L'ACQUISIZIONE COATTIVA DI CUI ALL'ART. 42-BIS D.P.R. 327/2001: LA PROCEDURA

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

Forma, contenuto, effetti, competenze, oggetto, iter, aspetti processuali

Accordino, Salvatore

22 settembre 2020

 / 672 Pagine in formato libro (17X24 cm)

Guida operativa sulla forma, sul contenuto, sugli effetti, sulle ipotesi di applicazione e non applicazione, sulle competenze, sull'oggetto, sulle condizioni di efficacia, sulla motivazione dell'atto di acquisizione coattiva sanante. Profili processuali, diagramma di flusso, ampio corredo giurisprudenziale.

40,00

  • editore: Exeo
  • collana: esproprionline
  • numero in collana: 19
  • isbn: 978-88-6907-294-9
  • sigla: PL34
  • categoria: MONOGRAFIE
  • tipologia: giuridica
  • genere: studio applicato
  • altezza: cm 24
  • larghezza: cm 17
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: NO - Copia/Incolla: NO
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

INTRODUZIONE

CAPITOLO I

Esegesi delle Fonti giuridiche attraverso l'analisi del percorso giurisprudenziale.

Par. 1 Premessa.

Par. 2 L'occupazione acquisitiva come panacea patologica.

Par. 3 L'introduzione di un primo rimedio normativo: l'art. 43 del d.P.R. 327/2001.

Par. 3.1 La storica sentenza n. 293/2010 della Consulta.

Par. 4 L'epilogo a sezioni unite della Suprema Corte: la sentenza n. 735/2015.

Par. 5 La legislazione speciale di cui agli artt. 32-32 bis della legge n. 10/91 della provincia di Bolzano.

Par. 6: L'avvicendamento del nuovo istituto di cui all'art. 42 bis.

Par: 6.1: Profili di illegittimità costituzionale: la pronuncia della Corte costituzionale n. 71/2015.

Par. 7. L'Adunanza plenaria n. 5/2020.

CAPITOLO II

L'art. 42 bis del d.P.R. 327/2001.

Par. 1 I vizi formali del procedimento di espropriazione.

Par. 2 Le possibili alternative alla "sanatoria".

Par. 3 La discrezionalità.

Par. 4 Ambito di applicazione dell'art. 42 bis.

Par. 4.1 Il favor esteso alle particolari condizioni dei commi 2 e 8.

Par. 4.2 Le diverse ipotesi di non applicazione.

Par. 5 I limiti temporali dell'Istituto: la non retroattività.

Par. 6 Profili soggettivi: l'identificazione della competenza.

Par. 6.1 Casi "molto" particolari.

Par. 6.2 Il Commissario ad acta.

Par. 6.3 Le disposizioni di cui al 5° comma.

Par. 6.4 Le disposizioni di cui al 6° comma.

Par. 7 Profili oggettivi: le condizioni afferenti al bene.

CAPITOLO III

Le fasi che precedono l'emissione del provvedimento di acquisizione sanante.

Par. 1 L'attività di impulso.

Par. 2 Valutazione degli interessi in conflitto: l'avviso di avvio del procedimento come momento partecipativo e conseguenze del mancato esperimento.

Par. 3: La nomina del perito per la valutazione del bene: l'individuazione particellare attraverso i tipi di frazionamento.

Par. 4: La determinazione dell'indennità di acquisizione.

Par. 4.1: Altre tipologie indennitarie: il potere decisorio.

Par. 5: Aspetti conclusivi: l'emissione del decreto.

CAPITOLO IV

Il decreto di acquisizione sanante: contenuto ed effetti.

Par. 1 L'indicazione delle circostanze e la data di inizio dell'indebita occupazione.

Par. 2 La motivazione bipolare nell'ottica della comparazione con gli interessi dei privati:

a. le attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico;

b. l'assenza di ragionevoli alternative.

Par. 3 La condizione sospensiva del pagamento dell'indennità come effetto traslativo del diritto: il richiamo dell'art. 20, comma 14 del d.P.R. 327/2001.

Par. 4 Gli adempimenti formali che seguono il decreto di acquisizione.

CAPITOLO V

Profili giurisdizionali.

Par. 1 Autorità competente e natura del giudizio.

Par. 2 L'opposizione alla determinazione dell'indennizzo: il rito davanti al Giudice ordinario.

Par. 3 La trasmissione alla Corte dei conti: rilievi di responsabilità contabile.

Par. 4 L'impugnazione del silenzio nel rito previsto dagli artt. 31 e 117 del codice del processo amministrativo.

DIAGRAMMA DI FLUSSO

APPENDICE DELLE FONTI BIBLIOGRAFICHE E GIURISPRUDENZIALI

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Scopo di queste pagine è quello di offrire una corretta guida dal taglio operativo, frutto sia di un’attenta disamina giurisprudenziale, sia di un’esperienza operativa guadagnata sul campo, che possa sostenere l’operatore pratico nella corretta applicazione dell'art. 42-bis del D.P.R. 327/2001, porgendogli una “mano d’aiuto” nella costante fatica quotidiana per potersi districare nel “pantano” degli apparati burocratici in cui, attualmente, con enorme sacrificio, per chi vuol far bene il proprio lavoro, è costretto ad agire.

Ultimi articoli pubblicati

APPROFONDIMENTI

Il riferimento storico epocale in materia di occupazioni illegittime da parte della P.A.  è dato nel 1983 dalla celebre pronuncia a sezioni unite della Suprema Corte nella quale si affermava il seguente corollario: «nel caso di illegittima occupazione da parte della P.A. (o di un suo conc...
Apri l'articolo
Il deposito della sentenza n. 293 della Consulta l'8 ottobre 2010, segna la fine del tormentato iter seguito nella sua applicazione dall’art. 43 del d.P.R. 327/2001. Gli sforzi in “buona fede” compiuti dal legislatore venivano in questo modo definitivamente preclusi a fronte...
Apri l'articolo
A soli quattro anni dal suo inserimento nel sistema legislativo racchiuso nel T.U.Es. di cui al d.P.R. 327/2001, tramite il D.L. n. 98/2011, convertito con legge n. 111/2011, l’art. 42 bis “soffre” già di patologica incertezza per il suo profilo costituzionale che non convince affa...
Apri l'articolo