidenza assoluta», con le ipotesi in cui venivano «riconosciute la retrocessione parziale e quella totale» [1].
... _OMISSIS_ ...e diritto di prelazione doveva essere esercitato dal Comune entro il termine di centottanta giorni dal momento in cui cessava la destinazione alla realizzazione di un interesse pubblico: l’esercizio tempestivo del diritto inibiva la retrocessione nei confronti degli espropriati.

Il corrispettivo che il Comune doveva pagare andava determinato con gli stessi criteri che presiedevano alla determinazione dell’indennità di esproprio (art. 16 l n. 865/1971), oppure, in ipotesi di disaccordo, doveva essere determinato dall’ufficio tecnico erariale, la cui stima poteva essere impugnata innanzi alla Corte d’Appello.

Le aree acquisite dal Comune, che confluivano nel patrimonio indisponibile del Comune stesso, potevano essere utiliz... _OMISSIS_ ...per opere di competenza comunale, oppure potevano essere date in concessione per opere e interventi di pubblica utilità.

Occorre ancora ricordare che, in base ad un’interpretazione giurisprudenziale dell’art. 35 della l. n. 865/1971, il quale prevede il passaggio delle aree espropriate nel patrimonio indisponibile dell’ente espropriante, «le aree espropriate nell’ambito dei piani di zona per l’edilizia economica e popolare e non utilizzate acquistano de jure la qualità di beni appartenenti al patrimonio indisponibile dell’ente comunale e, come tali, neanche per il futuro possono essere sottratte alla loro destinazione, se non nei modi previsti dalla legge (art. 828 c.c.)» [2].

Di contrario avviso è... _OMISSIS_ ... interpretazione secondo la quale «il fatto che i beni espropriati confluiscano nel patrimonio indisponibile, è ininfluente ai fini del decidere in ordine alla richiesta di retrocessione. Non si vede, infatti, come la circostanza in sé che il bene espropriato entri a far parte del patrimonio indisponibile possa valere per sostenere la tesi che alla materia disciplinata dalla legge n. 865/71 non si applica l’istituto generale della retrocessione, regolato dalla legge del 1865, una volta che se ne siano avverati i presupposti voluti dalla legge generale sull’espropriazione per pubblica utilità.

Deve, invero, convenirsi con le tesi svolte dal ricorrente in ordine al carattere generale e di garanzia dell’istituto della retrocessione, che n... _OMISSIS_ ...i inficiato dalla sopravvenuta normativa posta con la legge n. 865/71, con la disciplina dettata dalla quale in ordine all’espropriazione al fine della realizzazione di piani e programmi per l’edilizia residenziale pubblica (essendo chiaramente il PEEP assimilabile ad un’opera pubblica), occorre armonizzare le norme di essa legge generale sull’espropriazione concernenti istituti generali ed espressivi, all’incirca, di principi di diritto, non disconoscibili da leggi posteriori» [3].

Interpretazione, quest’ultima, da preferire, per il semplice fatto che l’indisponibilità del bene espropriato, e lo stesso dicasi circa la sua inusucapibilità e impignorabilità , permane fintanto che il bene medesimo è destinato alla ... _OMISSIS_ ...squo;interesse pubblico.

Bisogna, infatti, ricordare che per effetto dell’emanazione del decreto di esproprio il bene entra a far parte del demanio o del patrimonio indisponibile dell’ente pubblico. Dopodiché, se entro il termine di dieci anni l’opera pubblica o di pubblica utilità, in funzione della quale il bene fu espropriato, non è stata almeno iniziata, il bene stesso non è più sottoposto al regime di indisponibilità, divenendo, quindi, retrocedibile, nonché pignorabile e usucapibile [4].

L’indisponibilità definitiva si realizzerà solo in caso di tempestiva realizzazione dell’opera pubblica o di pubblica utilità, «va da sé che ove l’opera pubblica non necessiti di materiali trasformazioni, il c... _OMISSIS_ ...squo;indisponibilità sarà assunto al momento dell’espropriazione, posto che è la stessa dichiarazione di pubblica utilità a dover contenere un esplicito provvedimento di destinazione all’uso pubblico» [5].

Il diritto di prelazione del Comune nel d.P.R. n. 327/2001 A seguito dell’entrata in vigore del t.u. espropri, il diritto di prelazione del Comune è oggi contemplato, per entrambe le ipotesi di retrocessione, dal comma 3 dell’art. 48.

Si tratta di un diritto di prelazione che è riconosciuto nei confronti delle aree, comprese nel territorio del Comune, che non sono state utilizzate ai fini della realizzazione delle opere oggetto della dichiarazione di pubblica utilità, e che, qualora esercitato, consente di far co... _OMISSIS_ ... medesime nel patrimonio indisponibile dell’ente locale.

È stato sottolineato come, «ovviamente, il diritto di prelazione potrebbe essere esercitato dal Comune solo quando tale ente non sia quello che ha proceduto all’espropriazione, altrimenti la prelazione si risolverebbe in una preclusione sostanziale all’esercizio del diritto di ottenere la retrocessione» [6].

Occorre, innanzitutto, osservare come, a differenza della precedente disciplina di cui all’art. 21 della l. n. 865/1971, non sia più espressamente prevista la possibilità per il Comune di proporre opposizione alla stima.

Si tenga presente, inoltre, che al Comune non è riconosciuta neppure alcuna possibilità di intervenire nel procedime... _OMISSIS_ ...azione concordata del corrispettivo della retrocessione [7].

È necessario, allora, verificare se sia possibile un’interpretazione estensiva del comma 2 dell’art. 48, o comunque una contestazione giudiziale nel caso in cui ci ritrovi in presenza non di una stima, ma di un accordo delle parti, pena la violazione dell’art. 24 comma primo della Costituzione, a norma del quale «tutti», quindi nel nostro caso anche il Comune, «possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi».

Sul punto è stato osservato come debba ammettersi una interpretazione di tal genere in quanto «il prezzo della retrocessione, al quale si correlano le condizioni dell’acquisto da parte del Comu... _OMISSIS_ ...to alla stregua di criteri non rimessi all’autonomia delle parti, ma predeterminati dalla legge. In sostanza il paradigma giuridico di riferimento non può evidentemente essere quello della prelazione di dritto Comune. Ne discende che non dovrebbe essere preclusa al Comune la possibilità di contestare la determinazione» [8].

Altra differenza rispetto alla l. n. 865/1971 è data dal fatto che il comma 3 dell’art. 48 non prevede più il limite dell&...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13458 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 116 pagine in formato A4

30,00 €