CATASTO TERRENI - GUIDA PRATICA N. 3

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

Esempi più complessi di tipi di aggiornamento cartografico con l'uso di PREGEO 10.60

Iovine, Mario

13 aprile 2017

pdf  / 141 Pagine in formato A4 (21X29,7 cm)

Otto casi di documenti di aggiornamento cartografico del catasto dei terreni esemplificativi casistiche più complesse e/o meno ricorrenti, predisposti in conformità alla versione 10.60 della procedura PREGEO, adottata dall’Agenzia delle Entrate con circolare n. 44/E del 14 dicembre 2016. Procedura obbligatoria a decorrere dal 29/4/2017. Si tratta di casi di esempio nuovi rispetto a quelli trattati dalla Guide Pratiche n. 1 e 2

30,00

  • editore: Exeo
  • collana: catasto, cartografia ed edilizia
  • numero in collana: 24
  • isbn: 978-88-6907-217-8
  • sigla: AI27
  • categoria: MONOGRAFIE
  • tipologia: tecnica
  • genere: guida operativa
  • altezza: cm 29,7
  • larghezza: cm 21
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: NO - Copia/Incolla: SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: geografia/ambiente/territorio

Introduzione

ESEMPIO 1  Tipo mappale con formazione del lotto da fusione di due particelle

ESEMPIO 2 Tipo di frazionamento con  formazione di lotti

ESEMPIO 3  Tipo per rettifica

ESEMPIO 4  Tipo particellare

ESEMPIO 5 mappale con riferimento a particella definita con atto Pregeo

ESEMPIO 6 Tipo mappale redatto per coordinate

ESEMPIO 7  Frazionamento della particella di qualità "strade"

ESEMPIO 8  Tipo mappale per inserimento in mappa di un locale interrato

ALLEGATI

Allegato 1 - Circolare N. 44/E del 14 Dicembre 2016 dell'Agenzia delle Entrate  Approvazione automatica degli atti di aggiornamento del Catasto Terreni con contestuale aggiornamento della mappa e dell'archivio censuario. Indirizzi operativi per l'utilizzo della procedura Pregeo 10 "versione 10.6.0 - APAG 2.08".

Allegato 2 - Tipologie di documenti di aggiornamento cartografico ex  circ. 44/E del 14/12/2016 dell'Agenzia delle Entrate  versus quelle di cui alla circ. n. 3 del 2009 dell'Agenzia del Territorio

Allegato 3 - Tipologie e codifiche delle annotazioni particellari oggetto di atti di aggiornamento cartografico

Allegato 4- Deroghe  dalle modalità di rilevo ordinario

Allegato 5 - Dichiarazioni tecniche previste per la relazione strutturata

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Galleria immagini

Il testo costituisce una sintetica, ma esaustiva guida operativa per comprendere la natura e le modalità di predisposizione per le più ricorrenti tipologie di atti di aggiornamento cartografico. In particolare sono evidenziate le modalità di predisposizione di alcuni atti di aggiornamento cartografico che richiedono una specifica elaborazione tecnica e relativi adempimenti amministrativi.
Il volume contiene otto esempi di rilevante interesse.
Sono allegati documenti di ausilio quali la circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 44/E del 14/12/2016 e specifiche tecniche di routine di collegamento con le precedenti versioni
La guida è consigliata sia a tecnici professionisti, già esperti, che solo occasionalmente si sono interessati di catasto e che vogliano approfondire lo specifico argomento trattato, sia a neofiti, che hanno necessità di sviluppare una conoscenza pratica operativa della materia, dopo la formazione di natura scolastica. È altresì sicuramente utile anche ad altri soggetti, diversi dai liberi professionisti, quali dipendenti pubblici o privati.