Carrello
Carrello vuoto



La facoltà di costruire sul confine: in aderenza o in appoggio

Qualora gli strumenti urbanistici stabiliscano determinate distanze dal confine e nulla aggiungano sulla possibilità di costruire in aderenza o in appoggio al confine, la preclusione di dette facoltà non consente l'operatività del principio della prevenzione e dunque non è ammesso l'intervento edilizio.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE DISTANZE
anno:2019
pagine: 3515 in formato A4, equivalenti a 5976 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> DISTANZE --> CONFINI DI PROPRIETÀ

In tema di violazione delle distanze tra costruzioni, il danno che subisce il proprietario confinante deve ritenersi "in re ipsa", senza necessità di una specifica attività probatoria, essendo l'effetto, certo e indiscutibile, dell'abusiva imposizione di una servitù nel proprio fondo e, quindi, della limitazione del relativo godimento che si traduce in una diminuzione temporanea del valore della proprietà.

Laddove la normativa regolamentare locale prescriva soltanto un distacco assoluto tra le costruzioni, non può essere esclusa la facoltà di edificare sul confine o a distanza dallo stesso inferiore alla metà di quella normata.

La deroga al principio di prevenzione costituita dalla normativa urbanistica locale che impone una distanza minima dal confine può essere sterilizzata nella sua efficacia applicativa soltanto quando consenta espressamente l'edif... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...l confine.

In tema di distanze nelle costruzioni, ai sensi dell'art. 873 c.c., le norme che impongono l'osservanza delle distanze dai confini prescindono dall'avvenuta edificazione e dalla futura edificabilità del fondo limitrofo.

Allorquando i regolamenti edilizi comunali stabiliscano una distanza minima assoluta tra costruzioni maggiore di quella prevista dal codice civile, detta prescrizione deve intendersi comprensiva di un implicito riferimento al confine, dal quale chi costruisce per primo deve osservare una distanza non inferiore alla metà di quella prescritta, con conseguente esclusione della possibilità di costruire sul confine e, quindi, della operatività del criterio cosiddetto della prevenzione.

Il d.m. n. 1444 del 1968 non si occupa delle distanze dai confini, bensì dei limiti di distanza tra fabbricati (art. 9).

Le norme regolamentari che prescrivono, invece, una distanza dei fabb... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...riguardo al confine assolvono l'esigenza di un'equa ripartizione tra i proprietari confinanti dell'onere di salvaguardare la presenza di una zona di distacco tra le costruzioni (tanto è vero che il d.m. 1444/68 non se ne occupa), con la conseguenza che, in mancanza di una siffatta prescrizione, si applica, senza deroghe o temperamenti, il principio della c.d. prevenzione temporale (di cui agli art. 873 e seguenti c.c.), in base al quale il proprietario che costruisce per primo determina, in concreto, le regole da osservare per il rispetto delle distanze nella costruzione di nuovi edifici su fondi confinanti.

Una volta rispettata la distanza tra edifici non rileva più la distanza dai confini, poiché questa, come pure si è detto, assolve semplicemente l'esigenza di un'equa ripartizione tra i proprietari confinanti dell'onere di salvaguardare la presenza di una zona di distacco tra le costruzioni, limitando la regola della prevenzione.

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> DISTANZE --> COSTRUZIONE IN ADERENZA
[Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...

Perché possa parlarsi di costruzione in aderenza, è necessario che la nuova opera e quella preesistente combacino perfettamente da uno dei lati in modo che non rimanga tra i due nuovi manufatti, nemmeno per un breve tratto o ad intervalli, uno spazio vuoto, ancorché totalmente chiuso che lasci scoperte, sia pure in parte, le relative facciate.

Quando il piano particolareggiato esecutivo locale prescrive le distanze dal confine, non è consentita - salvo concreta, diversa previsione della norma regolamentare - la costruzione in aderenza, perché dette norme regolamentari sono integrative del codice civile per tutta la loro disciplina, tal che la norma di cui all'art. 873 c.c., cede alla norma regolamentare, che, prescrivendo l'osservanza, per le costruzioni, di una determinata distanza dal confine, implica il divieto di costruire in appoggio od in aderenza, in deroga alla disciplina del codice civile.

In tema di distanze fra edifici, nel caso in cui la costruzione del prevenuto non presenti una perfetta a... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...uella realizzata con sporgenze dal preveniente secondo una linea spezzata, il giudice non può disporre l'arretramento della costruzione del prevenuto senza accertare che l'intercapedine possa essere colmata mediante opportuni accorgimenti tecnici atti a perfezionare l'aderenza senza determinare spinte in danno del muro del vicino. In tal caso non si verifica violazione del principio di prevenzione, posto che il prevenuto esercita, seppure con l'adozione di cautele rese necessarie da anomalie a lui non imputabili, la facoltà di costruire in aderenza riconosciutagli dalla legge.

Nel caso in cui il regolamento comunale consenta le costruzioni sul confine in aderenza o in appoggio, il costruttore prevenuto ha la scelta tra l'edificare a distanza regolamentare e l'erigere la propria fabbrica fino ad occupare l'estremo limite del confine medesimo, ma non anche quella di costruire a distanza inferiore dal confine, poiché detta prescrizione ha lo scopo di ripartire tra i proprietari confinanti l'onere della creazione della zona di distacco.

Quando una costruzione sia stata realizzat... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...rave; lungo una linea retta, ma lungo una linea spezzata, ora coincidente con il confine, ora no, il vicino prevenuto deve rispettare le distanze imposte dalla legge e dai locali regolamenti edilizi, computate dalle sporgenze e rientranze dell'altrui fabbricato; quindi, potrà costruire in aderenza solo in quei tratti in cui l'edificio preveniente si trova sul confine, mentre negli altri tratti dovrà arretrare rispetto al confine, rispettando le distanze legali, non rilevando il fatto che il suolo non edificato lungo la linea del confine non è più edificabile per volontà del preveniente.

La possibilità di costruire sul confine è consentita soltanto se vi è la possibilità di costruire in aderenza rispetto ad un fabbricato già edificato e non laddove il fabbricato già esistente non sia stato costruito sul confine ma discosto da esso.

Ai fini di valutare il rispetto delle distanze e la possibilità di edificare in edificare in aderenza, non è possibile riconoscere carattere di costruzione ad un... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...rigliato metallico avente valenza per lo più decorativa.

Qualora i regolamenti edilizi consentano la facoltà di costruire sul confine (in aderenza o in appoggio), come alternativa all'obbligo di rispettare una determinata distanza da esso, si versa in ipotesi del tutto analoga, sul piano normativo, a quella prevista e disciplinata dagli artt. 873 e ss. c.c., con la conseguente operatività del principio di prevenzione, in base al quale che edifica per primo sul fondo contiguo ha una triplice facoltà alternativa: a) costruire sul confine; b) costruire con distacco dal confine, osservando la distanza minima imposta dal codice civile ovvero quella maggiore stabilita dai regolamenti edilizi locali; c) costruire con distacco dal confine a distanza inferiore alla metà di quella prescritta per le costruzioni sui fondi finitimi.

Ove le N.T.A. del P.R.G. consentano di edificare le autorimesse sul confine, la costruzione eretta in aderenza al muro comune è da considerare legittima, giacché in caso in comunione del muro di cinta, la linea di confine è lo stesso muro, i... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...sua ampiezza e ampiezza e non la sua linea mediana.

La norma edilizia comunale che consente la sopraelevazione in aderenza non è applicabile alle ipotesi in cui l'edificio preesistente sia stato demolito e ricostruito con altezza maggiore, giacché la sopraelevazione presuppone necessariamente il mantenimento dei piani sottostanti, in maniera che la costruzione preesistente ne risulti modificata solo in altezza.

Qualora il proprietario di un terreno adiacente ad un fabbricato, costruito su terreno altrui, volendo a sua volta edificare, abbia scelto, tra le alternative offertegli dalla legge, quella della costruzione in aderenza è necessario che la nuova opera e quella preesistente, pur essendo autonome dal punto di vista strutturale, combacino perfettamente da uno dei lati, di guisa che non rimanga tra i due muri, nemmeno per un breve tratto, uno spazio vuoto, ancorché totalmente chiuso (in modo che l'uomo non possa accedervi, né possa cadervi pioggia od altro) che lasci scoperte, sia pure in parte, le relative facciate.

... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...le="widows: 2;">Chi è abilitato a costruire in aderenza può farlo senza essere in alcun modo vincolato dall'altezza della preesistente costruzione posta sul confine del fondo finitimo.

In tema di distanze nelle costruzioni, qualora gli strumenti urbanistici stabiliscano determinate distanze dal confine e nulla aggiungano sulla possibilità di costruire «in aderenza» od «in appoggio», la preclusione di dette facoltà non consente l'operatività del principio della prevenzione e dunque non consentono al prevenuto la facoltà di costruire in aderenza o in appoggio.

Nel caso in cui lo strumento urbanistico preveda la distanza dal confine, la costruzione "in aderenza" od "in appoggio" deve essere espressamente consentita dalle norme locali.

La costruzione in aderenza non è possibile in ipotesi di costruzioni sporgenti, come nel caso di balcone che arrivi al confine di proprietà ma sorretto da un pilone pos... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...rno del terreno di proprietà.

Per costruzione in appoggio deve intendersi, secondo una nozione desunta dalla leggi fisiche quella che scarica il peso degli elementi di cui si compone, sul muro del vicino che in tal modo ne assicura la staticità necessaria; si ha, invece, costruzione in aderenza quando la nuova opera e quella preesistente combaciano perfettamente da uno dei lati, in modo che non rimanga tra i due muri, nemmeno per un breve tratto o ad intervalli, uno spazio vuoto, ancorché totalmente chiuso.

Nel caso in cui le facoltà di costruire "in aderenza" od "in appoggio siano previste, direttamente o indirettamente dagli strumenti urbanistici, si versa in ipotesi del tutto analoga a quella disciplinata dall'art. 873 cod. civ., e segg., con la conseguenza che è consentito al preveniente costruire sul confine, ponendo il vicino, che intenda a sua volta edificare, nell'alternativa di chiedere la comunione del muro (o di costruire in appoggio) o di costruire in aderenza (eventualmente esercitando le opzioni previste dall'art. 875 cod. civ. e art. 877 cod. civ.,... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ovvero di arretrare la sua costruzione sino a rispettare la maggiore intera distanza imposta dallo strumento urbanistico.

La facoltà di costruire in aderenza può essere legittimamente limitata come anche del tutto esclusa dai regolamenti locali.

Una costruzione può essere realizzata sul confine del vicino limitatamente all'altezza del preesistente muro di fabbrica, mentre una volta superata tale altezza debbono essere rispettate le distanze previste tra le costruzioni dalla disciplina urbanistica, poiché anche in tale situazione sussiste l'esigenza pubblicistica di evitare intercapedini dannose.

In relazione agli edifici costruiti in aderenza non sono invocabili le norme urbanistiche che regolano la distanza tra edifici separati.

Un muretto di 30 cm non può essere definita parete o anche porzione di parete preesistente su cui costruire un altro manufatto in aderenza.

VINCOLI ED EDIFICABILIT&Agrav... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...INCOLI URBANISTICI E LEGALI --> DISTANZE --> DETERMINAZIONE DEL CONFINE

Nell'accertamento del confine tra due fondi limitrofi costituenti lotti separati di un appezzamento originariamente unico va attribuita peculiare rilevanza ai tipi di frazionamento allegati ai singoli atti di acquisto e, in particolare, nel caso in cui i dati sul confine siano discordanti e gli acquisti siano stati effettuati in tempi diversi, al confine indicato nel tipo di frazionamento allegato al titolo di acquisto più risalente nel tempo.

Nell'individuazione del confine tra fondi limitrofi, il giudice di merito non può prescindere dall'esame e dalla valutazione dei titoli d'acquisto delle rispettive proprietà, atteso che questi costituiscono la base primaria per risolvere una situazione di fatto. Solo la mancanza o l'insufficienza di indicazioni sul confine rilevabili dagli indicati titoli, giustifica il ricorso ad altri mezzi di prova.

Allorquando siano insufficienti le indicazioni sul confine rilevabili dai titoli di acquisto, si giustifica il ricorso ad altri m... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...va (anche presuntivi), quali un precedente regolamento amichevole della linea di confine tra i fondi, mediante negozio di accertamento inteso a risolvere l'incertezza, o il consolidamento di una determinata situazione di fatto e solo in ultima analisi il ricorso ai dati forniti dalle mappe catastali, quale fonte probatoria di carattere sussidiario.

In tema di individuazione della linea di confine tra due fondi è possibile che le parti procedano ad un regolamento amichevole della linea di confine stessa mediante un negozio di accertamento libero da forme inteso a risolvere un contrasto, sia pure solo virtuale. Tale negozio di accertamento può essere concluso anche per "facta concludentia", come nel caso in cui i proprietari dei fondi limitrofi erigano, d'accordo tra loro, una rete metallica per delimitarli.

Ai fini delle distanze legali, deve ritenersi che la semplice esistenza di una recinzione non rende incontestabile il confine tra due fondi, ove non si dimostri che tale recinzione è stata apposta in conformità ai titoli o in base ad un accordo tra le parti.
[Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...2;" />
Ai fini della individuazione dei confini del bene immobile, rivestono importanza fondamentale i tipi di frazionamento allegati ai singoli atti di acquisto ed in essi richiamati, atteso che gli stessi concorrono a determinare l'oggetto del trasferimento e quindi delle rispettive proprietà, ed è legittimo ricorrere ad altri elementi di prova solo dove tale richiamo manchi o sia insufficiente ad individuare esattamente il bene.

Il frazionamento allegato al contratto con cui originariamente sia stato suddiviso l'appezzamento di terreno può essere utilizzato ai fini della determinazione del confine tra due fondi soltanto se tale frazionamento venga allegato nei successivi atti di trasferimento, assumendo valore negoziale vincolante.

L'individuazione del confine operata dalle parti interessate, se ricondotta ad un negozio di accertamento, non è soggetta all'onere della forma scritta e si può pertanto perfezionare anche verbalmente o mediante comportamento concludente.

[Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...yle="widows: 2;">Qualora sul piano di frazionamento allegato agli atti di provenienza delle parti sia presente la dicitura "annullato" il giudice deve accertare le ragioni e soprattutto la provenienza della dicitura, al fine di verificare se essa poteva essere ascritta alla volontà unilaterale di una parte ovvero alla volontà di entrambe oppure era attribuibile alla mera iniziativa di un terzo.

L'individuazione della linea di confine tra due fondi costituisce un accertamento di fatto, riservato al giudice di merito, che se condotto secondo i dettami di cui all'art. 950 c.c., e congruamente motivato, non è censurabile in sede di legittimità.

Ai fini della determinazione della linea di confine, le risultanze catastali costituiscono soltanto l'extrema ratio cui il giudice deve attenersi in mancanza di altri i elementi di prova.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI