Confisca dei terreni e delle opere abusivamente lottizzati (art. 44 D.P.R. 380/2001)
ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> CONFISCA ART. 44 DPR 380/2001 --> NATURA

La confisca di terreni in ipotesi di lottizzazione abusiva ex D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, art. 44 ha natura sostanzialmente penale, imponendosi, pertanto, per l'applicazione della stessa, il riscontro dell'elemento soggettivo del reato nella condotta del soggetto sul cui patrimonio tale misura vada ad incidere. Ne consegue che colui che deduca l'illegittimità della confisca disposta nei suoi confronti, per essere rimasto estraneo al relativo procedimento penale, può chiedere la restituzione del bene appreso, non già promuovendo una controversia sulla proprietà dinanzi al giudice civile, ma esperendo incidente di esecuzione, ai sensi degli artt. 665 e 676 c.p.p., dinanzi al giudice penale, il quale potrà in tale sede, ed ai soli fini concernenti la confisca stessa, valutare l'implicazione quanto meno colposa nella lottizzazione abusiva del soggetto istante.

... _OMISSIS_ ...stica differisce dalla confisca facoltativa di cui all’art. 240, comma 1, cod. pen., la quale presuppone sempre la condanna e l’acquisizione al patrimonio statale dei beni confiscati; e differisce, altresì, dall’ulteriore tipologia di confisca disciplinata dal comma 2, n. 2, dello stesso articolo del codice penale, la quale, pur essendo obbligatoria e prescindendo dalla condanna, riguarda cose intrinsecamente criminose, la cui fabbricazione, uso, porto, detenzione o alienazione costituisce reato.

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> CONFISCA ART. 44 DPR 380/2001 --> OGGETTO

E' conforme al principio di proporzionalità indicato dalla Corte EDU la confisca limitata ai beni immobili direttamente interessati dall'attività lottizzatoria e ad essa funzionali: la verifica al riguardo, richiedendo un accertamento in fatto, compete al giudice di merito il quale deve fornire adeguata e specifica motivazione sindacabile,... _OMISSIS_ ...ità, nei limiti propri di tale giudizio.

In tema di lottizzazione abusiva, il rilascio della concessione in sanatoria per le opere abusivamente costruite non è incompatibile con il provvedimento di confisca delle aree lottizzate.

Per interdire la confisca delle aree oggetto di lottizzazione abusiva occorre l'autorizzazione in sanatoria a lottizzare, atteso che questa, pur non estinguendo il reato di lottizzazione abusiva, dimostra "ex post" la conformità della lottizzazione agli strumenti urbanistici e la volontà dell'amministrazione di rinunciare alla acquisizione delle aree al patrimonio indisponibile comunale.

In caso di eventuale autorizzazione a lottizzare concessa "in sanatoria, il giudice non può disporre la confisca del fabbricato, perché l'autorità amministrativa competente, riconoscendo ex post la conformità della lottizzazione agli strumenti urbanistici generali vigenti sul territorio, ha inteso ... _OMISSIS_ ...re il terreno lottizzato alla disponibilità dei proprietari, rinunciando implicitamente ad acquisirlo al patrimonio indisponibile del Comune.

Il rilascio della concessione in sanatoria per le opere edilizie realizzate sui singoli lotti non è incompatibile con la confisca del terreno lottizzato, poiché il titolo abilitante sopravvenuto legittima soltanto l'opera edilizia che ne costituisce l'oggetto, ma non comporta alcuna valutazione di conformità di tutta la lottizzazione alle scelte generali di pianificazione urbanistica, con la conseguenza che anche il rilascio di una pluralità di concessioni edilizie nell'area interessata da una lottizzazione abusiva non rende lecita un'attività che tale non è: la concessione non ha, infatti, una funzione strumentale urbanistica di pianificazione dell'uso del territorio.

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> CONFISCA ART. 44 DPR 380/2001 --> PRESUPPOSTI

In tema di reati urbanistici,... _OMISSIS_ ...a responsabilità penale dell'indagato, in presenza del quale è consentita la confisca urbanistica per il reato di lottizzazione abusiva D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, ex art. 44 anche nelle ipotesi di estinzione del reato per intervenuta prescrizione, deve essere fondato su elementi evincibili dagli atti attraverso un'analisi giurisdizionale idonea ad accertare l'effettiva sussistenza del reato in tutti i suoi elementi, oggettivi e soggettivi, nel rispetto delle garanzie processuali che consentono all'imputato di interloquire sul materiale di causa al fine di esercitare pienamente il proprio diritto di difesa.

È consentita la confisca di quanto in sequestro, anche in presenza di prescrizione del reato di lottizzazione abusiva.

In tema di lottizzazione abusiva, il giudice, anche quando pronuncia sentenza di proscioglimento per prescrizione del reato, può disporre, sulla base di adeguata motivazione sull'attribuibilità del fatto all'imputa... _OMISSIS_ ...bene lottizzato.

La confisca urbanistica non viola l'art. 7 CEDU qualora sia disposta all'esito di un accertamento giurisdizionale che presenti perlomeno i requisiti sostanziali della condanna (id est, in assenza di un giudicato formale di condanna) e, quindi, nonostante l'intervenuta maturazione del termine di prescrizione per il reato contravvenzionale di lottizzazione abusiva e la conseguente pronuncia liberatoria.

Il proscioglimento per intervenuta prescrizione maturato nel corso del processo non osta, sulla base di una lettura costituzionalmente e convenzionalmente orientata, alla confisca del bene oggetto di lottizzazione abusiva, a condizione che il suddetto reato venga accertato, con adeguata motivazione, nei suoi elementi oggettivo e soggettivo, posto che l'obbligo di accertamento imposto al giudice per l'adozione del provvedimento ablativo prevale su quello generale della immediata declaratoria della causa di non punibilità, e... _OMISSIS_ ...LF|
Il proscioglimento per intervenuta prescrizione maturata nel corso del processo, non osta, in base alla disposizione di cui all'art. 578-bis c.p.p., introdotta dal D.Lgs. 1 marzo 2018, n. 21, art. 6, comma 4, alla conferma della confisca del bene oggetto di lottizzazione abusiva, a condizione che la relativa decisione abbia accertato l'esistenza del reato e la responsabilità dell'imputato, garantendo il diritto di difesa secondo i parametri di cui all'art. 6 CEDU.

In caso di lottizzazione abusiva, l'accertamento della persistente confiscabilità degli immobili deve prendere le mosse dalla verifica dell'esistenza di un'autorizzazione a lottizzare, prius logico-giuridico dei permessi di costruire rilasciati in sanatoria; quindi il giudice penale deve verificare la sussistenza dei requisiti idonei al rilascio di questi ultimi. Laddove anche uno solo di essi sia inesistente, il giudice dovrà dichiarare non integrata la fattispecie estintiva ed... _OMISSIS_ ...enti determinazioni, disapplicando l'atto amministrativo ovvero non attribuendogli rilevanza penale.

In tema di lottizzazione abusiva, il potere del giudice di disporre la confisca dei terreni lottizzati trova un limite esclusivamente nei provvedimenti giurisdizionali del giudice amministrativo passati in giudicato che abbiano espressamente affermato la legittimità della concessione o della autorizzazione edilizia ed il conseguente diritto del cittadino alla realizzazione dell'opera.

Ai fini della legittimità del provvedimento amministrativo di confisca adottato in esecuzione del giudicato penale, risulta del tutto irrilevante, ogni eventuale, ulteriore ed ultroneo apprezzamento svolto dall’amministrazione comunale procedente in ordine alla residenzialità, o meno, dell’immobile confiscato.

Risulta del tutto irrilevante, ai fini della legittimità del provvedimento amministrativo di confisca adottato in esecuzio... _OMISSIS_ ...ale, la circostanza che il titolo edilizio sulla cui base è stato realizzato l’edificio appreso risulti ad oggi formalmente efficace.

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> CONFISCA ART. 44 DPR 380/2001 --> PRESUPPOSTI --> NON NECESSITÀ DI UNA CONDANNA

La confisca urbanistica, in quanto connotata anche da una funzione afflittiva-sanzionatoria, presuppone l'accertamento della responsabilità penale del destinatario della misura, potendosi prescindere da una sentenza di condanna in senso formale qualora, nel corso del processo, sia stata provata la sussistenza del reato, nelle sue componenti oggettive e soggettive.

Il proscioglimento per intervenuta prescrizione non osta alla confisca del bene lottizzato se il giudice ha accertato la sussistenza del reato di lottizzazione abusiva nelle sue componenti oggettive e soggettive, assicurando alla difesa il più ampio diritto alla prova e al contraddittorio.

... _OMISSIS_ ...o di reato prescritto, può essere ordinata anche dal giudice di primo grado nel caso sia stata accertata la lottizzazione.

La confisca urbanistica non esige una sentenza di condanna da parte del giudice penale, posto che il rispetto delle garanzie previste dalla CEDU richiede solo un pieno accertamento della responsabilità personale di chi è soggetto alla misura ablativa.

La confisca urbanistica prevista dal D.P.R. n. 380 del 2001, art. 44, può essere applicata anche in caso di sentenza di proscioglimento per prescrizione del reato.

Per disporre la confisca prevista dal T.U. n. 380 del 2001, art. 44, comma 2 (e precedentemente dalla L. n. 47 del ...

...continua.  Qui sono visibili 10000 su 19213 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo