Demolizione dell'opera edilizia abusiva e sanzione pecuniaria per l'inottemperanza
ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE

L’art. 41 d.P.R. n. 380/2001 si riferisce alla demolizione delle opere abusive a seguito della mancata spontanea ottemperanza da parte del privato ingiunto, afferente alla fase in cui debba farsi luogo all’esecuzione d’ufficio, a cura del Comune ed in danno ed a spese del trasgressore (“opere per le quali il responsabile dell’abuso non ha provveduto nel termine previsto alla demolizione ed al ripristino dei luoghi”).

La disciplina edilizia sanziona con la demolizione la realizzazione senza titolo di nuove opere in zone vincolate e siffatta misura, in ragione dello stesso chiaro valore semantico delle proposizioni letterali all'uopo utilizzate dal legislatore, resta applicabile sia che venga accertato l'inizio che l'avvenuta esecuzione di interventi abusivi.

L’atto che accerta l’inottemperanza all'ordine di demolizione deve ess... _OMISSIS_ ...notificato all'interessato.

L’impossibilità materiale di rimuovere un abuso edilizio senza pregiudizio della parte costruita in conformità va intesa in relazione all'intero manufatto, che non deve essere compromesso nella sua globalità, non rilevando affatto che la riduzione in pristino comporti eventualmente la compromissione di singole e circoscritte porzioni del manufatto strettamente collegate alla parte abusiva.

L'art. 27 del d.P.R. n. 380 del 2001 in presenza di un manufatto realizzato in zona sottoposta a vincolo ambientale, rende doverosa la demolizione d'ufficio di tutti gli interventi realizzati senza titolo e non solamente gli interventi realizzati senza permesso di costruire.

L’ordinanza di demolizione di manufatti abusivi realizzati su aree demaniali ha come destinatario il responsabile dell’abuso e nel caso in cui il responsabile dell’abuso sia inadempiente o rimanga non individuato, ... _OMISSIS_ ...ue procedere alla demolizione delle opere a spese del responsabile dell’abuso.

La natura reale della sanzione di cui all'art. 38 d.p.r. n. 380/2001 conferisce alla stessa la prerogativa di seguire l’immobile abusivo nei suoi successivi trasferimenti di proprietà, sicché essa è legittimamente comminata in capo all'ultimo proprietario dello stesso.

E’ illegittima l’ordinanza con cui il comune, senza previamente annullare il titolo edilizio, irroga una sanzione pecuniaria al proprietario di un edificio realizzato in conformità a detto titolo.

La diffida a demolire produce un doppio effetto lesivo a carico del destinatario in quanto qualifica come abusivi i manufatti realizzati e mette in mora il destinatario a dare esecuzione all'ordine entro il termine previsto dalla legge.

E’ l’illegittimo il provvedimento repressivo-inibitorio avente ad oggetto lavori che risultano oggett... _OMISSIS_ ...perfezionatasi e non previamente rimossa in autotutela.

La temporanea rimozione di un manufatto abusivo destinatario di un’ordinanza di demolizione integra l’elusione dell’obbligo di rimessione in pristino.

Non costituisce motivo di illegittimità dell’ordine di demolizione la circostanza che l’area su cui insistono gli illeciti edilizi sia sottoposta a sequestro preventivo, in quanto l'esercizio del potere repressivo di un abuso edilizio costituisce un atto dovuto privo di discrezionalità e autonomo rispetto ad altri poteri repressivi rimessi ad altre autorità.

L’ordinanza di demolizione è un provvedimento repressivo, al quale non è consentito sottrarsi sulla base di valutazioni di opportunità.

I poteri attribuiti dagli art. 27 e 31 D.P.R. 380/2001 non si escludono a vicenda, ma concorrono: quanto previsto dalla prima disposizione consente un intervento immediato a tutela... _OMISSIS_ ...omune si avvale del potere di ordinare la demolizione immediata qualora ravvisi l’urgenza di tutelare il vincolo, anche al fine di evitare possibili ulteriori compromissioni dello stato dei luoghi, che potrebbe più difficilmente essere ripristinato in un momento successivo; la seconda norma prevede un normale e generale intervento repressivo in tema di abusivismo edilizio, con previsione anche di un termine a favore del soggetto autore dell’illecito al fine del ripristino dello stato dei luoghi affinché non si verifichi la perdita della proprietà del bene abusivo e dell’area connessa.

L’atto di accertamento dell’inottemperanza all'ingiunzione di demolizione può essere autonomamente contestato in sede giurisdizionale amministrativa solo con specifico ed esclusivo riguardo alla correttezza formale e sostanziale del contenuto accertativo suo tipico e non con riferimento alla ritenuta illegittimità dell'ingiunzione a demolire... _OMISSIS_ ...il necessario presupposto giuridico.

L’atto con il quale il Comune accerta l’inottemperanza all'ordine di demolizione di un’opera edilizia abusiva presenta un contenuto di accertamento ed è pertanto inidoneo a ledere situazioni giuridiche.

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE --> SANZIONI PECUNIARIE PER L'INOTTEMPERANZA

L'art. 31 del DPR n. 380/01 prevede che in caso di inottemperanza all'ingiunzione alla demolizione delle opere abusive, adottata dall'autorità amministrativa, vada disposta l'irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria, e, comunque, l'acquisizione dell'opera abusiva al patrimonio del Comune, finalizzata alla demolizione "in danno", a spese dei responsabili dell'abuso, salvo specifiche eccezioni.

L'atto amministrativo di accertamento dell’inottemperanza all’ordinanza di demolizione ex art. 31, c. 3, d.p.r. n. 380/2001 ha natura ... _OMISSIS_ ...to dà atto di un effetto giuridico già prodotto ipso iure giacché la norma citata puntualizza chiaramente come, all'inutile decorso del termine per ottemperare, consegua “di diritto” l'effetto ablatorio.

in base ad una interpretazione rispettosa del principio di legalità e di irretroattività delle sanzioni amministrative (art. 11, l. n. 689 del 1981), oltre che del principio di colpevolezza delle medesime ex art. 3 della medesima legge (che deve coprire l'intera fattispecie sanzionata, ovvero nell'ipotesi di specie la mancata ottemperanza nel termine di 90 giorni all'ingiunzione di demolizione), il disposto del comma 4 bis, d.P.R. n. 380 del 2001 è applicabile anche in riferimento alle ingiunzioni di demolizione notificate in data antecedente l'entrata in vigore della l. 11 novembre 2014 n. 164, che - in sede di conversione del d.l. 12 settembre 2014 n. 133 - ha aggiunto i commi 4 bis e ss. nel corpo dell'art. 31, d.P.R. n. 380 del 2001, p... _OMISSIS_ ...za all'ingiunzione medesima, posta a base della sanzione, sia accertata decorso il termine di 90 giorni a decorrere dall'entrata in vigore della medesima l. 11 novembre 2014.

Una volta entrata in vigore la l. 11 novembre 2014 n. 164, il giorno successivo alla sua pubblicazione nella G.U. (avvenuta il medesimo giorno), ricominciano a decorrere i 90 giorni per la demolizione, ai fini dell'applicazione della distinta sanzione pecuniaria di cui all'art. 31 comma 4 bis, d.P.R. n. 380 del 2001 ed occorre, pertanto, un nuovo accertamento dell'inottemperanza da porre a base della medesima.

La sanzione pecuniaria di cui all'art. 31, commi 4-bis e ss., del d.P.R. 380/2001, è tesa non a punire l’abuso, ma a sanzionare l’inottemperanza in vista del ripristino dell’area, come si evince dal vincolo di destinazione dei relativi proventi.

Il comma 4 bis dell'art. 31 d.P.R. 380/2001 opera un richiamo alla Parte Terza del... _OMISSIS_ ... 42/2004 e con esso all'art. 142 ivi inserito: vi è, di conseguenza, un richiamo esplicito alle aree tutelate per legge quali i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, per i quali, in caso di mancata ottemperanza all'ordine di demolizione, va quindi applicata la sanzione pecuniaria nella misura massima.

La combinata lettura dei commi 4-ter, 3 e 5 dell’articolo 31 d.P.R. 380/2001 consentono di ritenere, in via interpretativa che destinatario della sanzione pecuniaria sia il “responsabile” dell’abuso e non anche il proprietario.

La responsabilità del proprietario per le sanzioni pecuniarie comminate per l'omessa demolizione può sorgere solo nel caso in cui egli sia responsabile dell’abuso ovvero quando, avendo la disponibilità ed il possesso del bene o avendoli successivamente acquisiti, non abbia provveduto alla demolizione.

L'art. 31, c... _OMISSIS_ .... n. 380 del 2001 sanziona la mancata spontanea ottemperanza all'ordine di demolizione legittimamente impartito dalla P.A. per opere abusivamente realizzate in zona vincolata, che è condotta omissiva identica, sia nel caso di abusi edilizi macroscopici, sia nell'ipotesi di più modesti abusi edilizi essendo pertanto irrilevante l’entità del bene abusivamente costruito.

In applicazione dell'art. 34 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, la valutazione circa la rilevanza dell'abuso e la possibilità di sostituire la demolizione con la sanzione pecuniaria deve essere effettuata nel momento in cui, non essendo stato spontaneamente ottemperato dal privato l'ordine di demolizione, viene emanato il conseguente ...

...continua.  Qui sono visibili 10000 su 12848 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo