Piscina Vigor «winter & summer»: esposizione del progetto ed analisi preliminari

Inquadramento territoriale e socio-economico

L’impianto Vigor è ubicato a Salerno, in via Salvator Allende, precisamente lungo il litorale, nei pressi dell’area portuale Marina d’Arechi e dello stadio cittadino (fig.1).

Salerno è il capoluogo dell’omonima provincia e, con i suoi 131.950 abitanti, risulta il secondo comune più popoloso della Campania. La città (fig.2) sorge sul golfo di Salerno, che affaccia sul mar Tirreno, tra la costiera Amalfitana (a ovest) e la piana del Sele ed il Cilento (a sud), nel punto in cui la valle dell'Irno si apre verso il mare (fig.3).

[Immagini e tabelle di riferimento omesse - Versione integrale del progetto presente nel testo]

Fig.1 - Inquadramento territoriale piscina Vigor
Fig.2 - Città di Salerno
Fig.3 - Inquadramento territoriale – Salerno


Dal punto di vista orografico il territorio comunale risulta molto variegato, si va infatti dal livello del mare fino ad arrivare ai 953 metri del monte Stella. L'abit ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]... atorio positivo che si riassume in un valore del saldo totale negativo.

Fig.4 - Incidenza maschi, femmine e stranieri (Comune di Salerno)
Fig.5 - Bilancio demografico (Comune di Salerno)
Fig.6 - Età media (Salerno-Italia)
Fig.7 - Classi d'età (Comune di Salerno)



Piscina Vigor: stato attuale dell’opera

Attualmente la gestione della piscina Vigor è affidata alla società Salerno Solidale (fino alla fine del 2013) ed è utilizzata solo nel periodo estivo.

L’impianto si compone delle seguenti unità:


  • vasca natatoria scoperta 28x20x1,60 m;
  • vasca scoperta per bambini 11x6x0,50 m;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • 1 locale d’attesa- reception;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • 1 locale bar;
  • 1 sala macchine;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • alcuni locali di deposito;
  • servizi igienici per disabili;
  • locali ex abitazione del custode;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]


In figura 8 si riporta la planimetria della struttura elaborata in formato digitale.

Fig.8 - Planimetria della struttura

In occasione dei sopralluoghi effettuati con il permesso dell’attuale gestione, è stato possibile esaminare lo stato attuale della struttura. In figura 9, 10,11 e 12 sono riportate le fotografie dalle quali si evince lo stato attuale del complesso.

Come si può osservare, la strut ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]... ente la struttura è modesta.

Fig.9 - Stato della pavimentazione intorno alla vasca natatoria
Fig.10 - Locale d'attesa-reception
Fig.11 - Vasca natatoria per adulti
Fig.12 - Vasca natatoria per bambini



Proposte d’intervento

La posizione geografica e l’area che l’impianto occupa, rende la Vigor una struttura che ben si presta ad attività sportive, di svago e di ristoro durante tutto l’anno.

Il progetto elaborato in tale lavoro, si pro ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]... uttura, quindi, si sono elaborate le seguenti proposte di intervento (fig.13):


  • copertura della vasca natatoria per adulti;
  • ricostruzione della vasca natatoria per adulti;
  • ristrutturazione dell’edificio esistente;
  • installazione di parcheggi fotovoltaici.


In figura 13 è riportata la planimetria della struttura nella quale si evidenziano le aree sulle quali intervenire; segue la descrizione dettagliata di tali proposte d’intervento.

Fig.13 - Planimetria della struttura con annesse proposte di intervento



Copertura della vasca natatoria per adulti

I vantaggi deriv ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]... peratura dell'aria di 12°-16° nonché resistenza della vasca alle intemperie.

In particolare, la copertura che si è scelto di installare è dotata delle seguenti caratteristiche:


  • tecnologicamente avanzata;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • alluminio esterno;
  • pareti in vetro cemento;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]


La copertura telescopica per piscina in alluminio-legno rappresenta l'evoluzione tecnologica nelle coperture mobili. Le caratteristiche di isolamento termico, il design e la funzionalità di questo tipo di coperture le rende utilizzabili in qualsiasi contesto architettonico. Inoltre, rispetto ad una tradizionale in alluminio, essa consente di avere significativi risparmi in termini di costi di gestione grazie all’ottimo isolamento termico.


Caratteristiche tecniche e prestazioni

  • Strutture: in alluminio estruso rinforzate con acciaio S355 e legno lamellare dimensionate a norma di legge per il luogo di installazione.
  • Rivestimento tetto: in policarbonato alveolare min da 20 mm, fino a 93 mm di spessore, pluricamera (coefficienti da 1,6 w/m2K a 0,61 w/m2K).


Fig.14 - Copertura telescopica



  • Serramenti laterali e di testata: con vetrocamera da 34 mm anti infortunio basso emissivo con argon (coefficiente: 1,0 W/m2 K).
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]

Caratteristiche dei materiali

Il legno lamellare: è il materiale più utilizzato per la costruzione di impianti sportivi, in particolar modo piscine coperte. La scelta di questo tipo di materiale da parte dei progettisti dipende oltre che dal fascino e l'innegabile bellezza di un materiale naturale, dalle caratteristiche di dur ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]

Policarbonato alveolare: il policarbonato è un materiale leggero e molto resistente; nella versione alveolare risulta essere altamente coibentante.


Impianti di climatizzazione e deumidificazione per piscine coperte

[Omissis - Versione integrale presente nel testo]

Sistemi di canalizzazione dell'aria

Griglie incassate nel pavimento: la distribuzione dell'aria tratta ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]... amente privo di impianti a vista sospesi che possono risultare architettonicamente non graditi.


Ricostruzione della vasca natatoria

Per rendere l’impianto a norma, al fine di un eventuale utilizzo sportivo, è prevista la ricostruzione della vasca natatoria per adulti (figura 15). Sono di seguito riportate le principali caratteristiche delle quali è dotata la vasca scelta.

Caratteristiche tecniche della vasca semiolimpionica


  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • profondità acqua: 1,25-2,00 m;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • tempo di riciclo: circa 4 h.

Le pareti della piscina

La struttura, è composta da pannelli modulari verniciati, di spessore pari a 20/10mm ed altezza pari a 120 cm. Sulla parte superiore dei pannelli si monta il bordo sfioratore completo di griglia. La struttura è molto resistente alle pressioni ma contemporaneamente elastica e può sopportare sforzi di torsione e flessione che la rendono adatta per l'installazione anche in terreni non omogenei e di portata limitata.

[Immagini e tabelle di riferimento omesse - Versione integrale del progetto presente nel testo]

Fig.15 - Vasca semiolimpionica


Rivestimento in pvc armato

[Omissis - Versione integrale presente nel testo]

Impianto di circolazione e filtrazione

La buona circolazione dell'acqua in piscina è elemento essenziale per ottenere un'acqua non solo trasparente, ma igienicamente controllata e con proprietà “sterilizzanti”, in grado cioè di aggredire e distruggere i germi patogeni introdotti in vasca dai bagnanti.

Tale risultato si ottien ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]... o, a mezzo di apposite bocchette e raccolta dal bordo sfioratore con invio in vasca di compenso. In tal modo, lo strato superiore dell'acqua, dove si raccolgono la maggior parte dei contaminanti, viene continuamente filtrata e disinfettata.

Completano l'impianto di filtrazione la presa di fondo, necessaria per lo svuotamento della vasca, e l'attacco della scopa aspirante collegato alla pompa del filtro.

Tubazioni e collegamenti piscina – locale tecnico

Realizzate in PVC rigido, collegano la piscina alla vasca di compenso ed al locale tecnico.

Collettore acqua-sfioro da bordo sfioratore con pendenza 0,5% e sezione variabile in funzione della portata. La sezione tubazioni di aspirazione dimensionata in modo da mantenere la velocità dell’ acqua inferiore a 2m/sec, per garantire regime laminare ed evitare turbolenze.

Vasca di compenso


La vasca di compenso fa da polmone per l'acqua spostata dai bagnanti che, successivamente deve essere rimandata in piscina, per garantire lo sfioro. La vasca ha volume pari a 40 m3 e comprende:


[Omissis - Versione integrale presente nel testo]


Vasca di declorazione


[Omissis - Versione integrale presente nel testo]


Progettazione dei locali spogliatoio

Per poter utilizzare la piscina anche nel periodo invernale, oltre la copertura è necessaria la realizzazione di locali spogliatoio adiacenti, in modo da consentire all’utenza il passaggio direttamente all’ambiente piscina senza sbalzi di temperatura.

L’area individuata per la realizzazione di tali locali è attualmente occupata da un gazebo fisso in legno; in figura 16 è delineata in rosso l’area d’impronta prevista per i locali in oggetto.

Fig.16 - Area individuata per la realizzazione dei locali spogliatoio

L’edificio è progettato tenendo conto della normativa vigente, ricopre una superficie di ... [Omissis - Versione integrale presente nel testo]... gio, inclusi corridoi e porte, in base all’ingombro della carrozzina.

In figura 17 è riportata la pianta dei locali in oggetto.
Fig.17 - Pianta progetto locali spogliatoio


Adeguamento strutturale e funzionale dei locali esistenti

Per quanto riguarda il fabbricato esistente è prevista una riorganizzazione dei locali interni, al fine di destinare ampio spazio alle attività di ristorazione, pizzeria e bar in modo che possano funzionare tutto l’anno.

In figura 18 si riporta la pianta della proposta progettuale di adeguamento dell’edificio; di seguito sono elencati i singoli locali con le relative superfici:


  • dispensa (14,0 m2);
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • cucina (30,9 m2);
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • centrale termica (10,0 m2);
  • deposito (17,0 m2);
  • deposito prodotti sanificazione (11,4 m2);
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • bar (61,9 m2).


Fig.18 - Pianta dell’edificio post-intervento

Anche nell’ipotesi progettuale in oggetto, come per i locali spogliatoio, si è tenuto conto delle esigenze dei disabili dimensionando tutti gli spazi in funzione dell’ingombro della carrozzina pari a 70 cm.


Installazione di parcheggi fotovoltaici

Per sfruttare al meglio l’area antistante l’edificio, già occupata da un ampio parcheggio, si è prevista l’installazione di pensiline fotovoltaiche (fig.19) al fine di rendere la struttura autosufficiente in termini energetici.

I parcheggi fotovoltaici sono dotati delle seguenti caratteristiche:


  • rapida installazione senza effettuare scavi di fondazione, in quanto le basi in cemento di cui è dotata vengono fissate a terra con tasselli o picchetti in base alla consistenza del terreno;
  • copertura modulare;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • la struttura è composta da profili in alluminio anodizzato argento e giunti in acciaio trattati. Non necessita di interventi di manutenzione;
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]
  • [Omissis - Versione integrale presente nel testo]


In particolare, per il parcheggio della struttura in oggetto, si prevede l’istallazione di dieci pensiline doppie (5,2 x 5,0 m) e undici quadruple (5,2 x 10,0 m) in grado di fornire una potenza totale di circa 110 kW/h. Tale valore di potenza risulta sufficiente a soddisfare l’intera domanda energetica della struttura.

Fig.19 - Parcheggi fotovoltaici