Carrello
Carrello vuoto



Demanialità delle strade comunali

Affinché un'area entri a far parte del demanio stradale e assuma, quindi, la natura di strada pubblica, è necessario che questa risulti di proprietà dell'Ente pubblico in base a un atto o a un fatto (convenzione, espropriazione, usucapione, ecc.), idoneo a trasferirne la proprietà ovvero che su di essa sia stata costituita una servitù di uso pubblico.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LE STRADE
anno:2017
pagine: 2523 in formato A4, equivalenti a 4289 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> STRADA DEMANIALE E DI USO PUBBLICO --> STRADA DEMANIALE

A differenza della previgente disciplina di cui all'art. 378 della L. n. 2248/1865, Allegato F. e 20 del R.D. n. 1740/1933, che restringevano la competenza dell'Autorità comunale ai soli provvedimenti che riguardino strade interne all'abitato, il vigente Codice della Strada correla indissolubilmente la proprietà del demanio stradale ai poteri di intervento sullo stesso.

La strada comunale ai sensi dell'art. 824 cod. civ. è un bene demaniale, cioè un bene che appartiene all'Ente pubblico.

L'area destinata a percorso pedonale e verde pubblico rientra in un contesto di viabilità pubblica in quanto pertinenza del demanio stradale ed appartiene pertanto astrattamente al demanio del Comune o, quantomeno, al suo patrimonio indisponibile, in forza della destinazione a verde pubblico.

Ai sensi dell'art. 22, co. 3, all. F legge 2248/1865 "nell'interno delle città e dei villaggi fanno parte delle strade comunali, le piazze gli spazi e i vicoli ad essi adiacenti ed aperti sul suolo pubblico, restando ferme le consuetudin... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nzioni esistenti e i diritti acquisiti": di conseguenza in difetto di prova contraria fornita dall'opponente circa l'esistenza di convenzioni che attribuiscano la proprietà dell'area a soggetti diversi dal comune o di consuetudini locali che ne escludano la demanialità, il giudice chiamato a decidere sulla opposizione avverso l'irrogazione di sanzione amministrativa non può, in ogni caso, ritenere la natura privata dell'area medesima.

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> STRADA DEMANIALE E DI USO PUBBLICO --> STRADA DEMANIALE --> PERTINENZE

Le scarpate delle strade statali, provinciali o comunali, al pari dei fossi e delle banchine ad esse latistanti, sono parte delle strade medesime e perciò soggette al medesimo regime di demanialità per effetto del rapporto pertinenziale in cui si trovano rispetto alla sede stradale.

Le pertinenze stradali, ai sensi del D.Lgs. n. 285 del 1992, art. 24, sono le parti della strada destinate in modo permanente al servizio o all'arredo funzionale di essa (comma 1), e si distinguono in pertinenze di esercizio, che costituiscono parte integrante della strada o ineriscono permanentemente alla sede stradale (comma 3), e in pertinenze di ser... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...sono destinate dall'ente proprietario della strada in modo permanente ed esclusivo al servizio della strada e dei suoi utenti (comma 4).

L'acquisto della demanialità delle pertinenze stradali sia di esercizio che di servizio, trattandosi di demanio artificiale ed accidentale, scaturisce dall'effettiva destinazione alla funzione stradale, dato il carattere dichiarativo e non già costitutivo dell'eventuale provvedimento di classificazione, che ove esistente determina soltanto un presunzione relativa di demanialità.

L'appartenenza al Comune delle strade non crea diritti di contitolarità sui fondi contigui e con i proprietari di detti fondi e non rende beni pertinenziali i fondi contigui, né integra gli estremi di un bene pertinenziali rispetto agli stessi.

La recinzione di una pertinenza stradale in modo da adibirla al servizio esclusivo di un'abitazione privata costituisce fatto illecito e non permette di usucapire l'area.

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> STRADA DEMANIALE E DI USO PUBBLICO --> STRADA DEMANIALE --> REQUISITI

Una "strada pubblica" non deve necessariamente porre in collegamento due al... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o spazi pubblici, ben potendo essere "cieca".

Per imprimere il carattere demaniale ad una strada privata deve intervenire l'acquisto da parte dell'amministrazione pubblica della proprietà del suolo, dovendo concorrere sia il criterio (giuridico) funzionale della destinazione all'uso pubblico (quoad usum) sia il criterio materiale dell'appartenenza ad un ente pubblico territoriale (quoad proprietatem).

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> STRADA DEMANIALE E DI USO PUBBLICO --> STRADA DEMANIALE --> REQUISITI --> TITOLO

E' illegittimo il provvedimento di inserimento fra le strade comunali di un tratto viabilistico qualora ciò sia legato al mantenimento del manufatto stradale la cui realizzazione è avvenuta illegittimamente; l'Amministrazione non può, infatti, appropriarsi della stesso qualora edificato in assenza di valido titolo ablatorio.

Affinché un'area privata venga a far parte del demanio stradale, non è sufficiente che la strada sia posta all'interno di un centro abitato e che su di essa si esplichi di fatto il transito pubblico, ma è invece necessario che sia intervenuto un atto o un fatto che ne abbia trasfer... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nio alla p.a., e che essa sia destinata all'uso pubblico della stessa p.a., costituendo meri indici di riferimento, ciascuno di per sé solo non sufficiente a stabilire a chi ne debba essere attribuita la proprietà, l'uso della strada da parte di un numero indeterminato di persone, il comportamento in relazione ad essa della amministrazione nel settore dell'edilizia e dell'urbanistica, e la sua inclusione in centro abitato.

Per l'attribuzione del carattere di demanialità comunale ad una via privata è necessario che con la destinazione della strada all'uso pubblico concorra l'intervenuto acquisto, da parte dell'ente locale, della proprietà del suolo relativo o di altro diritto reale immobiliare (per effetto di un contratto, in conseguenza di un procedimento d'esproprio, per effetto di usucapione o dicatio ad patriam, ecc.), non valendo, in difetto dell'appartenenza della sede viaria all'Ente, l'iscrizione della via negli elenchi delle strade comunali, giacché tale iscrizione non può pregiudicare le situazioni giuridiche attinenti alla proprietà del terreno e connesse con il regime giuridico della medesima.

L'acquisto della demanialità delle pertinenze stradali scaturisce d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...va destinazione alla funzione stradale. Tale effettiva destinazione, corrispondendo ad una situazione di fatto, non può evidentemente derivarsi dal solo titolo d'acquisto, che fonda l'appartenenza del bene all'ente pubblico, ma non per questo ne dimostra, altresì, l'assoggettamento, coevo o successivo, al regime demaniale.

Il passaggio nel demanio accidentale (strade) dell'amministrazione richiede non soltanto la sua costruzione e destinazione a strada destinata al pubblico transito, bensì che la stessa appartenga ad un ente pubblico territoriale.

Affinché un'area venga a far parte del demanio stradale e assuma, quindi, la natura di strada pubblica, non basta, né che vi si esplichi di fatto il transito del pubblico, né la mera previsione programmatica della sua destinazione a strada pubblica né l'intervento di atti di riconoscimento da parte dell'amministrazione medesima circa la funzione da essa assolta: infatti è necessario, ai sensi dell'art. 824 cod. civ. («se appartengono ... ai comuni) che la strada risulti di proprietà dell'ente in base a un atto o a un fatto (convenzione, espropriazione, usucapione, ecc.), idoneo a trasferire il dominio ovvero che su di ess... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... costituita a favore dell'ente una servitù di uso pubblico e che essa venga destinata all'uso pubblico.

Perché una strada privata venga acquisita alla proprietà pubblica occorre l'intervento di un atto (convenzione, espropriazione, ecc.) o di un fatto (usucapione, ecc.) idoneo a trasferirne il dominio alla pubblica Amministrazione, oltre che la rispondenza dell'uso della strada ad un interesse delle comunità locale.

La volontà di far proprie alcune strade private cui hanno fatto seguito da parte dell'Amministrazione comunale lavori di sistemazione e di manutenzione, ovvero attività corrispondenti all'esercizio della proprietà, uti dominus, sono circostanze che in sé rivelano, per riferirsi ad un arco temporale superiore a vent'anni, elementi sufficienti a ritenere maturato l'acquisto della proprietà della strada per usucapione.

Le strade – disciplinate dal codice della strada di cui al d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 - ricadono nell'ambito del demanio c.d. accidentale, a condizione che appartengano ad un ente pubblico territoriale. In altri termini, assumono natura di strada pubblica esclusivamente nei casi in cui sia intervenuto un atto (convenzione, espropriazione) o... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...usucapione) idoneo a trasferirne la proprietà ad un ente e lo stesso ente abbia effettivamente adibito la stessa all'uso pubblico.

La realizzazione di una strada "a fondo cieco", anche se effettuata su pretesa del Comune, non può determinare l'effetto di attribuire natura pubblica alla stessa strada qualora sia accertato che l'area sulla quale è stata realizzata non è stata ceduta in proprietà all'Amministrazione.

Perché una strada possa ritenersi di proprietà della PA occorre rinvenire un atto (convenzione o provvedimento ablatorio) o un fatto (usucapione, usurpazione espropriativa) che ne abbia trasferito il dominio all'Amministrazione; a tal fine non è infatti sufficiente che la strada sia destinata all'uso pubblico.

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> STRADA DEMANIALE E DI USO PUBBLICO --> STRADA DEMANIALE --> REQUISITI --> TITOLO --> BENI ESPROPRIATI

La circostanza che un'area sia stata acquistata con un atto di vendita "a causa di espropriazione per pubblica utilità" (equipollente, quoad effectum, ad un provvedimento ablativo), dimostra l'assoggettamento dell'area alla procedura di esproprio attivata dall'ente, ma ancora nul... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...in ordine al passaggio ulteriore, ossia alla circostanza che tale superficie di terreno sia stata poi concretamente adibita a sede stradale o a sua pertinenza, assumendo con ciò la qualifica demaniale.

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> STRADA DEMANIALE E DI USO PUBBLICO --> STRADA DEMANIALE --> REQUISITI --> TITOLO --> USO PUBBLICO

Per la connotazione di "demanialità" di una strada non è sufficiente un riconoscimento che possa fare, espressamente o implicitamente, un privato in un'istanza rivolta alla P.A. (asserita titolare) né una deliberazione consiliare dell'Ente che "classifichi" o riconosca la via come pubblica, allorquando difetti il requisito oggettivo della effettiva destinazione del bene alla pubblica funzione e quello soggettivo della manifestazione di volontà della P.A. diretta ad acquistare il bene stesso ed a sottoporlo al regime demaniale.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI