Art. 22 bis dpr 327/2001: il requisito dell'urgenza e la soglia dei 50 destinatari

OCCUPAZIONE --> DECRETO MOTIVATO ART. 22 BIS DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> COMMA 2 LETT. A) - B) --> SOPRA I 50 DESTINATARI

L’art. 22 bis, comma 2 del D.P.R. n. 327 del 2001, consente all’Autorità procedente all’espropriazione, allorché i destinatari di tale procedimento siano in numero superiore a 50 soggetti, di non motivare riguardo alla urgenza di realizzare l’opera pubblica.

Ai sensi dell’articolo 22 bis DPR 327/2001, qualora il numero dei destinatari della procedura espropriativa sia superiore a 50 è consentita l’occupazione d’urgenza.

Quando i soggetti destinatari del provvedimento ablativo sono più di cinquanta, l’articolo 22 bis, comma 2, D.P.R. ... _OMISSIS_ ...gittima l’occupazione d’urgenza, indipendentemente dalla sussistenza di ragioni d’urgenza in concreto.

Quando la procedura espropriativa riguarda più di 50 soggetti, si può emanare il decreto di occupazione prescindendo dalla particolare urgenza in concreto.

La motivazione in ordine all’urgenza non richiede particolari giustificazioni allorquando i numeri dei destinatari della procedura ablativa sia superiore a 50.

Può prescindersi dalla particolare urgenza in concreto, allorquando ricorrano le ipotesi di cui al comma 2 dell'art. 22 bis DPR 327/2001 (nel caso di specie numero di destinatari superiore a 50).

In ipotesi di occupazione anticipata, l’urgenza è in re ipsa, qualora il numero ... _OMISSIS_ ...destinati a subire l’espropriazione ai fini della realizzazione dell’opera in argomento ecceda le 50 unità: trova cioè applicazione l’art. 22 bis, comma 2 lett. b, del d.p.r. n. 327/2001.

L'art. 22 bis del D.P.R. 327/2001 prevede una presunzione di necessità ed urgenza ogni volta che il numero degli espropriati sia superiore a cinquanta; tale norma rende superflua la rappresentazione delle specifiche ragioni d’urgenza.

In considerazione dell’alto numero dei soggetti espropriandi (superiore, a cinquanta), la motivazione dell’urgenza dell’intervento legittimante il ricorso alla procedura abbreviata ex art. 22-bis del d.P.R. n. 327 del 2001 deve considerarsi in re ipsa in quanto, alla luce del dato normativ... _OMISSIS_ ... comma 2, lett. b), così come autorevolmente interpretato dal Consiglio di Stato “l'espletamento del procedimento di determinazione dell'indennità di espropriazione in relazione ad un così elevato numero di proprietari espropriandi ritarderebbe eccessivamente (secondo la valutazione del legislatore, valutazione che non risulta essere arbitraria o irragionevole) l'effettiva esecuzione delle opere (per le quali – non bisogna dimenticare – è sempre già stata dichiarata la pubblica utilità, nonché l'urgenza e l'indifferibilità dei lavori).

L’art. 22-bis del T.U. n. 327/2001 legittima l’autorità espropriante a procedere con l’occupazione d’urgenza sia nel caso in cui (a prescindere dal numero delle ditte coinv... _OMISSIS_ ...quo;effettiva esigenza di anticipare l’immissione in possesso e l’avvio dei lavori (e in questo caso il decreto di occupazione d’urgenza deve essere congruamente motivato), sia quando (a prescindere dall’esistenza di eventuali ragioni di urgenza), il numero delle ditte espropriate sia superiore a 50. In questo secondo caso, l’autorità procedente, in presenza di contestazioni, deve solo provare che il numero di soggetti espropriati è superiore alla predetta soglia.

Non sono fondate le censure d’illegittimità riferite al decreto d’occupazione in quanto privo di specifica motivazione sulle ragioni d’urgenza che giustificavano l’apprensione anticipata dei suoli, qualora sia incontestato che esso sia stato ... _OMISSIS_ ...i del comma secondo dell’art. 22 bis del d.P.R. n. 327/2001, in relazione al numero dei destinatari della procedura espropriativa ben superiore a cinquanta soggetti.

In ipotesi di procedura che coinvolge oltre 300 ditte, pare evidente che le ragioni d’urgenza legittimanti il ricorso all'istituto dell'occupazione ex art. 22 bis DPR 327/2001, possano coincidere anche con esigenze organizzative e di coordinamento delle procedure (non a caso, infatti, tale circostanza è specificatamente contemplata dallo stesso art. 22-bis al comma 2 lett. b).

L'art. 22-bis DPR 327/2001 non richiede alcuna specifica motivazione delle ragioni di urgenza che hanno indotto l'amministrazione ad occupare il bene per realizzare l'opera pubblica quando il numer... _OMISSIS_ ...ri sia superiore a 50 ; ciò perché la previsione di cui al secondo comma del ricordato articolo 22-bis induce a ritenere che essa rappresenti una specificazione, ulteriore e normativamente tipizzata, delle ipotesi in cui sia emanabile il decreto di occupazione d'urgenza.

Coinvolgendo la procedura espropriativa un numero di destinatari superiore a cinquanta, nessuna motivazione è necessaria in relazione al requisito dell’urgenza.

La previsione di cui al secondo comma dell'art. 22-bis DPR 327/2001 induce a ritenere che essa rappresenti una specificazione, ulteriore e normativamente tipizzata, delle ipotesi in cui sia emanabile il decreto di occupazione d'urgenza, nel senso che, qualora il numero dei destinatari della procedura espropriativa ... _OMISSIS_ ... 50, per ciò stesso si possa procedere all'occupazione d'urgenza.

L'art. 22 bis, d. P. R. n. 327 del 2001 non richiede alcuna specifica motivazione delle ragioni d'urgenza che hanno indotto l'Amministrazione ad occupare il bene per realizzare l'opera pubblica quando il numero dei destinatari sia superiore a 50.

Legittimo il ricorso all'occupazione d'urgenza ex art. 22 bis DPR 327/2001 qualora dall'elenco riportato nel piano particellare risulti che il numero dei destinatari è superiore a 50.

Qualora il decreto di occupazione rechi un esplicito riferimento motivazionale al carattere di “particolare urgenza” assunto dall’avvio dei lavori, tale da non consentire, in relazione alla particolare natura dell’opera... _OMISSIS_ ...cazione delle disposizioni di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 20 del D.P.R. 327/2001, essendo il numero dei destinatari della procedura espropriativa e di asservimento superiore a 50, deve escludersi la condivisibilità delle doglianze per cui il provvedimento non sarebbe assistito da apposito apparato motivazionale che giustifichi la presenza di ragioni di particolare urgenza.

L’art 22 bis DPR 327/2001 prevede testualmente che il decreto di occupazione anticipata dei beni immobili necessari possa essere emanato senza particolari indagini o formalità, allorché il numero dei destinatari della procedura espropriativa sia superiore a 50. Ne consegue che in presenza della dichiarazione di pubblica utilità, la necessità di espropriare 83 soggetti costituisc... _OMISSIS_ ...ondizione per adottare il provvedimento di occupazione d’urgenza, ma anche la motivazione del provvedimento stesso.

Nel caso di una procedura espropriativa complessa, l'indicazione dell'elevato il numero dei proprietari espropriandi (superiore a 50, con la necessaria prova di tale circostanza), giustifica la valutazione ipso iure dell’urgenza.

Le ipotesi indicate nel 2 comma dell'art. 22 bis DPR 327/2001 sono state previste perché l’elevato numero dei destinatari avrebbe l’effetto, se si dovesse seguire la pro...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 17576 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo