Conferenza di servizi ex art. 10 dpr 327/2001

In base al T.U. n. 327/2001 ed al DPR n. 383/1994, l’apposizione del vincolo espropriativo può discendere dagli esiti di una conferenza di servizi.

PIANIFICAZIONE --> VARIANTE URBANISTICA --> PROCEDIMENTO POST TU ESPROPRI --> STRUMENTI EX ART. 10 DPR 327/2001 --> CONFERENZA DI SERVIZI EX ART. 10 DPR 327/2001 --> ESPRESSA MENZIONE

Se è vero che, qualora la realizzazione di un’opera pubblica non sia prevista dal piano urbanistico, l’art. 10, I comma del DPR n. 327/2001 consente l’imposizione del vincolo espropriativo mediante conferenza di servizi, è altresì vero che tale possibilità è subordinata ad una espressa avvertenza in tal senso formulata nell’ambito dello svolgimento dei relativi lavori... _OMISSIS_ ...possano integrare successivamente gli effetti, ormai irreversibilmente delimitati, che scaturiscono dalla conferenza stessa.

Se è vero che l’art 10 del d.p.r. 327/2001 stabilisce che “se la realizzazione di un’opera pubblica o di pubblica utilità non è prevista dal piano urbanistico generale, il vincolo preordinato all’esproprio può essere disposto ..su iniziativa dell’amministrazione competente all’approvazione del progetto, mediante una conferenza di servizi.. ovvero un altro atto che comporti la variante al piano urbanistico”, è anche vero che l’introduzione del regime di vincolo preordinato all’esproprio deve essere oggetto di esplicita previsione in sede conferenziale.

PIANIFICAZION... _OMISSIS_ ...BANISTICA --> PROCEDIMENTO POST TU ESPROPRI --> STRUMENTI EX ART. 10 DPR 327/2001 --> CONFERENZA DI SERVIZI EX ART. 10 DPR 327/2001 --> IPOTESI APPLICATIVE

In merito all’idoneità generale della conferenza di servizi ad essere utilizzata quale strumento per l’approvazione di varianti urbanistiche può osservarsi che la Conferenza di servizi è strumento di semplificazione concepito e disciplinato proprio in funzione del suo generale utilizzo, sicché non v’è bisogno di ulteriore previsione legislativa (oltre all'art. 10 DPR 327/2001), che lo adatti o la dichiari specificatamente applicabile alla materia urbanistica.

In merito all’idoneità generale della conferenza di servizi ad essere utilizzata quale strumento p... _OMISSIS_ ...ovazione di varianti urbanistiche può osservarsi che la Conferenza di servizi è strumento di semplificazione concepito e disciplinato proprio in funzione del suo generale utilizzo, sicché non v’è bisogno di ulteriore previsione legislativa, che lo adatti o la dichiari specificatamente applicabile alla materia urbanistica.

L’articolo 10 del D.P.R. n. 327, nel prevedere al comma 1 la possibilità che il vincolo sia apposto attraverso una conferenza di servizi, non ha inteso generalizzare la possibilità di introdurre varianti urbanistiche a mezzo della conferenza limitandola ai soli casi in cui ciò sia ammesso dalla legislazione vigente (es. D.P.R. 20 ottobre 1998, n. 447, articolo 4); ove infatti l’articolo 10 avesse voluto introdurre una innov... _OMISSIS_ ...portata, avrebbe verosimilmente introdotto disposizioni sulla partecipazione degli interessati e sulla pubblicità legale delle decisioni prese in merito alla variante che invece difettano.