Carrello
Carrello vuoto



Indici medi di edificabiliità per determinare le indennità per fondi espropriati a fini p.e.e.p.e p.i.p.


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:ALTEZZE VOLUMI INDICI DENSITÀ EDILIZIA
anno:2016
pagine: 385 in formato A4, equivalenti a 654 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> PIANI E STRUMENTI URBANISTICI --> PEEP --> INDICE MEDIO

Il valore di mercato dei fondi inclusi nel PEEP occupati illegittimamente, ai fini della liquidazione del danno, deve essere determinato non sulla base dell'attitudine edificatoria espressa dalle previsioni del piano regolatore generale, ma all'indice medio di edificabilità contemplato dal p.e.e.p., sulla base dell'efficacia conformativa della relativa previsione, avente portata di variante rispetto a quelle dello strumento urbanistico generale.

La valutazione indennitaria del fondo espropriato per l'attuazione dei p.e.e.p. deve essere necessariamente commisurata non all'indice fondiario di edificabilità che è riferito alle singole aree specificamente destinate all'edilizia privata, ma ad indici medi riferiti all'intera zona omogenea, al lordo dei terreni da destinare a spazi liberi o riservati ad infrastrutture e servizi di ordine generale o comunque non suscettibili di edificazione per il privato e tenendo conto dell'aumento o riduzione della volumetria fabbricabile disposta dal p.e.e.p. che ha natura di variante del piano regolatore.

Tutti ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...spropriati in uno stesso ambito zonale (P.E.E.P), vengono a percepire virtualmente la stessa indennità, calcolata su una valutazione del fondo da formulare sulla potenzialità edificatoria "media" del comprensorio, ovvero dietro applicazione di un indice di fabbricabilità (territoriale) che sia frutto del rapporto fra spazi destinati agli insediamenti residenziali e spazi liberi o, comunque, non suscettibili di edificazione per il privato.

Nel determinare col metodo analitico-ricostruttivo il valore venale del terreno edificabile espropriato, urbanisticamente incluso in Zona PEEP, applicando l'indice medio territoriale non ha più senso distinguere le porzioni destinate all'edilizia da quelle destinate a strade o a verde etc.

In ordine alla destinazione delle singole aree incluse nel p.e.e.p, non è configurabile alcuna aspettativa in favore dei proprietari, essendo le aree stesse soggette ad espropriazione, ai sensi della L. n. 167 del 1962, art. 9, u.c., con il riconoscimento di un'indennità, commisurata al valore di mercato dell'immobile, che risulta tendenzialmente uguale per tutte le aree comprese nel piano, dovendosi tenere conto, nella sua determinazione, che... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ilità del fondo dev'essere riconosciuta per il solo fatto della sua inclusione nel piano, e che le relative potenzialità di sfruttamento devono essere valutate in base non già all'indice fondiario di edificabilità della singola area, ma all'indice medio di edificabilità dell'intero comprensorio.

Ai fini dell'edificabilità resta irrilevante che nel contesto del peep l'area sia destinata ad usi che non comportano specifica realizzazione di opere edilizie (verde pubblico, viabilità di p.r.g.), giacché in tale contesto l'edificabilità va commisurata ad indici medi di fabbricabilità, correlati (o correlabili) al totale della superficie al lordo dei terreni da destinarsi a spazi liberi, ove non si ritenga di stimare il terreno ricorrendo a criteri comparativi basati sul valore di aree omogenee.

Nella determinazione dell'indennità di esproprio di un fondo che viene ritenuto edificabile in base al PRG ed incluso in PEEP, se l'area da valutare non è collocata in comprensorio già totalmente urbanizzato, i volumi realizzabili vanno quantificati in base ad indici medi di edificabilità riferiti all'intera zona omogenea, in quanto oc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... conto dell'incidenza degli spazi riservati, secondo lo strumento urbanistico, ad infrastrutture e servizi di interessi generale.

L'inserimento di aree in zona peep ne comporta l'edificabilità quale che fosse la loro condizione giuridica precedente; l'edificabilità va commisurata ad un indice territoriale proprio del peep o comunque ad un indice medio che tenga conto, all'interno del piano stesso, delle destinazioni residenziali, e di quelle a servizi e spazi pubblici.

E' edificabile la particella ricompresa nel piano di zona ex L. 167/1962 e correttamente è rilevata l'indifferenza del valore dei suoli di un piano di zona rispetto alla destinazione, facendosi ricorso all'indice di fabbricabilità territoriale dell'intero piano, proprio perché tutte le aree del comprensorio concorrono, indipendentemente dalla loro destinazione urbanistica, a consentire la realizzazione della volumetria edificabile.

E' escluso che il valore delle aree in ambito PEEP possa essere stabilito in base alle localizzazioni interne al programma espropriativo, essendo anzi necessario tenere conto dell'incidenza degli spazi riservati ad infrastrutture e servizi di interesse generale; il che può anche es... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...so ricorrendo a indici medi di edificabilità riferiti all'intera zona omogenea. Ne consegue che tutti i terreni espropriati in ambito peep percepiscono la stessa indennità, calcolata su una valutazione del fondo da formulare sulla potenzialità edificatoria media di tutto il comprensorio, vale a dire dietro applicazione di un indice di fabbricabilità (territoriale) che sia frutto del rapporto fra spazi destinati agli insediamenti residenziali e spazi liberi.

I volumi realizzabili sull'area inclusa in un P.E.E.P. non possono essere quantificati applicando l'indice fondiario di edificabilità, che è riferito alle singole aree specificamente destinate alla edificazione privata dallo strumento urbanistico attuativo, ma, poiché ai fini dell'esercizio concreto dello ius aedificandi è necessario che l'area sia urbanizzata, occorre tener conto dell'incidenza degli spazi all'uopo riservati (secondo le prescrizioni dello strumento urbanistico attuativo) ad infrastrutture e servizi di interesse generale; il che può anche essere espresso ricorrendo a indici medi di edificabilità riferiti all'intera zona omogenea.

Nella valutazione indennitaria del fondo espropr... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...attuazione di piani di edilizia residenziale, occorre tener conto delle superfici necessarie alle opere di urbanizzazione; consegue che tutti i terreni espropriati in ambito P.E.E.P. percepiscono la stessa indennità, calcolata su una valutazione del fondo da formulare sulla potenzialità edificatoria media di tutto il comprensorio, vale a dire dietro applicazione di un indice di fabbricabilità (territoriale) che sia frutto del rapporto fra spazi destinati agli insediamenti residenziali e spazi liberi o, comunque, non suscettibili di edificazione per il privato.

Nella determinazione dell'indennità di espropriazione di un fondo incluso in un PEEP, la valutazione delle possibilità legali ed effettive di edificazione va fatta tenendo presente che i volumi realizzabili non possono essere quantificati applicando l'indice fondiario di edificabilità, il quale è riferito alle singole aree specificamente destinate alla edificazione privata dallo strumento urbanistico attuativo, ma, poiché ai fini dell'esercizio concreto dello "ius aedificandi" è necessario che l'area sia urbanizzata, occorre tener conto dell'incidenza degli spazi riservati ad infrastrutture e servizi di interesse gener... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... può anche essere espresso ricorrendo a indici medi di edificabilità riferiti all'intera zona omogenea.

Il piano per l'edilizia economica e popolare, previsto dalla L. n. 167 del 1962, ha il doppio effetto di approvazione di variante allo strumento urbanistico fondamentale di secondo livello ed approvazione del piano di zona attuativo di terzo livello. Ne consegue che l'area compresa nel piano assume carattere edificatorio e subisce la conformazione propria del piano, sicché, nella determinazione del suo valore, non può essere fatto riferimento che agli "standard" del piano stesso.

E' irrilevante che nel contesto di un Piano di Zona per l'Edilizia Economica e Popolare un terreno sia destinato ad usi che non consentono la realizzazione di opere edilizie (verde pubblico, viabilità e/o altre infrastrutture e/o opere di urbanizzazione), dal momento che in tale contesto l'edificabilità va commisurata ad indici medi di fabbricabilità, correlati (o correlabili) al totale della superficie al lordo dei terreni da destinarsi a spazi liberi, anche se la stima del valore venale, così calcolato, da cui consegue un eguale valore di mercato per tutti i terreni, ri... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... PEEP, va pure adattata con opportuno criterio correttivo alle specifiche caratteristiche di ogni singolo terreno.

La stima dell'indennità di espropriazione dei fondi compresi nei piani per l'edilizia economica e popolare (PEEP), va effettuata tenendo conto del valore medio di tutti i fondi compresi nel comprensorio territoriale cui si riferisce lo strumento di pianificazione urbanistica, a prescindere dalla loro specifica destinazione.

Tutti i terreni espropriati in ambito p.e.e.p. devono percepire la stessa indennità, calcolata su una valutazione del fondo da formulare sulla potenzialità edificatoria media di tutto il comprensorio, vale a dire dietro applicazione di un indice di fabbricabilità (territoriale) che sia frutto del rapporto fra spazi destinati agli insediamenti residenziali e spazi liberi o, comunque, non suscettibili di edificazione per il privato.

L'indice medio di edificabilità ricavato da diverse zone omogenee è applicabile esclusivamente all'interno di una zona omogenea edificabile, come avviene nell'ambito di quelle rientranti un P.E.E.P. onde evitare l'influenza delle scelte dell'espropriante relative alla collocazione sui singoli fondi di... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... edificazioni, ovvero servizi e infrastrutture, nonché delle disposizioni interne che direttamente o indirettamente ripartiscono costruzioni e spazi liberi nel singolo fondo da espropriare.

In caso di terreno incluso in un piano di zona l'edificabilità deve commisurarsi ad indici medi di fabbricabilità, correlati (o correlabili) al totale della superficie al lordo dei terreni da destinarsi e spazi liberi.

La valutazione indennitaria del fondo espropriato incluso nel PEEP deve essere necessariamente commisurata ad indici medi riferiti all'intera zona omogenea, al lordo dei terreni da destinare a spazi liberi, o comunque non suscettibili di edificazione per il privato.

Devono essere ritenuti come edificabili, sulla base della media degli indici di fabbricabilità vigenti nell'ambito del PEEP, tutti i terreni inclusi nel Piano, prescindendo dalla loro destinazione ad opere edilizie o ad opere di urbanizzazione o a spazi liberi; ciò in quanto anche le aree destinate ad opere di urbanizzazione o a spazi liberi partecipano in maniera paritaria alla realizzazione del PEEP, ognuna, essendo portatrice, in egual misura, di una capacità edificatoria potenziale.

Dal fatto ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...alutazione indennitaria del fondo espropriato per l'attuazione di piani di edilizia residenziale, occorre tener conte delle superfici necessarie alle opere di urbanizzazione, consegue che tutti i terreni espropriati vanno valutati alla stessa stregua, sulla scorta di una stima del fondo da formulare sulla potenzialità edificatoria media di tutto il comprensorio, vale a dire dietro applicazione di un indice di fabbricabilità (territoriale) che sia frutto del rapporto fra spazi destinati agli insediamenti residenziali e spazi liberi o, comunque, non suscettibili di edificazione per il privato.

L'indice di fabbricabilità previsto dal P.E.E.P., qualora sia diverso rispetto a quello fissato dal P.R.G., comporta una variante dell'indice medio, influendo così sul valore dell'intera area, da valutarsi al lordo degli spazi destinati a strade, servizi od infrastrutture in genere, vale a dire indipendentemente dalla natura delle opere pubbliche che saranno realizzate sui singoli terreni espropriati.

La valutazione delle aree incluse in PEEP deve considerare l'indice medio di fabbricabilità del comprensorio e non l'indice di fabbricabilità comprensoriale di cui alle norme tecniche di attuazione del PRG,... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... PEEP ha costituito variante.

Ai fini dell'apprezzamento dell'effettiva edificabilità di aree in un PEEP (c.d. edificabilità di fatto), occorre tener conto delle previsioni del piano per l'edilizia in punto di densità volumetrica, quali varianti del piano regolatore, quando esse si traducano in indici medi di fabbricabilità, correlati (o correlabili) al totale della superficie al lordo dei terreni da destinarsi a spazi liberi, con riferimento all'intera area del piano stesso.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> PIANI E STRUMENTI URBANISTICI --> PEEP --> INDICE MEDIO --> OPERE DI URBANIZZAZIONE

Non contraddice l'accertata destinazione legale edificatoria dei terreni inclusi all'interno di un PEEP, l'attribuzione di un valore commerciale variabile in funzione delle maggiori o minori opere di urbanizzazione già eseguite o ancora da eseguire per potere essere in concreto utilizzate, si da raggiungere necessariamente valori più elevati in presenza di notevoli opere di urbanizzazione già realizzate nonché di conseguenti minori costi da affrontare e, per converso, valori inferiori allorché siffatti costi aumen... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...amente ai tempi di attesa per la loro esecuzione.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> PIANI E STRUMENTI URBANISTICI --> PIP --> INDICE MEDIO

Nell'ambito della superficie complessivamente inclusa nel piano di zona (p.i.p.), tutti i terreni espropriati sono destinati a percepire la stessa indennità, che dev'essere calcolata in base ad una valutazione del fondo da formularsi alla stregua della potenzialità edificatoria media del comprensorio ovvero mediante l'applicazione di un indice di fabbricabilità (territoriale) che sia frutto del rapporto fra spazi destinati agli insediamenti produttivi e spazi liberi o comunque non suscettibili di edificazione per il privato.

L'edificabilità legale va apprezzata tenendo conto del PIP quale strumento conformativo; ma detta destinazione è nel contempo il presupposto ed il limite delle menzionate possibilità che vanno considerate nel solo ambito della destinazione legale della zona e non già al di fuori di essa. Allorquando, pertanto, si considera l'indice territoriale si è statuito che deve recepirsi quello medio del piano indicato dal progettista: non rilevando nell'attuale normativa (anche del ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ce (soggettivo, creato dal c.t.u.) di un più esteso comparto (dai limiti pur essi soggettivi).

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> PIANI E STRUMENTI URBANISTICI --> PIP --> INDICE MEDIO --> SPECIFICHE LOCALIZZAZIONI

La valutazione indennitaria del fondo espropriato per l'attuazione di un piano di zona (p.i.p.), dev'essere necessariamente commisurata ad indici medi riferiti all'intera zona omogenea, al lordo dei terreni da destinare a spazi liberi o comunque non suscettibili di edificazione per il privato, nel senso che, ove non si ritenga di stimare il terreno ricorrendo a criteri comparativi basati sul valore di aree omogenee, l'adozione del metodo analitico- ricostruttivo impone di tener conto dell'incidenza degli spazi riservati ad infrastrutture e servizi di ordine generale, prescindendo sia dal fatto che l'area sia (eventualmente) destinata ad usi che non comportano specifica realizzazione di opere edilizie (verde pubblico, viabilità, parcheggi), sia dalla maggiore o minore fabbricabilità del fondo derivante dalle disposizioni di piano che prevedono la localizzazione di specifiche edificazioni o di servizi ed infrastrutture.

Il regime dell'area deve essere v... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a stregua degli strumenti generali, anche di terzo livello, vigenti all'atto dell'espropriazione e non già in base a Piani di decenni innanzi e superati dalla successiva attività di pianificazione; pertanto, in ipotesi di PIP approvato, è corretta la qualificazione dell'area come zona avente vocazione di edificazione produttiva, improntante di sé tutte le particelle (per le quali la specifica e lenticolare sottoposizione a vincolo di viabilità interna non ha rilevanza).

La destinazione di P.R.G. ad "aree produttive di nuovo impianto per l'artigianato e l'industria soggette a P.I.P.", confermata dall'intervenuto piano attuativo, consente di qualificare edificabili i terreni interessati; da ciò consegue che il prezzo di essi va determinato in base agli indici medi di edificabilità dei terreni regolati dal P.I.P. anche per le superfici destinati a servizi pubblici o strade.




 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI