Origine storica e funzione della diffida ad adempiere

Origine storica della diffida ad adempiere L’introduzione nell’ordinamento italiano dell’istituto in esame risale all’adozione del codice civile del 1942, che ha così reso disponibile un rimedio risolutivo automatico, apprestando uno strumento più rapido ed efficace dell’ordinaria risoluzione giudiziale per ottenere lo scioglimento del vincolo contrattuale, che lega i due contraenti [1].

I precedenti normativi dell’istituto sono controversi, anche se la discendenza dell’istituto dall’art. 67 cod. comm. del 1882 e dall’art. 307, secondo comma, del progetto D’Amelio del codice di commercio del 1925 appare per molti la conclusione più sicura, stante l’attuale configurazione della fattispeci... _OMISSIS_ ...CRLF| Infatti, se si vuole risalire più indietro nel tempo per individuare la precisa origine della disposizione in commento [3], la dottrina dominante la ravvisa proprio nella disciplina del primo comma dell’art. 67 cod. comm. che prevedeva la risoluzione automatica della vendita commerciale di cose mobili mediante l’offerta, nei modi usati in commercio, della cosa venduta o del pagamento del prezzo antecedentemente alla scadenza del termine, nel caso in cui la controparte si rendesse inadempiente.

L’accostamento tra la fattispecie disciplinata dall’art. 67 del Codice di Commercio del 1882 e lo strumento dell’attuale diffida ex art. 1454 c.c. risulta proprio da quello che era il nucleo centrale della fattispecie risolutiva... _OMISSIS_ ... dell’offerta a provare la possibilità dell’adempimento e lo stimolo a questo da parte della controparte.

Tramite l’offerta, in materia commerciale, il venditore - commerciante dava, anzitutto, la prova dell’esistenza della cosa presso di lui, per potersi poi avvalere della risoluzione: nel sistema dell’art. 67 la risoluzione di diritto era di fatto una misura in favore della parte che si dimostrava pronta ad adempiere di fronte all’inadempimento della controparte.

Il mezzo della diffida si ritiene di conseguenza ispirato dalle snelle modalità dell’offerta, ossia per la sufficienza di una semplice intimazione, scritta o orale, a ricevere o a ritirare la merce. E ancora a favore del legame tra il codice c... _OMISSIS_ ...ce di commercio rileva proprio il dato che all’offerta era riconosciuto anche il significato di invito ad adempiere con la minaccia della risoluzione di diritto [4].

L’introduzione della diffida ad adempiere va così a collocarsi nel quadro dell’ampliamento delle ipotesi di risoluzione di diritto, in un assetto in cui l’atto di scambio assume un’importanza più accentuata e le incertezze della risoluzione giudiziale ostacolano la mobilità delle risorse, e dove è di particolare interesse poter contare in ogni momento sulla disponibilità di una merce o di altro bene che era oggetto della prestazione pattuita [5].

La diffida ad adempiere, e in generale l’allargamento delle ipotesi di risoluzione di diritto, ... _OMISSIS_ ...o uno dei punti di emersione del «processo di commercializzazione del diritto privato» [6].

La finalità della diffida, quella cioè di ottenere lo scioglimento del vincolo contrattuale se l’interesse perseguito con esso viene meno in conseguenza del mancato adempimento, è delineata già nella relazione del Guardasigilli al progetto ministeriale per il nuovo codice civile: «(…) il creditore, per ottenere l’effetto della risoluzione del contratto, non deve di necessità agire giudizialmente. Ho previsto nell’art. 253 una forma di risoluzione per autorità del creditore che, senza negare al debitore la tutela giudiziaria, mi è sembrato raggiunga speditamente l’effetto che sarebbe prodotto dalla pronuncia giudiziar... _OMISSIS_ ...
La diffida deve contenere la dichiarazione che, decorso infruttuosamente il termine assegnato, il contratto si intenderà senz’altro risolto. L’utilità di questa forma sta nel fatto che essa consente di determinare senza indugi la posizione delle parti in confronto del contratto non adempiuto. (…) L’unilateralità della dichiarazione non deve impressionare. Il controllo del giudice non mancherà; ma sarà soltanto eventuale e posteriore, come nel caso di clausola risolutiva. Il giudice, ove sorga contestazione, accerterà l’avvenuta risoluzione, e perciò non potrà più accordare alcuna dilazione per l’adempimento» [7].

Gli artt. 253 e 254 [8] del progetto preliminare del Libro delle Obbligazioni prevedevano che il... _OMISSIS_ ...sse considerarsi risolto nel caso di mancato adempimento entro il termine non inferiore a trenta giorni, intimato con la previsione della risoluzione per mezzo di ufficiale giudiziario, ovvero entro il termine di dilazione concesso nei casi di ritardo dal giudice adito per la risoluzione. Le due norme vennero fuse nell’art. 293 del Libro delle Obbligazioni, corrispondente all’attuale art. 1454 c.c., salvo modifiche formali (essendosi ridotto a metà il termine previsto per l’intimazione di adempimento ed essendosi soppressa la necessità di servirsi dell’ufficiale giudiziario). L’istituto da esse disciplinato derivava direttamente dall’art. 307, secondo comma [9], del progetto D’Amelio del Codice di commercio del 1925, la cui normativa... _OMISSIS_ ...sta per le obbligazioni commerciali veniva inserita nel Libro delle Obbligazioni. La funzione dell’istituto Una volta delineata la struttura e gli effetti in generale della diffida ad adempiere, occorre esaminarne la funzione.

Si è evidenziato che con la risoluzione per diffida si assiste allo scioglimento del vincolo obbligatorio in conseguenza di un’alterazione dell’originario equilibrio tra le reciproche attribuzioni patrimoniali previste dal contratto e che la reazione difensiva del diffidante risulta giustificata, dal punto di vista giuridico, dal venir meno del suo interesse sostanziale al mantenimento in vita del vincolo.

Può, tuttavia, essere svolta da tale istituto anche una funzione di coazione all’adempimento... _OMISSIS_ ...ccia dello scioglimento del rapporto [10], che raggiungerebbe il suo scopo ove venisse accolto dal debitore l’invito ad adempiere [11].

La giurisprudenza evidenzia come la ratio della norma in commento sia quella di fissare con chiarezza la posizione delle parti rispetto all’esecuzione del contratto, ma, nel contempo tende a trascurare la capacità della diffida di sollecitare il debitore ad adeguare il proprio contegno ai parametri contrattuali, limitandosi invece a sottolineare la maggiore rapidità del rimedio stragiudiziale rispetto a quello ex art. 1453 c.c., affinché il contraente adempiente non resti vincolato all’altro fino alla pronuncia del giudice e possa provvedere con altri alla realizzazione del suo interesse negoziale.

... _OMISSIS_ ...rudenza esalta, infatti, anche il carattere probatorio di tale atto, nella prospettiva di un suo successivo utilizzo in sede giurisdizionale sia in ordine all’eventuale giudizio di accertamento sia in ordine alla richiesta di risarcimento del danno. Il silenzio della parte inadempiente viene visto come un fatto che può assurgere ad elemento di prova dell’illegittimo contegno della parte nei cui confronti si invoca, utilizzabile nell’eventuale successivo giudizio per riversare su di questa la responsabilità e le conseguen...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11092 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 155 pagine in formato A4

25,00 €