Edificabilità delle aree cimiteriali

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> FASCE DI RISPETTO --> TIPOLOGIE --> CIMITERIALE --> EDIFICABILITÀ

Il R.D. 27 luglio 1934, n. 1265, art. 338 prescrive che i cimiteri devono essere collocati alla distanza di almeno 200 metri dai centri abitati e tale disposizione opera indipendentemente dagli strumenti urbanistici ed eventualmente anche in contrasto con gli stessi. In detta fascia di rispetto cimiteriale è vietato sia costruire nuovi edifici sia intervenire su manufatti preesistenti con opere che comportino un'alterazione dei volumi o delle superfici.

Il vincolo cimiteriale, così come complessivamente normato dall’art. 338 del t.u. approvato con r.d. 27 luglio 1934 n. 1265 e successive modi... _OMISSIS_ ...minato e determina a tutt’oggi un regime di inedificabilità ex lege e integra una limitazione legale della proprietà a carattere assoluto, direttamente incidente sul valore del bene e non suscettibile di deroghe di fatto, tale da configurare in maniera obbiettiva e rispetto alla totalità dei soggetti il regime di appartenenza di una pluralità indifferenziata di immobili che si trovino in un particolare rapporto di vicinanza o contiguità con il perimetro dell’area cimiteriale.

L'anteriorità delle opere edilizie abusive rispetto all’apposizione del vincolo cimiteriale non è rilevante, poiché tale vincolo discende ex lege dall’art. 338 del R.D. 27.7.1934 n. 1265, applicabile direttamente e indipendentemente dalla riproduzione nello strumen... _OMISSIS_ ...vigente.

Il vincolo cimiteriale previsto dall'art. 338, R.D. n. 1256 del 1934 determina una situazione di inedificabilità ex lege e integra una limitazione legale della proprietà a carattere assoluto, direttamente incidente sul valore del bene e non suscettibile di deroghe di fatto, tale da configurare in maniera obbiettiva e rispetto alla totalità dei soggetti il regime di appartenenza di una pluralità indifferenziata di immobili che si trovino in un particolare rapporto di vicinanza o contiguità con i cimiteri.

Il vincolo esistente nella fascia di rispetto di 200 metri dal perimetro dell'impianto cimiteriale, previsto dall'art. 338 del regio-decreto n. 1265 del 1934, determina ope legis una situazione di inedificabilità assoluta.

... _OMISSIS_ ...spetto cimiteriale sono interessate da un regime di inedificabilità assoluta che si giustifica in base sia ad esigenze di carattere igienico sanitario, che sconsigliano di stabilire insediamenti umani in stretta adiacenza con i cimiteri, sia alla necessità di rendere possibile, in prospettiva, l’ampliamento del cimitero, sia in considerazione del sentimento di pietas ispirato dai luoghi ove riposano i defunti.

L’obbligo di distanza dai cimiteri integra un vincolo di inedificabilità ex lege, costituente una limitazione legale della proprietà a carattere assoluto, direttamente incidente sul valore del bene e non suscettibile di deroghe di fatto, tale da configurare in maniera obbiettiva e rispetto alla totalità dei soggetti il regime di appartenenza ... _OMISSIS_ ...à indifferenziata di immobili che si trovino in un particolare rapporto di vicinanza o contiguità con i suddetti beni pubblici.

L’art. 338 del R.D. 1265/1934, ai commi quarto e quinto, prevede solo due eccezioni al divieto di inedificabilità assoluto nei 200 mt dal perimetro del cimitero, una all’esclusivo fine di costruire nuovi cimiteri od ampliare quelli esistenti e l’altra per dare esecuzione ad un’opera pubblica o all’attuazione di un intervento urbanistico, non per soddisfare esigenze di privati.

Le ipotesi tassative di deroga al vincolo stabilito a tutela dei cimiteri dall'art. 338 del RD 1265/1934, previste dai commi IV e V, per tal loro natura sono di stretta interpretazione e vanno intese come preordinate ... _OMISSIS_ ...interesse collettivi, in particolare all'esigenza di ampliare il cimitero stesso o per opere pubbliche e, quindi, non sono utilizzabili per la costruzione di edifici da parte di privati, né consentono un giudizio di concreta compatibilità di opere da sanare col vincolo stesso che, essendo d’inedificabilità assoluta, non consente sanatoria.

La sussistenza del vincolo cimiteriale di inedificabilità assoluta va valutata nel momento in cui è rilasciato il titolo edilizio.

Conseguenza dell’inedificabilità assoluta all’interno della fascia di rispetto dei cimiteri ai sensi dell’art. 338 del Testo Unico delle Leggi Sanitarie R.D. n. 1265 del 27 luglio 1934, è che la violazione dell’art. 338 suddetto non consente il rilasci... _OMISSIS_ ...e edilizia in sanatoria.

Le ipotesi tassative di deroga al vincolo di inedificabilità posto a tutela dei cimiteri dall’art. 338 comma 1 del TULS 22 luglio 1934 n.1265, previste dai successivi commi 3 e 4 dello stesso articolo, si interpretano come finalizzate al pubblico interesse, in particolare all’esigenza di ampliare il cimitero stesso, e quindi non si considerano utilizzabili per consentire la costruzione di edifici a privati.

Il vincolo imposto dall'art. 338 R.D. n. 1265/1934 e dall'art. 57 D.P.R. n. 285/1990 è un vincolo assoluto di inedificabilità ex lege, tale da prevalere addirittura anche su eventuali disposizioni urbanistiche contrarie.

Il vincolo assoluto di inedificabilità nella fascia di rispetto cimiter... _OMISSIS_ ...ll'art. 338 R.D. n. 1265/1934 e dall'art. 57 D.P.R. n. 285/1990 è tale da precludere il rilascio del titolo edilizio, anche qualora esso sia richiesta in sanatoria, senza necessità di compiere valutazioni in ordine alla concreta compatibilità dell’opera con i valori tutelati dal vincolo stesso.

Il vincolo imposto dall'art. 338 R.D. n. 1265/1934 è vincolo assoluto di inedificabilità ex lege, e come tale prevale su eventuali disposizioni urbanistiche contrarie, con conseguente insanabilità delle opere realizzate all'interno della fascia di rispetto cimiteriale a prescindere da qualsiasi valutazione in concreto della compatibilità del manufatto rispetto al vincolo medesimo.

Il vincolo di inedificabilità cimiteriale ha carattere assoluto e non... _OMISSIS_ ...cun modo l'allocazione sia di edifici, sia di opere incompatibili con il vincolo medesimo, in considerazione dei molteplici interessi pubblici che la fascia di rispetto intende tutelare, quali le esigenze di natura igienico sanitaria, la salvaguardia della peculiare sacralità che connota i luoghi destinati alla inumazione e alla sepoltura, il mantenimento di un’area di possibile espansione della cinta cimiteriale.

La fascia di rispetto cimiteriale dei 200 metri, prevista dall’art. 338 del regio decreto n. 1265/1934, costituisce un vincolo di inedificabilità assoluta, che non consente in alcun modo l’allocazione sia di edifici sia di opere incompatibili col vincolo medesimo, in considerazione dei molteplici interessi pubblici che tale zona di ... _OMISSIS_ ...e tutelare e che possono enuclearsi nelle esigenze di natura igienico-sanitaria, nella salvaguardia della peculiare sacralità che connota i luoghi destinati all’inumazione e alla sepoltura, nonché nel mantenimento di un’area di possibile espansione della cinta cimiteriale.

L’art. 338, quinto comma, del T.U. delle leggi sanitarie è da intendersi come norma eccezionale e di stretta interpretazione, che consente di costruir...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 35004 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 1403 pagine in formato A4

35,00 €