Carrello
Carrello vuoto



Edificabilità in aree sottoposte a vincoli di varia natura


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE DISTANZE
anno:2017
pagine: 2838 in formato A4, equivalenti a 4825 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> FASCE DI RISPETTO E DISTANZE LEGALI --> EDIFICABILITÀ

In tema di espropriazione per pubblica utilità, il vincolo imposto sulle aree site in fasce di rispetto ferroviario, ai sensi dell'art. 49 del D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753, e stradale o autostradale, ai sensi dell'art. 41-septies della L. 17 agosto 1942, n. 1150 (c.d. legge urbanistica), e succ. mod., si traduce in un divieto assoluto di edificazione che rende le aree legalmente inedificabili e che incide direttamente sul valore del bene, senza possibilità di deroga da parte di provvedimenti amministrativi; ne consegue che le suddette aree, essendo sprovviste delle "possibilità legali" di edificazione, devono essere equiparate a quelle agricole ai fini del calcolo delle indennità di esproprio e di occupazione.

Il vincolo imposto sulle aree site in fasce di rispetto ferroviario, ai sensi del D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753, art. 49 e stradale o autostradale, ai sensi della L. 17 agosto 1942, n. 1150, art. 41-septies (c.d. legge urbanistica), e succ. mod., si traduce in un divieto assoluto di edificazione che rende le aree legalmente inedificabili e che incide direttamente sul valore del bene, senza po... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rave; di deroga da parte di provvedimenti amministrativi, con la conseguenza che le suddette aree sono sprovviste delle "possibilità legali" di edificazione.

L'esclusione in radice delle possibilità legali di edificazione nelle fasce di rispetto ferroviario e stradale non può essere derogata neppure da parte degli strumenti generali di pianificazione del territorio, i quali, in quanto provvedimenti amministrativi, sono assoggettati pur essi al rispetto delle norme di legge che impongono limitazioni legali di carattere assoluto.

Dal vincolo d'inedificabilità ricadente sulle aree situate in fascia di rispetto deve tenersi conto senza che rilevi, al fine di escludere l'inedificabilità dell'area vincolata, la circostanza che la stessa sarebbe comunque computabile nella determinazione della volumetria o della superficie edificabile sul restante suolo espropriato, poiché ciò non rende l'area in questione suscettibile di edificazione, restando pur sempre operante il divieto di costruire su di essa.

Il vincolo d'inedificabilità ricadente sulle aree situate in fascia di rispetto stradale o autostradale non deriva dalla pianificazione e dalla programmazione urbanistica, ma &egrav... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nell'interesse pubblico da apposite leggi che rendono il suolo ad esso soggetto legalmente inedificabile.

L'inclusione delle aree in fascia di rispetto ferroviario, ai sensi del D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753, art. 49 e stradale o autostradale ai sensi della L. 17 agosto 1942, n. 1150, art. 41 septies (cd. legge urbanistica) e successive modifiche, si traduce in un divieto assoluto di edificazione; ne consegue che le suddette aree, essendo sprovviste delle possibilità legali di edificazione, devono essere equiparate a quelle agricole ai fini del calcolo delle indennità di esproprio e di occupazione.

ll vincolo imposto sulle aree site in fasce di rispetto ferroviario, stradale o autostradale, ai sensi dell'art. 41 septies della legge 17.8.1942 n. 1150 si traduce in un divieto assoluto di edificazione che rende le aree legalmente inedificabili e che incide direttamente sul valore del bene, senza possibilità di deroga da parte di provvedimenti amministrativi, con la conseguenza che le suddette aree, essendo sprovviste delle possibilità legali di edificazione, ai sensi dell'art. 5 bis della legge 8 agosto 1992 n. 359, devono essere equiparate a quelle agricole.

I vincoli gravanti su di un fondo per la sua inclu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... fascia di rispetto stradale (così come in quella ferroviaria ovvero cimiteriale, e così via) denominati anche "limitazioni legali della proprietà", si traducono in un divieto di edificazione che rende le aree medesime legalmente inedificabili.

I vincoli di rispetto (ferroviario, stradale ed autostradale), per il loro carattere generale e per il fatto di gravare su immobili individuati "a priori" per categoria, derivante dalla loro posizione o localizzazione rispetto ad un'opera pubblica stradale o ferroviaria, si traducono in un divieto di edificazione che rende i beni medesimi legalmente inedificabili (L. n. 359 del 1992, art. 5 bis, comma 3) e soggetti ai divieti legislativamente previsti.

Le limitazioni legali discendenti dalle fasce di rispetto (ferroviario, stradale ed autostradale), direttamente incidono sul valore del bene e non sono suscettibili di deroghe di fatto neppure da parte degli strumenti urbanistici, che in quanto provvedimenti amministrativi, sono assoggettati pur essi al rispetto delle norme di legge.

Il vincolo imposto sulle aree site in fascia di rispetto stradale o ferroviaria di cui alla L. n. 753 del 1980, art. 49, si traduce in divieto di edificazione che rende le are... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...legalmente inedificabili.

L'area è inedificabile se, ancorché appartenente a zona omogenea con attitudine edificatoria, sia assoggettata a vincolo di rispetto stradale (a norma della L. n. 1150 del 1942, art. 41 septies, aggiunto dalla L. n. 765 del 1967, art. 19, nonché della L. n. 729 del 1961, art. 9, e dei relativi provvedimenti di attuazione, come il D.M. 1 aprile 1968) o ferroviario (a norma del D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753, art. 49).

L'area soggetta a fascia di rispetto è inedificabile di diritto ai fini indennitari, indipendentemente dall'eventuale sottostante destinazione urbanistica all'edificazione.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> FASCE DI RISPETTO E DISTANZE LEGALI --> EDIFICABILITÀ --> PERDITA DI CUBATURA

La disciplina, assolutamente inderogabile, che fissa fasce d'inedificabilità dalle strade ed autostrade, non è aggirabile ipotizzando che l'area possieda comunque una volumetria edificatoria utilizzabile per il computo di superfici e di volumi perduti per effetto dell'espropriazione, di conseguenza indennizzabile, posto che la disposizione legislativa precede logicamente (e gerarchicamente) la classificazione urbanistica del suolo, ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...le qualsiasi valutazione difforme, non suscettibile di deroghe di fatto neppure da parte degli strumenti generali di pianificazione del territorio, che in quanto provvedimenti amministrativi, sono assoggettati pur essi al rispetto delle norme di legge.

Le aree di rispetto comportano un vincolo assoluto d'inedificabilità, ragion per cui esse vanno parificate alle aree agricole, senza tener conto di virtuali possibilità di sfruttare gli indici volumetrici.

Del vincolo a fascia di rispetto deve deve tenersi conto nella determinazione dell'indennità di esproprio, senza che rilevi, al fine di escludere l'inedificabilità dell'area vincolata, la circostanza che la stessa sarebbe comunque computabile nella determinazione della volumetria o della superficie edificabile sul restante suolo espropriato, poiché ciò non rende l'area in questione suscettibile di edificazione, restando pur sempre operante il divieto di costruire su di essa.

Non rileva, al fine di escludere l'inedificabilità dell'area ubicata in fascia di rispetto stradale o autostradale, la circostanza che la stessa sarebbe comunque computabile nella determinazione della volumetria o della superficie edificabile sul restante suolo espr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...iché ciò non rende l'area in questione suscettibile di edificazione, restando pur sempre operante il divieto di costruire su di essa.

In ipotesi in cui oggetto di valutazione sia un terreno ricadente interamente in zona F (attrezzature ed impianti collettivi) ed una porzione dello stesso sia ubicata in fascia di rispetto stradale, condivisibile è la stima che consideri unitariamente l'area, qualificandola come interamente edificabile e pertanto il vincolo di rispetto incidente non sull'edificabilità complessiva del suolo, ma sul valore, atteggiandosi quale limite conformativo del terreno, qualora, data la conformazione del suolo, la volumetria edificabile sia realizzabile pressoché per intero, posizionando il manufatto in modo tale da garantire suddetta fascia.

Da un punto di vista urbanistico, si suole affermare che la fascia di rispetto comporta solamente un obbligo di distanza delle costruzioni da determinati beni o impianti pubblici. L'area in essa compresa non è, dunque, assolutamente inedificabile. Ciò nel senso che, anche se sulla stessa non è possibile collocare una costruzione, essa può comunque – salva diversa disposizione espressa - essere considerata per definire s... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...volumetrie realizzabili su di una più vasta area, alla quale la superficie inclusa nella zona di rispetto risulti accorpata. In buona sostanza, salvo diversa disposizione espressa, è regola generale che l'area della zona di rispetto vada computata nella determinazione della volumetria o superficie edificabile.

La fascia di rispetto partecipa, come regola generale e salvi gli specifici obblighi da essa nascenti, della natura e della disciplina della zona nella quale essa è inserita, concorrendo alla determinazione delle capacità edificatorie della più vasta area in cui essa è inclusa.

Il carattere conformativo del vincolo di rispetto stradale comporta l'inedificabilità dell'area, senza che assuma rilievo, ai fini dell'accertamento della natura del fondo, l'eventuale possibilità di cumulare la cubatura su altri immobili; una simile possibilità, ove pure rilevante, si paleserebbe, semmai, tale da escludere, piuttosto, la stessa configurabilità di un danno indennizzabile, atteso che i trasferimenti di cubatura incrementano l'edificabilità di un'area ampliando il contenuto del relativo diritto di proprietà.

Un'area assoggettata a fascia di rispetto viene i... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... come agricola, e l'eventuale pregiudizio derivante dalla perdita di cubatura, non costituendo voce autonoma di indennizzo, è ricompreso nel calcolo complementare di cui all'art. 40 L. 2359/1865.

Pur incidendo il vincolo di rispetto cimiteriale sulla qualifica di legalmente edificabile, di regola le aree ad esso soggette sono computate unitamente a quelle vicine per la determinazione delle superfici minime indispensabili per l'edificabilità e delle volumetrie realizzabili in rapporto alle superfici stesse.

Sull'inedificabilità legale delle fasce di rispetto (nel caso di specie conseguente a vincolo di rispetto stradale), non rileva l'assunta computabilità dell'estensione del terreno in suddetta zona di rispetto, per un incremento della volumetria realizzabile in area adiacente, in quanto la relativa evenienza non modificherebbe la qualità del suolo, determinante per l'identificazione della disciplina indennitaria applicabile.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI