Il contraddittorio nell'esecuzione del giudicato

Tutte le volte in cui il provvedimento, di natura discrezionale, sia annullato per la mancata comunicazione d’avvio del relativo procedimento l’amministrazione ha l’obbligo di riavviare il procedimento comunicandolo all’interessato ed esaminando i suoi contributi, impregiudicato il tenore del provvedimento finale che rimane nella piena disponibilità dell’amministrazione.

In applicazione dell’art. 21 octies l. 241/90, il giudice può verificare, con prognosi ex post, quale sia la potenziale incidenza del contributo negato, ma ciò è necessario unicamente per discriminare i vizi formali non invalidanti da quelli invalidanti: le considerazioni sostanziali compiute dal giudice hanno un oggetto interno al vizio procedimentale e son... _OMISSIS_ ...lla verifica della natura invalidante dello stesso, esulando dalle stesse ogni profilo relativo all’accertamento del rapporto.

La demolizione degli immobili abusivi, disposta in esecuzione del giudicato, non richiede la comunicazione di avvio del procedimento a coloro che sono stati parte nel precedente giudizio.

Nel procedimento di esecuzione del giudicato di annullamento, gli acquirenti delle unità immobiliari da demolire, in quanto titolari di posizioni derivate dalla parte soccombente nei precedenti giudizi, vanno considerati titolari di un interesse ad intervenire nel corso del procedimento amministrativo, ma non sono parti necessarie del medesimo procedimento.