Soggetti responsabili dell'abuso edilizio da demolire: il proprietario, l'acquirente e il locatore

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE --> PROVVEDIMENTO --> SOGGETTI

La mancata individuazione del responsabile materiale dell'abuso edilizio non può portare ad escludere che l'ordine di demolizione vada comunque rivolto al proprietario. Questi, anche se estraneo all'abuso, rimane comunque il destinatario finale degli effetti del provvedimento, il cui contenuto dispositivo è, per l'appunto, la demolizione di un bene su cui egli vanta il proprio diritto.

Il presupposto per l'adozione d'un ordine di demolizione non è l'accertamento di responsabilità nella commissione dell'illecito, ma l'esistenza di una situazione dei luoghi contrastante con quella prevista nella strumentazione urbanistico-edilizia. Sicché sia il soggetto tenuto a... _OMISSIS_ ...dine ripristinatorio (ossia, in virtù del diritto dominicale, il proprietario), che il responsabile dell'abuso sono destinatari della sanzione reale del ripristino dei luoghi: il soggetto passivo dell'ordine di demolizione viene, quindi, individuato nel soggetto che ha il potere di rimuovere concretamente l'abuso, potere che compete indubbiamente al proprietario, anche se non responsabile in via diretta.

Ai sensi dell’art. 31, comma 2, D.P.R. n. 380/01 la legittimazione passiva in relazione all’ordine di demolizione deve essere riconosciuta in via autonoma in capo al proprietario e al responsabile dell’illecito edilizio, non potendo ritenersi che l’omessa notificazione del provvedimento ingiuntivo nei confronti del responsabile del... _OMISSIS_ ...quo;adozione del medesimo ordine di demolizione a carico del proprietario non responsabile.

L’art. 31, comma 2, D.P.R. n. 380/2001 prevede che la demolizione o la rimozione deve essere ordinata al proprietario e al responsabile dell’abuso, ponendo i due soggetti sul medesimo piano, entrambi passivamente legittimati, in via principale, all’esecuzione delle misure ripristinatorie ingiunte dall’Amministrazione comunale; il dato positivo non consente di configurare rapporti di dipendenza tra il proprietario e il responsabile dell’abuso - tali per cui al primo possa essere impartito l’ordine di demolizione soltanto in via sussidiaria rispetto al secondo – bensì imputa in capo ad entrambi un’autonoma legitt... _OMISSIS_ ...vere ed eseguire il provvedimento ingiuntivo; e anche l’interpretazione teleologica depone per l’autonomia, sul piano dei rapporti amministrativi con l’ente comunale procedente, delle posizioni del responsabile dell’abuso e del proprietario, tenuto conto che la sanzione demolitoria non assume una finalità punitiva, non presupponendo l’accertamento della responsabilità dell’illecito, ma soltanto l’esistenza di una situazione dei luoghi contrastante con quella prevista nella strumentazione urbanistico-edilizia.

L'ordine di demolizione, atteggiandosi quale sanzione reale e tendendo, sotto un profilo oggettivo, a ripristinare il regolare sviluppo ed assetto del territorio, deve essere emesso nei confronti di chi sia titola... _OMISSIS_ ...amento qualificato con il bene, idoneo a permettere un intervento sulla res funzionale alla concreta rimozione dell’abuso; siffatto collegamento può riscontrasi anche in capo al proprietario, pure se non responsabile in via diretta, a condizione che sia nella disponibilità del bene abusivo e, quindi, possa concretamente attivarsi per il ripristino dello stato dei luoghi.

Affinché il proprietario di una costruzione abusiva possa essere destinatario dell’ordine di demolizione, non occorre stabilire se egli sia responsabile dell’abuso, poiché l'art. 31 T.U. edilizia si limita a prevedere la legittimazione passiva del proprietario non responsabile all’esecuzione dell’ordine di demolizione, senza richiedere l’effettivo accertamen... _OMISSIS_ ...he sua responsabilità.

L'art. 31 DPR n. 380/2001 prevede, in caso di lavori abusivi, l’ingiunzione di demolizione al responsabile dell’abuso ed al proprietario; quest’ultimo assume logicamente una responsabilità di tipo sussidiario, nel senso cioè che, pur quando egli non sia responsabile dell’abuso, è tenuto a dare esecuzione all’ordine di demolizione solo quando ciò sia per lo stesso materialmente possibile.

Il perseguimento dell’interesse pubblico urbanistico è di carattere preminente e, dunque, l’ordinamento vuole che la legalità violata sia ripristinata anche dal proprietario dell'opera abusiva e ciò discende anche dalla natura reale dell’illecito e della sanzione urbanistica, i quali sono rif... _OMISSIS_ ...s abusiva e, dunque, il ripristino dell’equilibrio urbanistico violato è carico anche del proprietario; nulla quaestio nel caso in cui egli sia soggetto connivente, ma nel caso in cui lo stesso non risulti responsabile dell’abuso né sia nella disponibilità e nel possesso del bene, risulta evidente che l’ordine non può produrre effetti nei suoi confronti se non quando egli ne riacquisti la disponibilità e il possesso e, dunque, sia nella materiale possibilità di dare corso all’esecuzione dell’ordine demolitorio.

Il nuovo acquirente dell’immobile abusivo o del sedime su cui è stato realizzato succede in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo al precedente proprietario e relativi al bene ceduto, ivi compresa l... _OMISSIS_ ...trasformazione, subendo gli effetti sia del diniego di sanatoria, sia dell’ingiunzione di demolizione successivamente impartita, pur essendo l’abuso commesso prima della traslazione della proprietà, salva, la facoltà di rivalsa del privato sul dante causa; opinare diversamente consentirebbe di eludere in modo agevole la normativa edilizia, a danno del territorio e della collettività locale.

Presupposto per l'adozione dell'ordinanza di demolizione non è l'accertamento di responsabilità nella commissione dell'illecito, bensì l'esistenza di una situazione dei luoghi contrastante con quella prevista nella strumentazione urbanistico-edilizia: sicché sia il soggetto che abbia la titolarità a eseguire l'ordine ripristinatorio, ossia in virtù del di... _OMISSIS_ ...e, il proprietario, sia il responsabile dell'abuso sono destinatari della sanzione reale della demolizione e del ripristino dei luoghi.

Gli ordini di demolizione di costruzioni abusive, avendo carattere reale, prescindono dalla responsabilità del proprietario o dell’occupante l’immobile (l’estraneità agli abusi assumendo comunque rilievo sotto altri profili), applicandosi anche a carico di chi non abbia commesso la violazione, ma si trovi al momento dell’irrogazione in un rapporto con la res tale da assicurare la restaurazione dell’ordine giuridico violato.

Il Comune ha l'obbligo di ordinare la demolizione di opere edilizie abusive al proprietario in quanto rientra tra i soggetti che sono comunque in grado di porre ... _OMISSIS_ ...zione antigiuridica, indipendentemente dal coinvolgimento o meno dello stesso nella realizzazione dell'abuso, in considerazione della natura non meramente sanzionatoria, ma ripristinatoria dell’ordine di demolizione.

L’Amministrazione, per individuare i soggetti legittimati passivi dell’ordine di demolizione di costruzioni abusive ha solo l’onere di individuare il proprietario catastale: tale sanzione infatti, avendo carattere reale, prescinde dalla responsabilità del proprietario effettivo...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 57253 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo