L'espulsione amministrativa e le modalità di esecuzione

La nuova disciplina dell’espulsione amministrativa Il decreto legge in esame modifica in maniera significativa la disciplina dell’espulsione amministrativa contenuta negli artt. 13 e 14 TUS.

Viene infatti precisato che il provvedimento è adottato dal prefetto «caso per caso» e chiarisce che l’espulsione non può essere né disposta né eseguita coattivamente nei confronti dello straniero già destinatario di un provvedimento di espulsione sorpreso all’uscita dal territorio nazionale ai controlli di frontiera.

La nuova disciplina ripropone sostanzialmente, al comma 2 dell’art. 13, i medesimi presupposti richiesti dalla normativa originaria per procedere all’espulsione e, al successivo comma 4, individ... _OMISSIS_ ...mpagnamento coattivo alla frontiera come modalità esclusiva di esecuzione del provvedimento di espulsione adottato dal prefetto (il cui contenuto continua ad essere disciplinato nel precedente comma 3, non interessato dall’intervento normativo) soltanto nei casi di pericolo di fuga, di respingimento della domanda di soggiorno perché manifestamente infondata o fraudolenta ovvero di pericolosità per l’ordine pubblico, la sicurezza pubblica o la sicurezza nazionale dello straniero. Il legislatore ha così utilizzato tutte le ipotesi previste dall’art. 7 §4 della direttiva che consentano di derogare al rimpatrio mediante partenza volontaria.

A tal fine è stato introdotto anche il nuovo comma 4-bis dell’art. 13 con cui sono state... _OMISSIS_ ...ircostanze che legittimano di ritenere il pericolo di fuga, inteso come pericolo che lo straniero possa sottrarsi alla volontaria esecuzione del provvedimento di espulsione – individuandole: nel mancato possesso del passaporto o di altro documento equipollente, nella mancanza di documentazione idonea a dimostrare la disponibilità di un alloggio ove sia possibile rintracciare agevolmente lo straniero, nel fatto che quest’ultimo in passato abbia falsamente dichiarato o attestato le proprie generalità ovvero violato il termine per il rimpatrio volontario o un ordine di allontanamento o il divieto di reingresso ovvero le misure cautelari poste a presidio dell’effettività del rimpatrio volontario o dell’allontanamento Il legislat... _OMISSIS_ ...n questo modo di ridimensionare la portata del meccanismo imperniato sulla partenza volontaria pensato dal legislatore comunitario, in particolare con la presunzione introdotta attraverso i richiami alla mancanza di documenti validi per l’espatrio o di un alloggio stabile, anche quando il loro verificarsi non gli sia in alcun modo rimproverabile, come nel caso dell’incolpevole smarrimento del passaporto o alla presenza di una normativa che impedisce all’immigrato irregolare di reperire un alloggio in affitto, per il divieto di legge che impedisce al proprietario di stipulare con lui un contratto di locazione.
Allo stesso modo suscita notevoli perplessità la valutazione operata sulla circostanza di aver fornito in precedenza false generalità. ... _OMISSIS_ ... già sanzionata a livello penale, arriva ad assumere un tale disvalore sociale da concretizzare il pericolo di fuga dello straniero che magari sia in possesso del passaporto e di un alloggio, mentre in realtà, nella direttiva, il pericolo di fuga non trova considerazione esplicita, a differenza della difficoltà di identificazione richiamata però per giustificare il rinvio dell’allontanamento ai sensi dell’art. 9 § 4.

Tuttavia formalmente la “partenza volontaria” deve essere considerata, ai sensi del nuovo comma 5 dell’art. 13, la modalità ordinaria di rimpatrio. Essa si attiva a seguito dell’adozione del provvedimento di espulsione emesso dal prefetto, solo se espressamente richiesta dall’interessato cui il provve... _OMISSIS_ ...otificato. È esclusa ogni automaticità, secondo la facoltà in tal senso attribuita agli Stati membri dall’art. 7 §1 della direttiva.

Deve essere osservato che il decreto non precisa le modalità con cui tale richiesta debba essere avanzata, né configura specifici rimedi per il caso che la stessa venga illegittimamente rigettata, con la conseguenza che poiché la mancata richiesta del termine per la partenza volontaria automaticamente costituisce presupposto per procedere all’accompagnamento coattivo, la stessa rischia di diventare il principale strumento per il rimpatrio, anche se il comma 5.1 dell’art. 13 prevede la necessità che il provvedimento di espulsione contenga espresso avvertimento multilingue della facoltà di attivare la proced... _OMISSIS_ ... volontaria, la cui omissione è destinata a compromettere la legittimità del provvedimento medesimo e a riverberarsi conseguentemente sull’effettiva operatività delle norme penali destinate a sanzionare l’inottemperanza alle procedure di rimpatrio.

Il termine concedibile per la partenza, conformemente a quanto previsto dalla direttiva, varia da un minimo di sette ad un massimo di trenta giorni e deve essere fissato dal prefetto, che può anche prorogarlo, caso per caso. Ai sensi del comma 5.2 dell’art. 13 è richiesta poi la dimostrazione allo straniero del possesso di disponibilità economiche di fonte lecita proporzionate alla durata del termine concesso, in tal senso richiamando la possibilità prevista dall’art. 7 §3 della direttiv... _OMISSIS_ ... rimpatriando la costituzione di una garanzia finanziaria a prevenzione del rischio di fuga, anche se letteralmente tale condizione non può essere ritenuta un presupposto per la concessione del termine.

In pendenza del termine per la partenza possono essere disposte dal Questore, con provvedimento motivato convalidato entro 48 ore dal giudice di pace, nei confronti dello straniero una o più delle seguenti misure cautelari amministrative: consegna del passaporto o altro documento equipollente in corso di validità, da restituire al momento della partenza; obbligo di dimora in un luogo preventivamente individuato, dove possa essere agevolmente rintracciato; obbligo di presentazione, in giorni ed orari stabiliti, presso un ufficio della forza pub... _OMISSIS_ ...almente competente.
Il relativo provvedimento deve essere motivato e deve essere trasmesso entro quarantotto ore al giudice di pace per la convalida, che può revocare o modificare il provvedimento stesso.

Il decreto legge interviene anche sui commi 13 e 14 dell’art. 13, nei quali è contenuta la disciplina del divieto di reingresso per lo straniero destinatario del provvedimento di espulsione. Il legislatore ha ridotto ad un limite non inferiore a tre anni e non superiore a cinque, la durata di tale divieto, fissata in precedenza in dieci anni, per renderla compatibile con i limiti previsti dall’art. 11 della direttiva, lasciando al prefetto il compito di determinarla in concreto in relazione alle circostanze del singolo caso.

... _OMISSIS_ ...lità di fissare un termine più lungo è prevista nel caso si tratti di soggetto espulso ai sensi dell’art. 3, comma 1, l. 31 luglio 2005, n. 155.

Le modalità di esecuzione dell’espulsione Il decreto legge modifica anche la disciplina relativa al trattenimento e all’allontanamento dello straniero, già regolata dall’art. 14 del TUS [1]. Il tratt...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12464 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo