L'art. 42-bis davanti al giudice amministrativo

2. L'art. 42-bis davanti al giudice amministrativo


Una delle più appariscenti differenze tra l'art. 42-bis e l'art. 43 deriva dal fatto che nella disposizione più recente non sono stati riprodotti i commi 3 e 4 dell'art. 43, che disciplinavano la c.d. “acquisizione giudiziale”. Di conseguenza, sembra venuta meno la possibilità di chiedere che il giudice amministrativo, in caso di fondatezza della domanda, «disponga la condanna al risarcimento del danno, con esclusione della restituzione del bene senza limiti di tempo» [840]: in questo senso, infatti, sembra essersi già pronunciata la nuova giurisprudenza [841].

Sennonché, prima di saltare a siffatta conclusione è opportuno analizzare le singole azioni proponibil... _OMISSIS_ ...udice amministrativo e ritornare sulla questione solo dopo aver chiarito quali sono gli strumenti concessi al proprietario in tale sede e come concretamente si atteggiano nella prassi giurisprudenziale.



2.1 Domande astrattamente proponibili al giudice amministrativo


Da quanto detto in precedenza emerge che l'occupazione illegittima può essere sottoposta al giudice amministrativo in vari modi.

In primo luogo, infatti, il privato può chiedere l'annullamento del titolo su cui riposa la signoria della p.a. ed in tal caso si può parlare di azione di annullamento pura.

La domanda di annullamento, di per sé, si può rivolgere contro il provvedimento di occupazione ancora efficace, contro il decreto... _OMISSIS_ ... contro il provvedimento di acquisizione coattiva sanante ex art. 43 o art. 42-bis: se sono legittimi, infatti, tutti questi titoli consentono alla p.a. di possedere il bene, ma se vengono annullati rendono sine titulo l'occupazione. Ecco allora che il proprietario avrà tutto l'interesse a proporre, in aggiunta alla domanda di annullamento, anche la domanda risarcitoria: è vero che questa può essere intentata anche in seguito ovvero in sede di ottemperanza alla sentenza di annullamento [842]; tuttavia nel primo caso si verifica una duplicazione dei giudizi e nel secondo si ottiene un giudicato dalla portata ridotta rispetto a quello che si può conseguire cumulando fin dal principio la domanda di annullamento con quella risarcitoria, come in effetti è assai frequente nella pr... _OMISSIS_ ...CRLF| A sua volta, la domanda risarcitoria può essere proposta in forma specifica o per equivalente ed è bene che le due ipotesi siano tenute distinte, attese le diverse conseguenze giuridiche a cui possono dare luogo.

Infine, se l'occupazione è sine titulo il privato non avrà nulla da impugnare ed in questo caso dovrà proporre un'azione risarcitoria pura - cioè sganciata da qualunque domanda di annullamento - che anche qui si può manifestare nella forma specifica o in quella per equivalente.

Riassumendo, quindi, i modelli processuali attivabili davanti al giudice amministrativo sono sostanzialmente tre: l'azione di puro annullamento, l'azione risarcitoria in forma specifica, pura o congiunta alla domanda annullamento e l'azione risarcitoria pe... _OMISSIS_ ...anch'essa pura o congiunta alla domanda di annullamento.
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 360 pagine in formato A4

60,00 €