Carrello
Carrello vuoto



La denuncia di infortunio sul lavoro


 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LA TUTELA DELL'INFORTUNIO SUL LAVORO
anno:2015
pagine: 116
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato giuslavorista specialista in Diritto del Lavoro

Per ottenere le prestazioni assicurative il lavoratore deve comunicare l'infortunio, anche in itinere, al proprio datore di lavoro e recarsi nella struttura sanitaria più opportuna al fine di ottenere le cure del caso e far certificare l'evento dannoso collegato all'infortunio.

Il certificato così rilasciato, nel quale sono indicati la diagnosi e il numero dei giorni di inabilità temporanea assoluta al lavoro, deve essere consegnato subito al datore di lavoro.

Nel particolare caso di lavoratori autonomi, la comunicazione può essere fatta entro due giorni direttamente con l'invio del certificato medico all'Ente, potendo compilare il modulo di denuncia anche in un momento successivo.

La denuncia effettuata all'INAIL comporta per il lavoratore infortunato un onere della prova meno gravoso rispetto a quello tipicamente previsto per l'inadempimento extracontrattuale.

Egli ha l'onere di dimostrare, esclusivamente che l'evento dannoso è sorto in correlata causalità con l'attività lavorativa, tale che questa si ponga come causa o concausa del danno subito.

Al lavoratore non compete l'onere di allegare l'eventuale colpa o dolo del datore , pur permanendo un generico... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... documentare le eventuali norme antinfortunistiche violate dal datore di lavoro.

La denuncia dell'infortunio, anche se di lieve entità, deve essere effettuata immediatamente. Quando l'assicurato non abbia ottemperato all'obbligo predetto, non viene corrisposta l'indennità per i giorni antecedenti a quello in cui il datore ha avuto notizia dell'infortunio.

Nel caso in cui insorga una malattia professionale, grava l'onere sul lavoratore di allegare la relativa certificazione dal momento in cui il danno alla salute si sia concretizzato nella sua forma morbosa e venga accertata la natura professionale della malattia.

Se il lavoratore ritornato ad effettuare la prestazione subisce una ricaduta, dovrà recarsi dal medico della struttura sanitaria preposta alla certificazione degli stati di infortunio e malattia, e comunicare il perdurare dell'evento dannoso provocato dall'infortunio precedentemente subito. Questo certificato dovrà successivamente essere trasmesso sia al datore che all'INAIL, per l'inserimento nel fascicolo di competenza.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI