Carrello
Carrello vuoto



Indennità di occupazione, l. n. 219 del 1981


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2016
pagine: 3597 in formato A4, equivalenti a 6115 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 60,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


L'applicazione dell'interesse sull'indennità di espropriazione, ai fini del calcolo dell'indennità di occupazione, è stata ritenuta applicabile anche quando l'indennità di esproprio debba essere determinata in base alla normativa speciale di cui alla L. n. 219 del 1981, art. 80, comma 6, che, per la determinazione giudiziale dell'indennità, rinvia alla L. n. 2392 del 1885, artt. 12 e 13.

Anche per l'indennità di occupazione temporanea dovuta ex L. n. 219 del 1981, vale la regola che la stessa deve essere sempre liquidata in misura corrispondente ad una percentuale (legittimamente riferibile al saggio degli interessi legali), dell'indennità che sarebbe dovuta per l'espropriazione dell'area occupata, pur nella ipotesi in cui la determinazione (ovvero la rideterminazione), dell'indennità di esproprio sia soggetta ai criteri riduttivi e non parametrata al valore venale pieno dell'immobile.

Ai fini del calcolo dell'indennità di occupazione a nulla rileva l'accordo raggiunto tra le parti in merito all'importo di quella di espropriazione, nonché alle maggiorazioni premiali conseguenti alla definizione transattiva della stessa, essendo decisiva esclusivamente la determinazione giudiziale d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tà di espropriazione che nelle procedure disciplinate dalla L. n. 219 del 1981, art. 80 deve essere calcolata "ai sensi della L. 15 gennaio 1885, n. 2892, artt. 12 e 13"; con conseguente computo di quella di occupazione in misura pari ad una percentuale dell'indennità suddetta.

Deve ritenersi che la maggiorazione del settanta per cento prevista dall'art. 80 della L. n. 219/1981 riguardi non soltanto le indennità di espropriazione, ma anche quelle di occupazione, che alle prime del resto sono legate sia dal punto di vista logico sia da quello economico. Nell'uno come nell'altro caso ricorrono infatti i presupposti di particolare impellenza che hanno suggerito al legislatore l'instaurazione dello speciale regime indennitario.

La determinazione dell'indennità di occupazione in misura rigorosamente percentuale all'indennità di espropriazione parimenti dovuta (ex art. 12, 16 e 20 L. n. 865/1971), non trova alcuna deroga nell'ambito della disciplina indennitaria posta dalla L. n. 219 del 1981, art. 80, il cui carattere speciale non è elemento sufficiente a dissolvere il nesso logico ed economico che, per legge, lega tutte le indennità, sia di espropriazione che di occupazione legittima.
[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nnità di occupazione di immobili finalizzata alla espropriazione per pubblica utilità deve essere determinata in misura corrispondente ad una percentuale, legittimamente riferibile al tasso degli interessi legali, dell'indennità dovuta per la espropriazione stessa, anche con riferimento alle ipotesi in cui l'indennità di esproprio sia calcolata con criteri speciali, come quello di cui alla L. n. 2892 del 1885, art. 13 richiamato dalla L. n. 219 del 1981, art. 80.

L. n. 219 del 1981 non preclude il riconoscimento del diritto del soggetto espropriato alla percezione dell'indennità di occupazione legittima; ciò in forza del rinvio operato dalla norma medesima a tutte le indennità previste dalla L. n. 385/1980.

La corresponsione di una indennità di occupazione, quale ristoro separato dall'indennità di espropriazione, deve ritenersi dovuta anche per le occupazioni poste in essere in esecuzione del programma straordinario di edilizia residenziale di cui alla L. n. 219 del 1981, che, all'art. 80, prevede la corresponsione di tutte le indennità di cui alla L. n. 385/1980, e quindi anche dell'indennità di occupazione, prevista dall'art. 2 di quest'ultima.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI