Carrello
Carrello vuoto



Legittimazione passiva e conferenza di servizi


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:CONFERENZA DI SERVIZI ACCORDO DI PROGRAMMA INTESA STATO REGIONI nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 271 in formato A4, equivalenti a 461 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


GIUDIZIO --> LEGITTIMAZIONE PASSIVA --> ACCORDO DI PROGRAMMA


Qualora la conferenza di servizi abbia natura decisoria, il ricorso deve essere notificata alla stessa conferenza di servizi.

In caso di conferenza di servizi, la legittimazione processuale passiva spetta soltanto alle amministrazioni che, in sede di conferenza, abbiano espresso un parere a rilevanza esoprocedimentale, immediatamente lesivo della sfera giuridica del privato interessato.

Nella Regione Calabria, ai sensi dell'art. 14 L.R. 19/2002 sono attribuite ai Comuni le funzioni relative non solo all'adozione, ma anche all'approvazione dei loro strumenti urbanistici, pertanto il parere negativo espresso dalla regione in sede di conferenza di servizi per l'approvazione di un progetto in variante ex art. 5 D.P.R. 447/1998, non ha carattere vincolante, non configura un provvedimento a rilevanza esoprocedimentale e non comporta la legittimazione processuale passiva dell'amministrazione regionale stessa nei giudizi instaurati per contestare l'esito (o il mancato esito) della conferenza medesima.

Il ricorso non deve essere notificato alla conferenza di servizi, ma alle singole amministrazioni che la compongono.


GIUDIZ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...NTERESSE AD AGIRE --> ACCORDO DI PROGRAMMA
I proprietari di terreni attigui all'area oggetto di un intervento oggetto di un accordo di programma sono legittimati ad impugnare gli atti della relativa procedura.
È inammissibile l'impugnazione di un accordo di programma di carattere generale, sottoscritto per la disciplina dei rapporti tra amministrazioni pubbliche che non ha, almeno nella fase iniziale e programmatica in esame, alcun riflesso sull'attività del ricorrente.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI