Carrello
Carrello vuoto



Normativa relativa alla collocazione della segnaletica stradale

I segnali di indicazione e pericolo non richiedono un preventivo provvedimento che ne autorizzi o disponga l’installazione, obbligatorio per i soli segnali di prescrizione (art.77 D.P.R.495/1992).

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LE STRADE
anno:2017
pagine: 2523 in formato A4, equivalenti a 4289 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> SEGNALETICA

I segnali indicanti servizi di pubblica utilità difettano del requisito della bidimensionalità e sono connotati dall'assenza di finalità meramente pubblicitarie verso l'utenza.

È erroneo presupporre che ogni anche lieve difformità valga a parificare ai mezzi pubblicitari i segnali di territorio, quando si riferiscono a particolari attività o insediamenti: a questa conclusione si può pervenire, invero, soltanto se si tratta di differenze rilevanti, tali da snaturare il cartello, facendogli assumere una prevalente funzione reclamistica, di promozione dei prodotti di una determinata impresa, in luogo di quella segnaletica, di indicazione dell'itinerario verso la sede in cui l'attività industriale, commerciale o artigianale si svolge.

Il tratto distintivo tra un segnale di pubblica utilità e un cartello pubblicitario è da individuare nel fatto che quest'ultimo è strutturato, come prevede l'art. 47, co. 4, D.P.R. 495/1992, su una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...stici, cioè sulla prevalenza del profilo reclamistico rispetto a quello funzionale.

I segnali di indicazione e pericolo non richiedono un preventivo provvedimento che ne autorizzi o disponga l'installazione, poiché l'art. 77 D.P.R. 495/1992 menziona il provvedimento di autorizzazione per i soli segnali di prescrizione.

La collocazione della segnaletica stradale è un fatto dinamico, nel senso che l'esperienza può sempre suggerire – nell'ottica di un incremento della sua efficacia – spostamenti.

Il ricorso previsto dal comma 3 dell'art. 37 del d.Lvo 30 aprile 1992, n. 285, contro i provvedimenti e le ordinanze che dispongono o autorizzano la collocazione della segnaletica, ha natura di ricorso amministrativo "improprio" e rientra nel genus dei ricorsi gerarchici disciplinati dall'ormai abrogato dPR 24 novembre 1971 n. 1199.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI