La Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) di piani e programmi urbanistici

PROCEDURA --> VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

In ordine al principio di indipendenza dell’organo competente alla V.A.S., condizione perché la scelta dell’autorità competente non violi i canoni comunitari è unicamente che tra autorità competente e autorità procedente, anche se appartenenti alla stessa amministrazione, sussista un adeguato grado di autonomia.

È legittima la decisione di individuare, quale autorità competente per la VAS, due Uffici distinti, che assicurano la necessaria imparzialità in applicazione dei principi espressi dalla giurisprudenza eurounitaria ed interna.

La procedura di verifica di assoggettabilità a V.A.S. (Valutazione Ambientale Strategica), disciplinata dall’art. 12 del D. lgs. n.... _OMISSIS_ ...ha come obiettivo, in aderenza al diritto di matrice europea, la valutazione delle conseguenze ambientali di piani e programmi al fine ultimo di assicurare lo sviluppo sostenibile di un territorio sotto il profilo ambientale. Trattasi di una procedura finalizzata precipuamente a mettere in rilievo le possibili cause di un degrado ambientale derivante dall’adozione di piani e programmi interessanti il territorio, introdotta dalla Direttiva comunitaria 2001/42/CE che prevede, appunto, la sua applicazione a piani e programmi produttivi di effetti significativi sull’ambiente.

Nell’ambito della procedura di V.A.S., per espressa previsione legislativa (art. 12, comma 2, D. lgs. n. 152 del 2006), l’autorità procedente provvede ad acquisire i p... _OMISSIS_ ...re autorità titolari di competenze in materia ambientale, alle quali è trasmesso il documento preliminare, ed è chiamata, “tenuto conto dei contributi pervenuti”, a determinarsi in ordine alla assoggettabilità o meno a detta procedura del piano o programma, dettando eventuali prescrizioni (art. 12, comma 3, D. lgs. n. 152 del 2006). Pertanto, alla autorità procedente compete un potere di valutazione tecnico-discrezionale molto ampio, da esercitarsi sulla base dei pareri acquisiti al procedimento da parte delle autorità competenti in materia ambientale, di cui deve necessariamente tenere conto e dai quali può discostarsi soltanto previa adeguata e puntuale motivazione.

la Vas è la valutazione delle conseguenze ambientali di piani e programmi al fine... _OMISSIS_ ...curare lo sviluppo sostenibile di un territorio sotto il profilo ambientale. È una procedura finalizzata precipuamente a mettere in rilievo le possibili cause di un degrado ambientale derivante dall'adozione di piani e programmi interessanti il territorio, introdotta dalla direttiva comunitaria 2001/42/CE che prevede, appunto, la sua applicazione a piani e programmi produttivi di effetti significativi sull'ambiente.

L'autorità “competente” alla Valutazione Ambientale Strategica non deve essere necessariamente individuata in una pubblica amministrazione diversa da quella avente qualità di "autorità procedente". Infatti, se dalle definizioni di cui all'art. 5 del D.lgs. n. 152 del 2006 (Codice dell'ambiente) risulta infatti chiaro che entra... _OMISSIS_ ... de quibus sono sempre "amministrazioni" pubbliche, in nessuna definizione del Testo Unico ambientale si trova affermato in maniera esplicita che debba necessariamente trattarsi di amministrazioni diverse o separate (e che, pertanto, sia precluso individuare l'autorità competente in diverso organo o articolazione della stessa, amministrazione procedente).

Una volta accertato che la vas è stata effettuata e che quindi non si verte in una fattispecie di assoluta mancanza della stessa, l'interessato non ha legittimazione a contestare il quomodo di effettuazione della stessa laddove dal procedimento suddetto non sia disceso alcun pregiudizio a suo carico.

Le censure inerenti il procedimento di v.a.s. sono ammissibili nei limiti in cui la p... _OMISSIS_ ...ecifichi quale concreta lesione alla sua proprietà sia derivata dall'inosservanza delle norme sul procedimento; in altri termini non deve trattarsi di una doglianza meramente strumentale ma sostanziale, visto che il generico interesse ad un nuovo esercizio del potere pianificatorio dell'Amministrazione è insufficiente a distinguere la posizione del ricorrente da quella del "quisque de populo".

La VAS è la sede eminente per trattare precauzionalmente della sostenibilità e della compatibilità ambientale dell’atto di pianificazione in itinere.

La direttiva 2001/42/CE in materia di valutazione ambientale strategica (VAS) non è self executing, sulla base del principio secondo cui non possono considerarsi tali le direttive comunitarie ... _OMISSIS_ ...n modo dettagliato, introducono un nuovo istituto nell’ordinamento degli Stati membri, dovendo questo necessariamente essere recepito e disciplinato dal legislatore interno.

La VAS è la valutazione delle conseguenze ambientali di piani e programmi al fine ultimo di assicurare lo sviluppo sostenibile di un territorio sotto il profilo ambientale. E' una procedura finalizzata precipuamente a mettere in rilievo le possibili cause di un degrado ambientale derivante dall'adozione di piani e programmi interessanti il territorio, introdotta dalla direttiva comunitaria 2001/42/CE che prevede, appunto, la sua applicazione a piani e programmi produttivi di effetti significativi sull'ambiente.

I plurimi contributi consultivi favorevoli (nella specie C... _OMISSIS_ ...izia, Genio Civile, Settore C.T.R. di Salerno, ASL, Autorità di Bacino) acquisiti nel corso del procedimento, in quanto non equipollenti alla Valutazione Ambientale Strategica, non può consolidare alcun tangibile affidamento in ordine al buon esito della pratica in assenza di Valutazione Ambientale Strategica.

La V.A.S. è finalizzata alla soluzione da parte delle amministrazioni preposte alla redazione di piani e programmi di problemi connessi con gli impatti strategici, da valutarsi su più ampia scala geografica e nel loro complesso, onde consentire l’integrazione delle relative previsioni di piano con considerazioni specificamente ambientali.

Se una variante urbanistica deve essere sottoposta a VAS, non può avere efficacia sanante il pro... _OMISSIS_ ...to successivamente all’approvazione della variante, poiché, ai sensi dell’art 11, comma 5, del d.lgs. n. 152 del 2006 la fase di valutazione deve essere conclusa anteriormente all'approvazione del piano o del programma.

La procedura VAS non deve essere avviata necessariamente prima dell'attivazione della procedura amministrativa di approvazione del piano, ma deve però obbligatoriamente essere portata a compimento prima dell'approvazione stessa del piano.

E' illegittimo il provvedimento che rimette un piano particolareggiato alla verifica di assoggettabilità a VIA ma non anche a VAS, fraintendendo sulla equiparabilità tra i due procedimenti.

Nessuna norma impone che la nomina dei soggetti chiamati a svolgere il ruolo di... _OMISSIS_ ...dente e di autorità competente per la VAS sia fatta con un provvedimento di ordine generale anteriore alla singola scelta di pianificazione; quel che invece rileva è che la nomina sia quanto meno contestuale all’avvio del procedimento di VAS.

La sopravvenienza di diritto che rende non più necessaria la VAS rende inaccoglibile, per mancanza di utilità, la doglianza di omessa acquisizione della VAS allorquando essa era in tesi necessaria.


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 43368 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo