Art. 1161 Cod. nav.: il reato di occupazione abusiva di area demaniale

il bene giuridico tutelato La rassegna delle fattispecie penali relative agli abusi dei privati sui beni pubblici può avere inizio dall’art. 1161 cod. nav., rubricato: “Abusiva occupazione di spazio demaniale e inosservanza di limiti alla proprietà privata” [96].

Si tratta di una contravvenzione volta a sanzionare la condotta di chi leda l’interesse della collettività a fruire e godere, anche in via potenziale, del bene demaniale marittimo.

Recente giurisprudenza di legittimità ha ritenuto integrarsi il reato ex art. 1161 cod. nav., ogniqualvolta «l’occupazione arbitraria di bene demaniale marittimo consiste nell’acquisire e mantenere [arbitrariamente] il possesso o, comunque, una situazione fattuale d... _OMISSIS_ ...n il bene in modo corrispondente all’esercizio di un diritto di proprietà o di godimento sia esso reale o personale, contraddistinto dalla continuità o dalla stagionalità […], dall’esclusione del diritto collettivo di uso per uno spazio non limitato ed un tempo apprezzabile in modo da impedire la fruibilità da parte di potenziali utenti o da comprimerne in maniera significativa l’uso, in quanto il bene giuridico tutelato dalla norma è costituito dall’interesse della collettività di usare in maniera completa ed in tutte le sue implicazioni il bene demaniale» [97].

Ai fini del presente studio si tratterà separatamente la fattispecie di occupazione abusiva di beni demaniali da quella, prevista dal medesimo art. 1161 cod. nav.... _OMISSIS_ ...ovazioni non autorizzate di beni demaniali”.


L'elemento oggettivo La condotta rilevante ai fini dell’art. 1161 cod. nav. può assumere le più diverse forme.

Come visto al paragrafo precedente, da un punto di vista generale, la condotta punibile consiste nell’acquisire e mantenere, senza autorizzazione, il possesso o la detenzione di un bene demaniale in modo corrispondente allo stabile esercizio di un diritto di proprietà o di godimento, in modo da impedirne la fruibilità da parte di utenti anche potenziali, o da comprimerne in maniera significativa l’uso [98].

Si tratta pertanto di un reato comune, che può essere posto in essere da chiunque agisca al di fuori di alcuna concessione amministrativa e ... _OMISSIS_ ...quindi, vantare un titolo legittimante l’esclusivo godimento del bene demaniale.

Più nello specifico, si avrà occupazione arbitraria anche dinanzi ad una occupazione protrattasi oltre la scadenza del titolo, a nulla rilevando l’esistenza della pregressa concessione e la tempestiva presentazione dell’istanza di rinnovo [99].

In altre parole «nel caso di una occupazione temporanea, eventualmente quanto incidentalmente autorizzata, l’occupazione stessa deve cessare immediatamente al venir meno delle condizioni legittimanti: di conseguenza, la protrazione dell’occupazione configura il reato di cui all’art. 1161 cod. nav.» [100].

L’arbitrarietà della condotta del privato sussiste an... _OMISSIS_ ...lo esista, ma sia illegittimo e pertanto non valido; in quest’ottica l’illegittimità del titolo può derivare da una eventuale cessione del titolo concessorio, che a norma degli articoli 45bis e 46 cod. nav non può essere effettuata senza autorizzazione dell’autorità concedente [101].

Per essere rilevante ai fini dell’art. 1161 cod. nav., la condotta in esame - oltre ad essere arbitraria - deve vertere su di un bene del appartenente al demanio marittimo.

Alla stregua dei principi chiariti nel precedente capitolo, il carattere della demanialità non va desunto dalla semplice documentazione catastale rinvenibile, quanto piuttosto dalle caratteristiche di fatto del bene.

In primo luogo occorre ricordare che la g... _OMISSIS_ ...chiamata ad individuare quali siano i beni demaniali, sostiene che quella ex art. 822 c.c. sia una tassatività per tipi [102].

A confermare tale ricostruzione il dato testuale degli articoli 28 e 29, cod. nav., che inseriscono nel demanio marittimo il lido, la spiaggia, i porti, le rade; le lagune, le foci dei fiumi che sfociano in mare, i bacini di acqua salsa o salmastra che almeno durante una parte dell’anno comunicano liberamente con il mare; i canali utilizzabili ad uso pubblico marittimo; oltre che le costruzioni e le altre opere appartenenti allo Stato, che sorgono entro i limiti del demanio marittimo e del mare territoriale e sono considerate come pertinenze del demanio stesso.

Pertanto potrà integrarsi la fattispecie di reato di c... _OMISSIS_ ...t. 1161 cod. nav. anche ove la condotta dell’agente verta su di un bene non rientrante nell’elencazione dell’art. 822 c.c., ma riconducibile alla categoria dei beni del demanio accidentale o comunque all’elencazione di cui agli articoli 28 e 29 cod. nav. [103].

In tal senso: «pur non facendo parte il mare territoriale del demanio marittimo in quanto res communis omnium, è configurabile il reato di cui all’art. 1161 cod. nav. in caso d’uso privato di zone del mare territoriale in assenza di concessione demaniale, in quanto il Regolamento d’esecuzione del codice della navigazione per la navigazione marittima (art. 524, D.P.R. 15 febbraio 1952, n. 328) prevede che per l’occupazione e l’uso delle zone pre... _OMISSIS_ ...pplicazione le disposizioni stabilite per il demanio marittimo dal Codice della navigazione e dal relativo Regolamento d’esecuzione» [104].

L’intervenuta sdemanializzazione del bene su cui la condotta dell’agente insista, stante il principio di tassatività operante in materia penale, esclude la configurabilità del reato in esame, posto che la dizione dell’art. 1161 cod. nav. fa esclusivo riferimento ai beni demaniali.

In tal senso pare opportuno ricordare che, relativamente ai beni demaniali, va esclusa la possibilità di una sdemanializzazione tacita, ossia conseguente alla mera condotta dismissiva dell’ente territoriale [105].

La condotta rilevante per integrarsi il reato i cui all’art. 1... _OMISSIS_ ...od. nav., può avere ad oggetto anche una servitù demaniale.

La giurisprudenza, chiamata a decidere sulla rilevanza penale della condotta di un soggetto che aveva posto dei cancelli che ostacolavano l’accesso al lido del mare, ha chiarito che «le condotte impeditive dell’uso pubblico del demanio marittimo, sanzionate dall’art. 1161 cod. nav., possono incidere anche sulle servitù di pubblico passaggio, costituite attraverso l’utilizzazione da parte della collettività degli accessi all’area demaniale marittima protrattasi per il tempo necessario all’usucapione» [106].

Ancora in relazione all’elemento oggettivo del reato di occupazione a...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 17965 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo visibile in questa pagina è composto da contenuti tratti dal seguente prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click.

pdf 140 pagine in formato A4

30,00 €