Carrello
Carrello vuoto



L'accertamento dell'autorizzazione al passo carraio spetta al G.A.


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:GIURISDIZIONE E COMPETENZA GIURISDIZIONALE nell’ambito del governo del territorio
anno:2016
pagine: 3023 in formato A4, equivalenti a 5139 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Sintesi: Rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo la controversia volta ad accertare non la titolarità di una stradella bensì il provvedimento di sospensione dell'autorizzazione al passo carraio.

Estratto: «E' necessario, preliminarmente, esaminare le eccezioni del contro interessato.Ove la domanda principale proposta dai ricorrenti fosse intesa ad accertare la titolarità della stradella in questione, nessun dubbio sorgerebbe in ordine al difetto di giurisdizione in favore del giudice ordinario.In realtà i ricorrenti, impugnando un provvedimento amministrativo ne denunciano vizi propri, restando solo sullo sfondo il problema inerente la titolarità della strada. Nel caso in esame, pertanto, sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo. In ogni caso, è bene ricordare come il potere del giudice amministrativo previsto dall'art. 8 della legge n. 1034 del 1971 –invocata dai ricorrenti nelle memorie da ultimo depositate- di decidere con efficacia limitata tutte le questioni pregiudiziali o incidentali relative a diritti, la cui soluzione sia necessaria per pronunciare sulla questione principale, non possa sconfinare in una vera e propria tutela de... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... consistere, quindi, nella soluzioni di controversie riservate alla autorità giudiziaria ordinaria. Infatti, il sindacato giurisdizionale di cui si tratta va limitato e circoscritto al contenuto oggettivo degli atti, che siano fonte costitutiva o anche meramente ricognitiva di un diritto, senza che il sindacato stesso possa estendersi ad ulteriori atti o fatti modificativi delle situazioni giuridiche, come usucapioni, prescrizioni, devoluzioni o manifestazioni di volontà contrattuale (Consiglio di Stato, sez. VI, 27 febbraio 2008, n. 713).»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI