Carrello
Carrello vuoto



Espropriazione per pubblica utilità: la superficie indennizzabile

L'indennità di esproprio deve essere determinata con riferimento esclusivo alla superficie indicata nel decreto ablatorio, con la conseguenza che, ove l'espropriante si sia impossessato di un'area più ampia, in relazione all'occupazione di tale maggiore superficie il proprietario potrà richiedere il risarcimento del danno da occupazione illegittima.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2016
pagine: 3597 in formato A4, equivalenti a 6115 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 60,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Qualora la procedura espropriativa sia pervenuta a regolare conclusione nel corso del giudizio, non è configurabile alcuna ipotesi di accessione invertita; ciò anche se l'espropriazione ha contemplato un'estensione di terreno maggiore di quella originariamente occupata. Ciò che unicamente rileva, è il decreto di esproprio, che conclude la vicenda ablatoria, e ingenera la pretesa del proprietario al conseguimento della giusta indennità per la perdita del diritto dominicale.

L'indennità di esproprio deve essere determinata con riferimento esclusivo alla superficie indicata nel decreto di esproprio e non a quella effettivamente occupata o utilizzata dall'amministrazione per l'esecuzione dell'opera; tuttavia ciò non significa che il giudice non possa rilevare eventuali errori materiali contenuti nel provvedimento in merito alla suddetta determinazione.

L'indennità di esproprio deve essere determinata con riferimento esclusivo alla superficie indicata nel decreto di esproprio, con la conseguenza che, ove l'espropriante si sia impossessato di una superficie più ampia, in relazione all'occupazione di tale maggior superficie (che, non preceduta da un provvedimento di esproprio, deve ritenersi arb... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l proprietario potrà richiedere il risarcimento del danno, ma non una indennità di esproprio di importo più elevato.

L'indennità di esproprio deve essere determinata con riferimento esclusivo alla superficie indicata nel decreto di esproprio, con la conseguenza che, ove l'espropriante si sia impossessato di una superficie più ampia, in relazione all'occupazione di tale maggior superficie (che, non preceduta da un provvedimento di esproprio, deve ritenersi arbitraria), il proprietario potrà richiedere il risarcimento del danno, ma non un'indennità di esproprio di importo più elevato.

L'indennità di espropriazione non può che determinarsi con riferimento esclusivo alla superficie indicata nel decreto di esproprio, salvo restando il diritto degli espropriati, ove l'Amministrazione si sia impossessata di un'area più ampia, di richiedere al giudice competente in relazione all'occupazione di tale maggiore superficie il risarcimento del danno da occupazione illegittima, ma non una indennità di esproprio di importo più elevato.

L'indennità di esproprio deve essere determinata con riferimento esclusivo alla superficie indicata nel relativo decreto... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...io (e quella di occupazione temporanea con riferimento alla superficie riportata nel corrispondente decreto), atteso l'indissolubile collegamento esistente tra suddetto decreto e la relativa indennità, che riguarda i fondi oggetto del trasferimento coattivo. Se l'espropriante si impossessa di un'area più ampia, il proprietario potrà pretendere per la maggiore superficie il risarcimento del danno da occupazione illegittima, ma non un'indennità di esproprio di importo più elevato.

L'indennità di esproprio deve essere determinata con riferimento esclusivo alla superficie indicata nel decreto ablatorio, con la conseguenza che, ove l'espropriante si sia impossessato di un'area più ampia, in relazione all'occupazione di tale maggiore superficie (che, non essendo stata preceduta da un provvedimento di esproprio, deve ritenersi arbitraria) il proprietario potrà richiedere il risarcimento del danno da occupazione illegittima, ma non un'indennità di importo più elevato.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI