Carrello
Carrello vuoto

  • HOME
  • estimo
  • Stima immobiliare di una struttura alberghiera


Stima immobiliare di una struttura alberghiera

In ipotesi di stima di strutture alberghiere, è innanzitutto necessario selezionare la specifica categoria da valutare. Il professionista dovrà procedere dunque a individuare se si sia di fronte a: 1) una struttura albergera vera e propria (alberghi, motel, locande); 2) una struttura extralberghiera (affitta-camere, appartemanti per vacanze, residence, country house etc.); 3) una struttura di tipo complementare (case e camere di provati date in locazione temporanea ai turisti).

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LA STIMA DEGLI IMMOBILI URBANI: CASI (vol. III)
anno:2014
pagine: 136 in formato A4, equivalenti a 231 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Processo di valutazione nel caso di struttura turistica alberghiera


Anche nella valutazione degli immobili di tipo turistico ricettivo l'articolazione del processo di stima trova la sua ragion d'essere, per cui il professionista nella relazione deve individuare appositi paragrafi nei quali descrivere quale bene sia oggetto di valutazione, quale lo scopo, secondo il processo che di seguito viene proposto.

Senza entrare nel particolare, esaminiamo soltanto alcune parti dello schema.



Definizione dell'oggetto

Ove si abbia un immobile di tipo turistico ricettivo in senso lato il professionista, per provvedere alla stima, deve innanzitutto selezionare quale sia la specifica tipologia da valutare cioè deve individuare innanzitutto se trattasi di:

  • Struttura alberghiera vera e propria (alberghi, motel, pensioni, locande e tutte quelle che possono essere gestite in forma imprenditoriale) [1];

  • Struttura extralberghiera - Comprende gli immobili e le attività diverse da quelle propriamente alberghiere e raggruppa in sè gli esercizi di natura ricettiva nel senso più ampio (affitta–camere, appa... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...r vacanze in locazione temporanea ai turisti, attività ricettive in esercizi di ristorazione, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, residence, country house, villaggi turistici, campeggi, campeggi villaggio, campeggi, centri vacanze, alloggi agrituristici, case per ferie, centri vacanze per ragazzi, colonie, ostelli per la gioventù, case religiose di ospitalità, centri soggiorno studi, foresterie per turisti, rifugi alpini, bed and breakfast, multiproprietà).

  • Struttura di tipo complementare - Vengono raggruppate in "alloggi privati" (camere, case e appartamenti per vacanze e camere, case e appartamenti dati in locazione temporanea a turisti da privati) e "altri esercizi".


Verifica dei requisiti di alberghi e pensioni

Nello schema di processo proposto, un'attività che può essere effettuata dal professionista è la individuazione e la verifica delle caratteristiche e dei requisiti della specifica struttura turistica oggetto di stima.

In particolare per gli alberghi e pensioni, a seconda della loro categoria, i requisiti obbligatori sono rappresentati da:


  • prestazio... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... portiere di notte, servizio di prima colazione, servizio bar e n° ore, divise per il personale, pulizia, biancheria, ecc;

  • dotazione impianti e attrezzature struttura: bagno, ascensore, riscaldamento.

  • condizionamento, linee telefoniche, internet, fax, ecc.

  • dotazione impianti e attrezzature camere: arredamento bagno e camere, scrittoio, sgabelli, poltrone, ecc.

In particolare sempre per le attività alberghiere si rammenta che:


  • tutte le parti ed i servizi comuni devono essere accessibili anche a persone con ridotta o impedita capacità motoria;

  • il numero delle stanze, accessibili a persone con ridotta o impedita capacità motoria, deve essere di almeno due fino a 40 o frazione di 40, aumentato di altre due ogni 40 stanze o frazione di 40;

  • si applicano comunque i criteri di cui all'art.5 punto 3 del D.M. 14 giugno 1989, n.236;

  • per capacità ricettiva superiore a 25 posti letto trova applicazione la normativa per la prevenzioni incendi (D.M. 16/02/82);

  • le stanze accessibili devono essere ubicate in vicinanza di un &q... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...icuro statico" o di una via di esodo accessibile.

Nei casi in cui debbono essere eseguite opere di adeguamento delle strutture esistenti, a prescindere dal tipo di procedura di natura urbanistico–edilizia posta in essere, l'osservanza di quanto sopra esposto dovrà risultare da apposita dichiarazione resa dal professionista incaricato.

 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI