La giurisprudenza della CEDU sul diritto di asilo

È un problema divenuto particolarmente evidente con la sentenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo di Strasburgo, depositata il 28 febbraio 2008, con cui è stato accolto il ricorso proposto, per la violazione dell’art. 3 CEDU, dal cittadino tunisino Saadi nei confronti dello Stato italiano, in relazione al provvedimento di espulsione con riconsegna al Paese di origine, emesso nei suoi confronti ai sensi dell’art. 3 d.l. 27 luglio 2005, n. 144 (articolo recante «Nuove norme in materia di espulsione degli stranieri per motivi di prevenzione del terrorismo»).

Il Saadi, accusato anche in Italia di far parte di una cellula terroristica islamica (procedimento in fase di appello dopo l’assoluzione in primo grado), era stato ... _OMISSIS_ ...ontumacia, da un tribunale militare tunisino, alla pena di venti anni di reclusione per il reato di terrorismo.

Dopo il rigetto, da parte delle autorità italiane, della sua richiesta di asilo per motivi politici, basata sul rischio di sottoposizione a tortura e trattamenti inumani in caso di consegna alla Tunisia, il Saadi aveva allora chiesto ed ottenuto in via cautelare, dalla Corte di Strasburgo, la sospensione dell’efficacia del decreto di consegna alle autorità tunisine.

La sentenza del 28 febbraio ha riconosciuto, a carico dell’Italia, la violazione dell’art. 3 CEDU, ai sensi del quale «Nessuno può essere sottoposto a torture né a pene o trattamenti inumani o degradanti»: e ciò in quanto l’espulsione d... _OMISSIS_ ...a uno Stato può rilevare agli effetti di tale divieto, quando lo Stato ricevente adotta metodi di tortura e/o trattamenti disumani (ponendosi quindi l’espulsione come un antecedente causale idoneo ad esporre l’individuo al rischio di tali trattamenti).

La Corte ha, dunque, affermato all’unanimità che, pur senza sottovalutare le gravi difficoltà che gli Stati incontrano nel proteggere le rispettive comunità dagli attacchi terroristici, la protezione accordata dall’art. 3 CEDU deve essere assoluta, con il conseguente divieto di espellere o estradare “chiunque” corra il rischio, nel paese di ricezione, di essere sottoposto a trattamenti inumani: indipendentemente, quindi, dalla gravità della eventuale condotta delittuosa tenuta... _OMISSIS_ ...spulso, e/o dalla sua pericolosità.

Secondo la Corte, la protezione accordata dall’art. 3 CEDU è maggiore di quella riconosciuta dagli articoli 32 e 33 della Convenzione ONU sulla condizione dei rifugiati: con la conseguente impossibilità di operare un bilanciamento, come invece sostenuto nel corso del giudizio dall’Italia e dal Regno Unito – tra il rischio di sottoposizione dell’espulso a trattamenti inumani o degradanti, e le esigenze connesse alla lotta al terrorismo internazionale, alla salvaguardia della sicurezza dei cittadini degli Stati contraenti, esigenze desumibili dai comportamenti ascritti al soggetto espulso. Questi ultimi, pertanto, restano irrilevanti nell’accertamento di una eventuale violazione dell’art. 3... _OMISSIS_ ...per il carattere assoluto della protezione accordata da tale disposizione. Tali principi hanno trovato puntuale conferma nella giurisprudenza di Strasburgo [1].

La forza precettiva e l’assolutezza del principio affermato oggettivamente pongono un problema di coordinamento con le disposizioni introdotte in materia nell’ordinamento italiano, in attuazione di quanto stabilito in sede comunitaria (d.lgs. 19 novembre 2007, n. 251, e succ. mod. «Attuazione della direttiva 2004/83/CE, recante norme minime sull’attribuzione, a cittadini di Paesi terzi o apolidi, della qualifica di rifugiato o di persona altrimenti bisognosa di protezione internazionale, nonché norme minime sul contenuto della protezione riconosciuta»): in tali disposizion... _OMISSIS_ ...ne chiaramente delineato proprio il “bilanciamento” criticato dalla Corte di Strasburgo, secondo parametri non omogenei con quelli del principio di “protezione assoluta” ex art. 3 CEDU, sancito dalla sentenza Saadi.

Infatti, il d.lgs. 251/2007 e succ. mod., in attuazione della direttiva 2004/83, ha non solo individuato gli elementi che possono dar luogo allo status di rifugiato (atti persecutori indicati nell’art. 7, riconducibili a motivi di razza, religione, nazionalità ecc. come indicato nell’art. 8), ma ha anche introdotto (art. 1 lett. g) la figura della «persona ammissibile alla protezione sussidiaria», ovvero del «cittadino straniero che non possiede i requisiti per essere riconosciuto come rifugiato... _OMISSIS_ ...ti sussistono fondati motivi di ritenere che, se ritornasse nel Paese di origine, o, nel caso di un apolide, se ritornasse nel Paese nel quale aveva precedentemente la dimora abituale, correrebbe un rischio effettivo di subire un grave danno come definito dal presente decreto».

E tra i danni gravi rilevanti ai fini del riconoscimento della protezione sussidiaria, è richiamata «la tortura o altra forma di pena o trattamento inumano o degradante ai danni del richiedente nel suo Paese di origine» (cfr. art. 14 lett. b del d.lgs).

Nell’impianto del d.lgs. 251/2007 dunque i comportamenti delittuosi e, in generale, la pericolosità dello straniero non appaiono irrilevanti per la concessione o il mantenimento, in suo favore, del... _OMISSIS_ ...fugiato o di protezione sussidiaria, in particolare, se si sia reso responsabile della commissione dei delitti indicati nell’art. 10 commi 2 e 3 ovvero se, ai sensi dell’art. 12, sulla base di una valutazione individuale, «sussistono fondati motivi per ritenere che lo straniero costituisce un pericolo per la sicurezza dello Stato»; ovvero quando «lo straniero costituisce un pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, essendo stato condannato con sentenza definitiva per i reati previsti dall’articolo 407, comma 2, lettera a), del codice di procedura penale».

Allo stesso modo, lo status di protezione sussidiaria è escluso non solo in caso di commissione dei delitti indicati all’art. 16, lett. a), b) e c),... _OMISSIS_ ...o sussistono fondati motivi per ritenere che lo straniero «costituisca un pericolo per la sicurezza dello Stato o per l’ordine e la sicurezza pubblica» (art. 16, lett. d).

La protezione internazionale è dunque esclusa, ai sensi del d.lgs. 251/2007, e succ. mod. non solo nelle ipotesi in cui lo straniero abbia commesso gravi reati o sia da ritenere pericoloso per la sicurezza dello Stato, ma anche qualora la valutazione di pericolosità attenga (solo) all’ordine e alla sicurezza pubblica (valutazione che, tra l’altro, postula unicamente per il diniego dello status di rifugiato l’esistenza di una condanna irrevocabile per uno dei reati ex art. 407 comma 2 c.p.p.), secondo quanto previsto nella direttiva 2004/83).

... _OMISSIS_ ...e che un bilanciamento delle diverse opzioni legislative passa attraverso l’istmo necessitato della qualità del sistema probatorio funzionale al riconoscimento del valore assoluto tutelato.

Nelle decisioni in tema di art. 3 CEDU è stata riconosciuta anche la possibilità di basarsi su elementi acquisiti di propria iniziativa e di conferire rilievo nell’apprezzamento della situazione di un determinato Paese, a rapporti redatti da organizzazioni umanitarie indipendenti, quali Amnesty International, ovvero a ricerche governative, ritenute più attendibili delle assicurazioni dello Stato te...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 10232 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 325 pagine in formato A4

30,00 €