Ancora sul “decreto procedure” n.25 del 2008

dquo;decreto procedure” n.25 del 2008, dopo aver esplicitato all’art.1 la finalità di stabilire forme e tempi per l’esame della domanda di protezione internazionale presentate dagli “stranieri” (tali dovendosi intendere i cittadini di Paesi non appartenenti all’UE e gli apolidi) e per la revoca e la cassazione degli status in precedenza riconosciuti, all’art.2 lett.b) afferma che per “domanda di protezione internazionale o domanda di asilo o domanda” deve intendersi la domanda presentata secondo le procedure previste dal presente decreto, diretta ad ottenere lo status di rifugiato o lo status di protezione sussidiaria”.

Il legislatore del 2008, introducendo il giudizio “d’impugnazione... _OMISSIS_ ... al tribunale del provvedimento sulla protezione internazionale dello straniero ha scelto espressamente il procedimento camerale, rito già applicabile anche in precedenza secondo l’interpretazione data da Cass. Sez. Un. 17/11/2008 n. 27310 all’art. 1 co. 6 del D.L.. n. 416 del 1989 (conv. In L. n. 39 del 1990) [1]

Con il deposito del ricorso normalmente si sospende ex lege l’efficacia del provvedimento che ha respinto la domanda di protezione internazionale o che ha dichiarato la revoca o la cessazione dello status (art.35, comma 6) tranne nei casi espressamente previsti nei commi 7 e 8 dell’art.35 [2]. Nei casi in cui non opera la sospensione automatica la stessa può essere chiesta dall’interessato contestualmente al deposito de... _OMISSIS_ ...do ricorrono “gravi e fondati motivi”.

A seguito del deposito del ricorso il giudice fissa con decreto in calce all’atto introduttivo l’udienza camerale di comparizione delle parti e dispone che, a cura del cancelliere, il ricorso ed il decreto siano notificati al ricorrente e al Ministero dell’Interno presso la commissione amministrativa che ha emesso il provvedimento impugnato e comunicati al Pubblico Ministero (comma 5 dell’art. 35).

Trattandosi di un giudizio contenzioso su diritti fondamentali della persona deve essere assicurato il diritto al contraddittorio e di difesa [3].

Il sistema dunque è composto di una prima fase amministrativa di fronte alla commissione territoriale o alla commiss... _OMISSIS_ ...e di una seconda fase di fronte al giudice.

Il ricorso in opposizione ex art. 35 comma 1 D.Lvo 25/2008 avverso il provvedimento della Commissione territoriale, va proposto al tribunale del capoluogo del distretto di Corte d’appello in cui ha sede la commissione territoriale, ovvero al tribunale del capoluogo del distretto di corte in cui ha sede il centro di accoglienza per i richiedenti asilo o il centro di identificazione ed espulsione, nel caso in cui al momento della domanda avanzata in sede amministrativa lo straniero fosse stato accolto o trattenuto in uno di tali centri previsti dagli artt. 20 e 21 del D.Lvo 25/2008.

La competenza territoriale per l’opposizione in tal caso va individuata nel tribunale del capoluogo di distrett... _OMISSIS_ ...ppello in cui ha sede la commissione territoriale che ha emesso il provvedimento impugnato, ovvero nel tribunale distrettuale presso il quale ha sede il centro in cui lo straniero è stato accolto o trattenuto al momento della presentazione della domanda di protezione in sede amministrativa.

La giurisprudenza della Cassazione ha affermato che, ai fini dell’individuazione del tribunale territorialmente competente a conoscere dell’opposizione, non ha alcun rilievo che, al momento in cui viene proposto il ricorso giurisdizionale, lo straniero non si trovi più presso il centro di identificazione o di accoglienza in cui era stato ospitato o trattenuto inizialmente, poiché in tal caso il “foro speciale” previsto dal legislatore si fonda sulla ... _OMISSIS_ ...iale e non sulle modifiche medio tempore intervenute, per cui l’opposizione va comunque proposta davanti al tribunale del distretto in cui si trova il centro ove è stato accolto/trattenuto lo straniero [4] .

La natura di procedimento camerale dell’impugnazione con la presenza necessaria del Pubblico Ministero comporta che la competenza per territorio è inderogabile a norma dell’art. 28 c.p.c. e l’incompetenza del giudice adito deve essere rilevata anche d’ufficio (art. 38 c.p.c.), senza che operi in tal caso la preclusione temporale della “prima udienza” prevista dal comma 3 dell’art. 38 c.p.c.

Il comma 1 dell’art. 35 prevede che il ricorso vada proposto “a pena di inammissibilità&rdquo... _OMISSIS_ ...orni successivi alla comunicazione del provvedimento di rigetto allo straniero non ospitato o non trattenuto in uno dei centri previsti dagli artt. 20 e 21, mentre il termine per proporre l’opposizione è di quindici giorni dalla comunicazione del provvedimento negativo qualora l’opponente sia accolto o trattenuto in uno di tali centri. In base al comma 1 dell’art. 35 l’onere di provare la tempestività dell’opposizione grava sull’opponente attraverso l’allegazione di copia del provvedimento impugnato.

Alla tardiva proposizione dell’opposizione consegue la pronuncia di inammissibilità della stessa.

La mancata comparizione delle parti non comporta l’applicazione dell’art. 348 co. 2 c.p.c. ... _OMISSIS_ ...la mancata comparizione delle parti alla prima udienza nel giudizio di appello, né tantomeno il giudice dell’opposizione ex art. 35 può applicare il disposto degli artt. 181 e 309 c.p.c. previsto per il giudizio ordinario di cognizione. Secondo la dottrina tenuto conto della natura dei diritti in conflitto e della peculiarità del procedimento camerale de quo, in caso di mancata comparizione delle parti e qualora risultino ritualmente effettuate le notificazioni e le comunicazione previste dal comma 5 dell’art. 35, il giudizio va comunque deciso con sentenza sul “merito” della domanda di protezione, in base agli elementi istruttori disponibili, sempre che l’opposizione sia stata proposta tempestivamente e che il giudice adito sia competente per t... _OMISSIS_ ...CRLF|
In base alla previsione contenuta nell’art. 32 comma 3 del D.Lvo 25/2008 e alle possibili “forme di protezione” che possono essere riconosciute allo “straniero” la prevalente giurisprudenza di merito e la Cassazione ritengono che il giudice dell’opposizione ex art. 35 sia investito degli stessi poteri attribuiti dalla legge alla Commissione territoriale (e alla Commissione nazionale per il diritto d’asilo in sede di revoca o cessazione della protezione) e, quindi, anche della domanda di “protezione umanitaria” che lo straniero avanza spesso in via subordinata, qualora la commissione amministrativa nel respingere la domanda di protezione internazionale non abbia ravvisato i presupposti per la trasmissione de... _OMISSIS_ ...store per il rilascio del permesso ex art. 5 co. 6 T.U. Immigrazione.

Una parte minoritaria della dottrina e della giurisprudenza ritiene invece che la “protezione umanitaria” non sia invece oggetto del processo di opposizione ex art. 35, che è limitato ad una delle due forme di protezione internazionale previste e disciplinate dal D.Lvo 251/2007, sia perché la cd “protezione umanitaria” non pare essere (propriamente) oggetto neppure della “domanda presentata secondo le procedure previste dal presente decreto, diretta ad ottenere lo status di rifugiato o lo status di protezione sussidiaria”, in base all’art. 2...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9777 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 325 pagine in formato A4

30,00 €