Compatibilità tra strumenti urbanistici perequativi e principio di legalità: la sentenza n.1523 del T.A.R. Roma

Le doglianze del ricorrente ed il rigetto dei motivi preferenziali Con il ricorso introduttivo del giudizio, il ricorrente propone cinque motivi di annullamento di varie disposizioni - non soltanto perequative - delle Norme Tecniche.

Sul punto non è fuori luogo sottolineare che il motivo più strettamente inerente alla perequazione urbanistica - il quarto - è espressamente subordinato ai primi tre, che hanno tutt'altro oggetto.

Alla base di questa strategia risiede probabilmente la complessità della censura in parola: essa sottende infatti una questione che lo stesso Collegio ritiene «assai delicata» [1], profilandosi il rischio di «entrare nel merito delle scelte politiche e delle connesse visioni di cultura, di scienza e d... _OMISSIS_ ...istica, delle quali il Nuovo Piano Regolatore di Roma rappresenta una significativa espressione» [2].

I tre motivi anteposti a quello perequativo, tuttavia, vengono rigettati. Infatti il Collegio respinge anzitutto la tesi per la quale la precedente destinazione agricola non permetterebbe al Nuovo P.R.G. di limitare gli interventi assentibili, nonché la tesi - diversa, ma connessa - per la quale l'assentibilità dell'intervento diretto deriverebbe dall'assoggettamento al vincolo di parco pubblico dei restanti 3000 mq di proprietà del ricorrente.

Si tratta, come si vede, di censure di illogicità ed irrazionalità, eppure vengono espressamente proposte in via preferenziale rispetto al motivo perequativo.

Analogamente, viene pr... _OMISSIS_ ...ultimo motivo la censura di legittimità del Programma Integrato di Intervento - «PRINT» o «PRIN» - che trova articolata disciplina nelle N.T.A. [3].

Per quanto viene qui in rilievo, il Programma integrato si applica alla Città da ristrutturare [4], all'interno della quali - come si è anticipato - ricade l'area di proprietà del ricorrente. Questi censura dunque la disciplina del Programma integrato e la sua stessa legittimità, ma il Collegio rigetta sia l'una che l'altra serie di doglianze.

È vero che ogni strumento urbanistico deve avere un fondamento normativo - e sul punto si ritornerà - ma il PRINT è tutt'altro che sprovvisto di tale fondamento, potendone vantare addirittura due [5]: infatti esso si radica da un l... _OMISSIS_ ... statale 17 febbraio 1992 n. 179 e dall'altro nella legge regionale 26 giugno 1997, n. 22. Le N.T.A., per vero, apportano alcune peculiarità disciplinari allo schema legale, ma esse non sono tali da inficiarne la legittimità [6]. Anche il motivo in parola, dunque, deve essere rigettato, al pari dei precedenti.

Il primo motivo accolto: l'illegittimità degli ambiti di compensazione Esaurita la disamina dei motivi infondati, al T.A.R. non resta altra possibilità che inoltrarsi nel difficile terreno della perequazione urbanistica, le cui insidie erano state avvertite già prima di dedicarsi ai tre motivi proposti in via principale [7].

Nel approcciarsi alla questione, il Collegio riporta con cura la tesi del ricorrente e le difese dell'amministraz... _OMISSIS_ ... ricorda cosa non è consentito al giudice amministrativo: non può entrare nel merito scelte politiche comunali [8], non può entrare «nei complessi dibattiti che attengono […] alla scienza urbanistica» [9] e non ha titolo per affrontare «il complesso e delicato problema […] della conformità agli artt. 3, 41 e 42 della Costituzione, nonché al Trattato UE, degli strumenti perequativi» [10]. Al contrario, occorre limitarsi all'analisi delle disposizioni delle N.T.A. «funzionalmente dirette all’attuazione del disegno complessivo, anche se - ovviamente - nei limiti segnati dai motivi di ricorso» [11].

Ciò detto, il T.A.R. prende le mosse da un principio fondamentale del nostro ordinamento, che era già sta... _OMISSIS_ ...n sede di esame della legittimità del PRINT. Si tratta del principio di legalità, il quale implica che «l'Amministrazione opera nell’esercizio di poteri previsti dalla legge e con strumenti parimenti dotati di copertura legislativa: non è sufficiente che il fine perseguito sia legittimo, perché è necessario che lo siano anche gli strumenti impiegati» [12].

Il punto è allora stabilire se il Nuovo P.R.G. del Comune di Roma si regga una previsione normativa e specialmente se trovino fondamento normativo i suoi meccanismi perequativi. Ed invero, il problema della legalità può essere glissato con riferimento agli istituti urbanistici tradizionali, la cui legittimità è fuori discussione in ragione della lunga e consolidata elaborazione giurisprude... _OMISSIS_ ...ssi ha preso le mosse. Al contrario, la comparsa sulla scena di strumenti del tutto innovativi - quali i meccanismi perequativi romani - impone la ricerca di una base di legalità sulla quale essi possano poggiare.

Tale ricerca viene condotta su due piani: dapprima sul in generale e poi sul piano delle specifiche norme di legge. Essa dà però esito negativo su entrambi i fronti.

Sfruttando un autorevole precedente del Consiglio di Stato [13] - che pure non si era occupato di una fattispecie esattamente coincidente [14], come riconosce lo stesso T.A.R. Lazio - si osserva anzitutto che «non è dato rinvenire alcuna disciplina, di fonte legislativa, che autorizzi una riserva di proprietà fondiaria alla mano pubblica in assenza di specifica nor... _OMISSIS_ ... e al di fuori delle garanzie previste in proposito dall'art. 42 della Carta costituzionale» [15]. Se è così, non resta allora che «verificare se […] il ruolo di supporto normativo della previsione di piano contestata in questa sede possa essere svolto da alcune specifiche disposizioni di legge recentemente introdotte sia nella legislazione statale sia in quella regionale» [16].

A questo proposito vengono analizzati anzitutto due articolati simmetrici, l'uno contenuto nella Finanziaria statale per il 2008 e l'altro in una recente normativa della regione Lazio. Entrambe le leggi, in effetti, introducono meccanismi di tipo perequativo: allo strumento urbanistico viene permesso di subordinare la trasformazione di determinati amb... _OMISSIS_ ...ne di aree al Comune [17], consentendo per converso a quest'ultimo di disporre un aumento di volumetria premiale [18].

Sul punto, però il Collegio osserva che entrambi gli articolati fanno costante ed esclusivo riferimento all'edilizia residenziale sociale. Di conseguenza, in essi non può essere rinvenuta alcuna volontà legislativa di autorizzare l'adozione di meccanismi perequativi sganciati da tale finalità [19].

Analogamente, si riferisce alla sola edilizia residenziale l'art. 11, comma 5, della nota Manovra d'estate, il quale, nell'inaugurare la stagione del Piano casa, consente «il trasferimento di diritti edificatori in favore dei promotori degli interventi di incremento del patrimonio abitativo» [20] e «la cessione, ... _OMISSIS_ ...arte, dei diritti edificatori come corrispettivo per la realizzazione anche di unità abitative di proprietà pubblica da destinare alla locazione a canone agevolato, ovvero da destinare alla alienazione in favore delle categorie sociali svantaggiate» [21]. Queste due previsioni, inoltre, non sono possono reggere i meccanismi perequativi analogo a quello romano perché «detti interventi si effettua...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 19056 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo

Autore

Antoniol, Marco

Avvocato del Foro di Venezia