Sanzioni per abusi edilizi: l'ordinanza di sospensione dei lavori
ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> ORDINANZA DI SOSPENSIONE DEI LAVORI

Ai sensi dell’art. 4, comma 3, della legge n. 47 del 1985 (ma analoga norma è contenuta nell’art. 27, comma 3, del d.P.R. n. 380 del 2001) l’immediata sospensione dei lavori “ha effetto fino all’adozione dei provvedimenti definitivi di cui ai successivi articoli, da adottare e notificare entro quarantacinque giorni dall’ordine di sospensione dei lavori”.

Il potere di sospensione dei lavori edili in corso, attribuito all’autorità comunale dall'art. 27 comma 3 DPR 380/2001, è di tipo cautelare, in quanto destinato ad evitare che la prosecuzione dei lavori determini un aggravarsi del danno urbanistico, e alla descritta natura interinale del potere segue che il provvedimento emanato nel suo esercizio ha la caratteristica della provvisorietà, fino all’adozione dei provvedimenti definitivi.

A seguito de... _OMISSIS_ ...ine di 45 giorni, ove l’amministrazione non abbia emanato alcun provvedimento sanzionatorio definitivo, l’ordine di sospensione dei lavori perde ogni efficacia, mentre, nell’ipotesi di emissione del definitivo provvedimento sanzionatorio, è in virtù di quest’ultimo che viene a determinarsi la lesione della sfera giuridica del destinatario, con conseguente assorbimento della disposta misura sospensiva.

Ai sensi dell'art. 4 legge n. 47/1985, l’ordine di demolizione non deve essere necessariamente preceduto dall’ordine di sospensione dei lavori.

Il potere di sospensione dei lavori edili in corso, attribuito all'autorità comunale dall'art. 27 comma 3, d.P.R. n. 380 del 2001, è di tipo cautelare, in quanto destinato ad evitare che la prosecuzione dei lavori determini un aggravarsi del danno urbanistico; alla descritta natura interinale del potere segue che il provvedimento emanato nel suo esercizio ha la c... _OMISSIS_ ...provvisorietà, fino all'adozione dei provvedimenti definitivi.

Dall’art. 27, comma 3, del T.U 380/2001, che prevede l’istituto dell’ordinanza di sospensione, e dal successivo art. 31, che prevede invece l’ordinanza di demolizione delle opere abusive eseguite senza permesso di costruire, non si ricava alcuna norma che imponga di lasciar decorrere un dato termine fra i due provvedimenti, che pertanto ben possono essere contestuali.

L’ordine di sospensione dei lavori non è atto propedeutico o necessario per l’emanazione dell’ordine di demolizione, avendo come finalità essenziale quella, di natura cautelare, ovvero garantire la conservazione dei luoghi e impedire l’ulteriore avanzamento di interventi abusivi.

E' illegittimo il provvedimento di sospensione dei lavori che, di fatto, trasferisce facoltà civilistiche fra confinanti, perché simili interferenze nelle vicende tra priva... _OMISSIS_ ...di liti non ancora definite nel merito, sono inammissibili.

Il potere di sospensione dei lavori edili in corso, attribuito all'Autorità comunale dall'art. 27 comma 3, d.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, ha natura cautelare, in quanto è teso ad evitare che la prosecuzione dei lavori determini un aggravio del danno urbanistico.

La sospensione del titolo edilizio non opera automaticamente, essendo sempre necessaria, al fine di ottenere la sospensione, la presentazione di una formale istanza di proroga, cui deve seguire un provvedimento da parte della stessa amministrazione che ha rilasciato il titolo edilizio e che accerti l’impossibilità del rispetto del termine ab origine fissato in relazione al factum principis o ad una causa di forza maggiore.

Il potere di sospensione dei lavori edili in corso, attribuito all'autorità comunale dall'art. 27 comma 3, d.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, ha natura cautelare e provvisoria con la cons... _OMISSIS_ ...irare del termine di 45 giorni dalla sua adozione, l'ordine in questione perde ogni efficacia.

L'efficacia di 45 giorni dell'ordine di sospensione di lavori edilizi abusivi ex art. 27 comma 3, d.P.R. n. 380 del 2001 non è un termine dilatorio, prima del quale è preclusa l'adozione di determinazioni in merito, essendo piuttosto previsto allo scopo di consentire all'Amministrazione di acquisire tutti gli elementi necessari per applicare l'appropriata sanzione alle opere abusive realizzate. Pertanto, nulla esclude che l'autorità amministrativa emani l'atto sanzionatorio anche prima dei 45 giorni e, in ipotesi, anche immediatamente, se non vi sono ulteriori esigenze istruttorie.

Il decorso del termine di sospensione di quarantacinque giorni ai sensi dell’art. 27 comma 3 del DPR 380/2001 non legittima la prosecuzione delle opere abusive, ma solo il completamento di quelle pienamente conformi al titolo edilizio. Si tratta di una conform... _OMISSIS_ ...re semplicemente autocertificata dal privato, ma deve essere anche condivisa dagli uffici comunali, in modo che la mancata adozione di un provvedimento repressivo definitivo sia pacificamente interpretabile come il riconoscimento dell’assenza di opere abusive.

Lo scadere del termine di 45 giorni di sospensione dei lavori su opere abusive ai sensi dell’art. 27 comma 3 del DPR 380/2001, senza la contestuale adozione di un provvedimento repressivo definitivo, non determina l’effetto di variante al titolo edilizio, per il quale è sempre necessario esperire l’apposita procedura, e tantomeno stabilizza eventuali opere in contrasto con la disciplina urbanistica.

Non è necessaria la corrispondenza tra l’ordinanza di sospensione lavori e la successiva ordinanza di demolizione in quanto i due atti non sono l’uno atto presupposto dell’altro.

Il potere di sospensione dei lavori edili in corso... _OMISSIS_ ...orità comunale dall'art. 27, comma 3, d.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, ha natura cautelare, in quanto è teso ad evitare che la prosecuzione dei lavori determini un aggravio del danno urbanistico.

L'ordinanza di sospensione dei lavori è un provvedimento eccezionale, con efficacia strettamente limitata nel tempo, avente il solo scopo (cautelare) di impedire il procedere della costruzione, in modo da consentire alla pubblica amministrazione di potersi determinare con una misura sanzionatoria (ordine di demolizione, ovvero applicazione di una sanzione pecuniaria), non potendosi consentire che il destinatario possa essere esposto “sine die” all'incertezza circa la sussistenza del proprio “jus aedificandi”.

Il potere di sospensione dei lavori edili in corso è di tipo cautelare, in quanto destinato ad evitare che la prosecuzione dei lavori determini un aggravarsi del danno urbanistico, e alla descritta natura interinale del... _OMISSIS_ ... provvedimento emanato nel suo esercizio ha la caratteristica della provvisorietà, fino all'adozione dei provvedimenti definitivi.

La sospensione dei lavori edilizi ha natura meramente cautelare perché volta a permettere all'amministrazione di definire la portata dell’abuso edilizio commesso, evitando che lo stesso assuma proporzioni maggiori, e viene assorbita dal successivo provvedimento sanzionatorio.

L’assenza dell’autorizzazione paesaggistica è presupposto sufficiente per l’ordine di sospensione dei lavori.

L'ordine di sospensione dei lavori non costituisce il necessario presupposto di legittimità dell'ingiunzione a demolire, ben potendo quest'ultima essere emanata immediatamente, all'esito dell'accertamento della realizzazione di opere abusive.

L'ordine di sospensione dei lavori non costituisce necessario presupposto di legittimità dell'ingiunzione a demolire, ben potendo quest... _OMISSIS_ ...ta immediatamente, all'esito dell'accertamento della realizzazione di opere abusive. Il potere di sospensione dei lavori, infatti, ha natura eminentemente cautelare, essendo finalizzato ad evitare che la prosecuzione degli stessi determini un aggravarsi del danno urbanistico.

Allorquando insorgano dubbi circa la natura di interventi edilizi regolarmente autorizzati, il Comune può al massimo adottare un’ordinanza di sospensione dei lavori, che deve essere debitamente motivata e che può avere un’efficacia temporale massima di 45 giorni; non è invece consentito adottare atti interlocutori atipici, in quanto in materia edilizia vige il principio generale per cui o un intervento è assentibile (eventualmente con prescrizioni e modifiche, imposte ad esempio dalle autorità competenti in materia paesaggistica) o non lo è, tertium non datur.

Il provvedimento di sospensione dei lavori ha natura cautelare e provvisoria, essendo inteso a... _OMISSIS_ ...vità costruttiva abusivamente condotta possa essere portata ad ulteriori conseguenze, ma costituisce antecedente solo eventuale e non indefettibile dell’ingiunzione di demolizione, ben potendo essere omesso nel caso in cui non siano in corso i lavori per la realizzazione delle opere abusive.

L’ordinanza di sospensione dei lavori che precede quella di demolizione adempie alla funzione di comunicazione di avvio del procedimento, essendo intuibile l’intendimento dell’Amministrazione di porre in essere i conseguenti atti per sanzionare l’abuso edilizio, stante la doverosità di essi per l’Autorità comunale.

L’ordinanza di sospensio...

...continua.  Qui sono visibili 10000 su 22810 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo