Effetti dell’accettazione: la corresponsione della indennità di esproprio

uo;accettazione dell’indennità produce una serie di effetti rilevanti per il prosieguo della procedura.

Una volta intervenuta l’accettazione il proprietario è tenuto – se dichiara l’assenza di diritti di terzi sul bene – a produrre la documentazione comprovante, anche mediante attestazione notarile, la piena e libera proprietà del bene (20.8).

Mentre la dichiarazione di assenza di diritti di terzi (ovviamente non obbligatoria, perché potrebbero appunto sussistere diritti di terzi) non è soggetta a termine e si può ritenere che possa essere contenuta fin nella dichiarazione di accettazione della indennità (come di prassi avviene nella modulistica in circolazione), ovvero deve essere rilasciata in forma di autoce... _OMISSIS_ ...l proprietario al fine del pagamento dell’acconto dell’80% in caso di immissione anticipata nel possesso (20.6), per quanto riguarda la produzione della documentazione il legislatore ha previsto il termine di sessanta giorni decorrenti dalla comunicazione dell’accettazione.

Nel caso di mancato rispetto del suddetto termine per la produzione documentale, così come nel caso della mancata dichiarazione di assenza di diritti di terzi, l’Autorità procede al deposito della indennità accettata, in quanto non è stato possibile escludere la presenza di diritti alieni sul bene, e quindi di concorrenti pretese sull’indennità che quel bene rappresenta (20.12).

Viceversa, una volta prodotta la documentazione attestante la... _OMISSIS_ ... proprietà del bene e dichiarata l’assenza di diritti di terzi sul bene (peraltro non è ben chiara la ragione di quest’ultima stante la presenza della prima: forse perché la documentazione non può che riguardare i soli diritti reali trascrivibili, mentre la dichiarazione è più ampia comprendendo anche i diritti di terzi non soggetti a trascrizione), l’Autorità espropriante dovrà procedere al pagamento dell’indennità concordata, entro un determinato termine, pena la corresponsione di ulteriori somme a titolo di interessi (20.8).

Si tratta di stabilire quale sia il termine entro il quale l’Autorità deve provvedere al pagamento, ed è questione oltremodo complicata.

Le disposizioni di cui all’art. 20 devono essere... _OMISSIS_ ... quanto statuito dall’art. 26, contenente le disposizioni comuni relative al pagamento o deposito dell’indennità.

In particolare devono essere coordinati l’articolo 20.8, secondo il quale l’intera indennità, ovvero il saldo di quella già corrisposta a titolo di acconto, è corrisposta entro il termine di sessanta giorni dal deposito della documentazione comprovante la piena e libera proprietà del bene, e l’articolo 26.10, secondo il quale il promotore dell’espropriazione esegue il pagamento dell’indennità accettata entro il termine di sessanta giorni dalla comunicazione dell’ordinanza di pagamento.

Inoltre occorre considerare l’intero complesso iter burocratico del pagamento, che prevede ... _OMISSIS_ ...i pagamento per gli accettanti dopo i 30 giorni stabiliti per l’accettazione della provvisoria, la quale deve essere pubblicata sul BUR o sulla GU e deve attendere ulteriori trenta giorni per diventare esecutiva.

Ai sensi dell’art. 26.1, trascorso il termine di 30 giorni dalla notificazione dell’atto determinativo dell’indennità provvisoria, l’autorità espropriante ordina che il promotore dell’espropriazione effettui il pagamento delle indennità che siano state accettate, ovvero il deposito delle altre indennità presso la Cassa depositi e prestiti.

Ci si potrebbe chiedere se l’ordinanza di pagamento ex art. 20.8 non possa essere disposta senza attendere i 30 giorni di cui all’art. 26.1, quando, e ... _OMISSIS_ ...viene l’accettazione (irrevocabile) accompagnata dalla documentazione attestante la piena e libera proprietà del bene (ovvero la stessa sia già agli atti) e dalla dichiarazione di assenza di diritti di terzi.

La risposta è affermativa; il primo comma dell’articolo 26 non costringe ad attendere 30 giorni quando si siano configurate tutte le condizioni per il pagamento, ma semplicemente consente, per ragioni di economicità procedimentale, una volta spirato per tutti il termine per l’accettazione, di tirare le somme in un dato e prestabilito momento e procedere per tutte le ditte con un’unica ordinanza di pagamento e/o di deposito.

Il significato del termine dei trenta giorni è invece quello di impedire che venga disposto il... _OMISSIS_ ... somme prima che sia spirato il termine per l’accettazione dell’indennità da parte del proprietario ex art. 20.5, accettazione che comporterebbe, in assenza di diritti di terzi, la necessità del pagamento in luogo del deposito. Del resto non può essere sottovalutata l’importanza del rispetto dei tempi appropriati per il deposito; infatti a seguito del deposito l’Autorità potrà emanare ed eseguire il decreto di esproprio con conseguenti effetti sulla quantificazione della indennità in termini di mancate maggiorazioni o applicazione delle decurtazioni.

Nel contempo la scadenza del termine legittima la stessa Autorità, nel caso di mancata accettazione, ad effettuare il deposito senza ulteriori attese e ad emanare il decreto di esproprio.|... _OMISSIS_ ...In definitiva sembra essere proprio quest’ultima la funzione primaria dell’articolo 26.1: non condizionare l’azione amministrativa al comportamento del destinatario e strutturare gli adempimenti secondo una scansione temporale chiara e certa fino al perseguimento dell’obiettivo finale: il decreto di esproprio.

La disposizione, per contro, non è idonea a limitare l’esercizio della facoltà del proprietario entro il citato limite temporale dei trenta giorni, considerato che, come in precedenza ampiamente illustrato, il termine effettivo è più esteso.

Una base di partenza indiscutibile sotto il profilo logico – per quanto riguarda l’interpretazione del combinato disposto degli articoli 20 e 26 – è... _OMISSIS_ ...torità espropriante può – evidentemente – ordinare il pagamento piuttosto che il deposito solo quando sa di dover pagare anziché depositare, e cioè quando si siano verificate per intero le condizioni del pagamento richieste dall’articolo 20, che sono:

1) per quanto riguarda l’acconto dell’80%: accettazione dell’indennità provvisoria, autocertificazione della piena e libera proprietà del bene, richiesta di immissione in possesso da parte dell’Autorità espropriante (20.6);

2) per quanto riguarda l’intera indennità se non vi sia stato l’acconto, o il saldo se vi sia stato l’acconto: accettazione dell’indennità provvisoria, dichiarazione di assenza di diritti di terzi, deposito della ... _OMISSIS_ ...comprovante la piena e libera proprietà del bene (20.8).

Solo a seguito del verificarsi di tali condizioni, dunque, l’Autorità è in grado di sapere se l’atto da adottare debba essere un ordine di pagamento piuttosto che un ordine di deposito dell’indennità.

Non a caso l’art. 26.1 bis (introdotto dal DLGS 302/20...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 17143 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 320 pagine in formato A4

25,00 €