Il procedimento di variante urbanistica per insediamenti produttivi ex art. 5 D.P.R. 447/1998

PIANIFICAZIONE --> VARIANTE URBANISTICA --> INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

A proposito di intollerabilità di un divieto indiscriminato di determinate tipologie di attività produttive sull’intero territorio comunale, sono da considerare ammissibili le c.d. “varianti di salvaguardia”, da intendere come provvedimenti di pianificazione e legittima modalità di programmazione dello sviluppo del territorio, se fondate su problematiche specifiche dell’assetto del territorio a tutela del suo pregio ambientale, storico o artistico, e preordinate all’obiettivo di porre una limitazione all’edificazione in date zone fino alla compiuta e ponderata disciplina dettata da un nuovo strumento urbanistico che ne regolamenti in modo organico... _OMISSIS_ ...ve; da rispondere in tali casi le varianti ad esigenze effettive, concrete e attuali di programmazione del territorio, senza risolversi in misure interinali di salvaguardia volte all’esclusivo fine dell’adozione di futuri atti pianificatori, esse sì incompatibili con l’ordinamento.

Il D.P.R. 447/1998 è normativa estranea al potere di pianificazione territoriale, finalizzato al generale equilibrio del carico urbanistico ed in relazione al quale l’individuazione delle aree per le attività produttive costituisce soltanto un (pur importante) elemento.

La mancata conclusione del procedimento ex art. 5 D.P.R. 447/1998 nei termini di legge non determina l’automatico accoglimento della richiesta del privato, né il ve... _OMISSIS_ ...tere in capo all’amministrazione procedente.

PIANIFICAZIONE --> VARIANTE URBANISTICA --> INSEDIAMENTI PRODUTTIVI --> AGGRAVAMENTI PROCEDIMENTALI

E' illegittimo, per contrasto con le esigenze di celerità e speditezza che caratterizzano i procedimenti amministrativi di cui all’art. 5 d. P.R. n. 447 del 1998, il provvedimento con il quale la Soprintendenza, dopo aver reso un primo parere sulla variante semplificata, si riserva di procedere all’adozione di un altro parere.

La disciplina degli insediamenti produttivi è fondata sulla concentrazione in una sola struttura della responsabilità in un unico procedimento, al fine di evitare che la pluralità delle competenze e degli interessi pubblici oggetto di cura... _OMISSIS_ ...to si traduca per i cittadini in tempi troppo lunghi e in difficoltà di rapporti con le amministrazioni.

PIANIFICAZIONE --> VARIANTE URBANISTICA --> INSEDIAMENTI PRODUTTIVI --> BASE NORMATIVA

L’art. 5 del d.p.r. 447/1998 non è stato abrogato dal comma 7° dell’art.12 del d.p.r. 160/2010 (contenente Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive), essendo stata la sua efficacia stabilita a far tempo dal 30.09.2011: il procedimento avviato ed istruito prima di questa data, pertanto, troverà disciplina di riferimento nel d.p.r. 447/1998 e non nel d.p.r. 160/2010.

PIANIFICAZIONE --> VARIANTE URBANISTICA --> INSEDIAMENTI PRODUTTIVI -... _OMISSIS_ ...|
E' illegittima la variante urbanistica ex art. 5 del d.P.R. 20.10.1998 n. 447 se tanto in occasione delle due sedute della conferenza di servizi quanto in sede di approvazione della variante al P.R.G., si è proceduto, in assenza di un’idonea attività istruttoria, ad analizzare una sola proposta di insediamento.

Il Consiglio comunale, siccome organo titolare della potestà pianificatoria, resta pienamente padrone della propria autonomia e discrezionalità, potendo discostarsi dalla proposta di variante formulata dalla conferenza di servizi ex art. 5 d.P.R. 447/1998 e respingerla senza alcun dovere di motivazione puntuale o rafforzata.

L'insediamento commerciale e non produttivo è ipotesi rientrante nel d.P.R. nr. 447/1998 per effet... _OMISSIS_ ...rt. 1-bis ivi inserito dal d.P.R. 7 dicembre 2000, nr. 440, ed alla quale quindi si estende la previsione della variante semplificata di cui all'art. 5, originariamente elaborata per i soli insediamenti produttivi.

Elevare la compatibilità di un insediamento commerciale con la disciplina della zona C a elemento impeditivo a monte dell’utilizzabilità delle aree in questione, in modo da integrare il presupposto normativo per procedere a variante urbanistica su altra e diversa porzione del territorio comunale, costituisce chiaro elemento indiziario di sviamento di potere, inteso a offrire ai proponenti il progetto la possibilità, non consentita alla stregua della vigente disciplina urbanistica, di operare su aree in loro proprietà non compatibili dal punto ... _OMISSIS_ ...stico con l’insediamento de quo.

Non vi è alcuna incompatibilità normativa o logica fra le disposizioni di cui al D. Lgs. 32/1998, in tema di razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti, e quelle del D.P.R. 447/1998, che ha istituito lo sportello unico per le attività produttive.

È legittimo il provvedimento con il quale viene rigettata l'istanza presentata ai sensi dell'art. 5 D.P.R. n. 447/1998 qualora la Regione abbia espresso parere contrario in ragione del fatto che parte delle opere da realizzare insistevano in fascia di rispetto stradale: ciò anche se l'A.N.A.S. abbia espresso parere favorevole, giacché questa determinazione non assorbe le doverose valutazioni del progetto e della necessaria variante, sotto il prof... _OMISSIS_ ..., di competenza della Regione.

La variante ex D.P.R. 20-10-1998 n. 447 non può comprendere la demolizione di manufatti abusivi la quale, dovendo essere autonomamente attuata in forza di ordinanza sanzionatoria, non può essere presentata come fase di un più ampio progetto di riqualificazione dell’area.

La procedura semplificata di cui all’art. 5 del DPR n. 447/1998, è applicabile anche ai fini della localizzazione degli impianti di carburante.

PIANIFICAZIONE --> VARIANTE URBANISTICA --> INSEDIAMENTI PRODUTTIVI --> ECCEZIONALITÀ

La procedura semplificata di variante urbanistica di cui all’art. 8 del DPR n. 160/2010 ha carattere eccezionale e derogatorio della disciplina generale, sicché non ... _OMISSIS_ ...licazione al di fuori delle ipotesi specificamente previste dalla norma, e i presupposti fattuali, da cui si assume nascere l'esigenza di tale variante, vanno accertati in modo oggettivo con il dovuto rigore.

La procedura semplificata di variante urbanistica per insediamenti produttivi ex art. 8 del d.P.R. n. 160/2010 ha carattere eccezionale e derogatorio della disciplina generale, sicché non può trovare applicazione al di fuori delle ipotesi specificamente previste dalla norma, e i presupposti fattuali, da cui si assume nascere l’esigenza di tale variante, vanno accertati in modo oggettivo con il dovuto rigore.

La procedura di cui all'art. 5 del d.P.R. n. 447 del 1998 ha carattere eccezionale e derogatorio e non può essere surrettiziamen... _OMISSIS_ ...in una modalità “ordinaria” di variazione dello strumento urbanistico generale.

La procedura di variante semplificata ex art. 8 del DPR 160/2010 ha carattere eccezionale: pertanto, perché a tale procedura possa legittimamente farsi luogo, occorre che siano preventivamente accertati in modo oggettivo e rigoroso i presupposti di fatto richiesti dalla norma, e quindi anche l’assenza nello strumento urbanistico di aree destinate ad insediamenti produttivi ovvero l’insuffici...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 34478 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo