Espropriazione per pubblica utilità volta alla realizzazione delle infrastrutture strategiche

uo;espropriazione per pubblica utilità volta alla realizzazione delle infrastrutture strategiche


Il d. lgs. 12 aprile 2006, n. 163, il cd. codice dei contratti pubblici di lavori, servizi, forniture, è testo normativo che al di là della sua funzione di raccolta organica della normativa di settore, si caratterizza in generale per un contenuto fortemente innovativo e riformatore che «non poteva non interessare seppur indirettamente anche la materia dell’espropriazione, per lo più confermando la previgente disciplina, ma anche con alcuni aspetti degni di nota» [1].

Del resto già dall’incipit delle prime disposizioni è possibile rilevare lo stretto legame con la materia espropriativa, grazie, soprattutto, a qu... _OMISSIS_ ...to dal suddetto codice alle norme dettate in materia di espropriazione per pubblica utilità, specie laddove raccomanda ai soggetti chiamati ad applicare le sue disposizioni al «rispetto dei principi fondamentali contenuti nelle norme del presente codice, in particolare, in tema di programmazione di lavori pubblici, approvazione dei progetti ai fini urbanistici ed espropriativi, organizzazione amministrativa, compiti e requisiti del responsabile del procedimento, sicurezza del lavoro» [2].

Ebbene, in questa sede non si vuol certo approfondire la materia della contrattazione pubblica, ma evidenziare, piuttosto, che il tema dell’espropriazione per pubblica utilità risente delle modifiche e delle innovazioni apportate nel codice dei contratti spe... _OMISSIS_ ...e all’approvazione dei progetti d’opera per la realizzazione delle infrastrutture strategiche, approvazione che, si ricorda, equivale a dichiarazione di pubblica utilità.


Le regole generali in materia di progettazione: dal genus alla species


Invero prima di addentrarsi nel cuore della materia è necessario effettuare delle brevi riflessioni attinenti alle disposizioni che, in via generale, disciplinano i livelli della progettazione per gli appalti e per le concessioni di lavori.

Come si è già detto altrove esistono tre livelli di progettazione che culminano nell’emanazione di tre distinti progetti: il progetto preliminare, il progetto definitivo e, infine, il progetto esecutivo.

In... _OMISSIS_ ...squo;art. 93 del d. lgs. n. 163/2006 stabilisce che la progettazione in materia di lavori pubblici in tutte le sue articolazioni [3] (preliminare, definitiva ed esecutiva) deve rispettare i vincoli esistenti preventivamente accertati - ivi compresi quelli preordinati all’esproprio - e dei limiti di spesa prestabiliti, in modo tale da assicurare la qualità dell’opera e la rispondenza alle finalità relative; la conformità alle norme ambientali e urbanistiche nonché il soddisfacimento dei requisiti essenziali, definiti dal quadro normativo nazionale e comunitario.

Lo stesso articolo, dopo aver descritto il contenuto dei vari progetti, dispone che «il progetto preliminare deve consentire l’avvio della procedura espropriativa».
... _OMISSIS_ ...a, cosa si intenda per «avvio della procedura espropriativa» sembra quasi un mistero.

L’individuazione del momento di inizio della procedura espropriativa dipende un po’ dai punti di vista, perché «si può sostenere che l’espropriazione comincia con l’apposizione del vincolo urbanistico […]; con la dichiarazione di pubblica utilità; […] con la comunicazione di avvio del procedimento preordinato all’una o all’altra fase; oppure addirittura, estremizzando, con il primo accesso ai fondi funzionale alla progettazione destinata ad essere dichiarata di pubblica utilità» [4].

In questa prospettiva appare evidente la non univocità della disposizione che «potendo avere numeros... _OMISSIS_ ...finisce con il non averne nessuno», sicché si suggerisce di evitare di attribuire un «peso particolare alla frase in questione», a meno che non si voglia assegnare «il significato quasi ovvio e pleonastico che, dovendosi mandare al proprietario, tra il progetto preliminare e il progetto definitivo, la comunicazione di avvio del procedimento preordinato alla dichiarazione di pubblica utilità, è questo adempimento che il progetto preliminare deve teoricamente essere in grado di consentire» [5].

Un altro significato - da molti accusato come assolutamente generico e incompleto rispetto, soprattutto, al successivo art. 128, comma 8 [6] - da attribuire all’espressione in commento e la sua naturale conseguenza logica. Se, infatti i... _OMISSIS_ ...iminare deve consentire l’avvio della procedura espropriativa, allora lo stesso deve essere già in grado di «porre le premesse urbanistiche dell’esproprio in termini di conformità dell’opera e di apposizione del vincolo preordinato all’esproprio, salvo, ovviamente, gli articoli 10 e 19 t.u. e 34 del d. lgs 267/2000» [7].

Infine, qualche perplessità, specie dopo l’emanazione del t.u. in materia di espropriazione per pubblica utilità, si evince dall’assenza nel testo dell’art. 93 del Codice dei contratti della precisazione che l’approvazione del progetto definitivo dell’opera equivale a dichiarazione di pubblica utilità [8].

Per l’accesso al fondo si rinvia alle disposizioni d... _OMISSIS_ ...15 del d.p.r. n. 327/2001.


Le prime norme in materia di procedimento e di effetti


Nella seconda parte del codice dei contratti pubblici, quella dedicata ai contratti pubblici relativi ai lavori, servizi, forniture nei settori ordinari, predispone un’apposita sezione all’interno del capo IV del primo I titolo composta da due articoli - artt. 97 e 98 - diretti a disciplinare il procedimento di approvazione dei progetti e gli effetti che tale procedimento produce ai fini urbanistici ed espropriativi.

Si tratta di norme estremamente sintetiche che rilevano per il loro ruolo guida.

L’art. 97 stabilisce, infatti, che l’approvazione dei progetti venga effettuata in conformità alle ... _OMISSIS_ ...lla l. n. 241/1990 nonché alle disposizioni statali e regionali che regolano la materia. È una norma di principio che troverebbe applicazione anche in assenza di una sua espressa previsione. Del resto non vi sono dubbi che in caso di vuoto normativo possa trovare applicazione la nostra legge generale sul procedimento amministrativo.

Più interessante appare il nuovo comma 1-bis, introdotto con d. l. 13 maggio 2011, n. 70, convertito con modificazioni dalla l. 12 luglio 2011, n. 106 il quale ricorda che la dichiarazione di pubblica utilità di cui agli artt. 12 ss. del d.p.r. n. 327/2001 può essere disposta anche quando l’autorità espropriante approva a tal fine il progetto esecutivo dell’opera pubblica o di pubblica utilità.

Il success... _OMISSIS_ ...pone, invece, che «restano ferme le norme vigenti che stabiliscono gli effetti dell’approvazione dei progetti ai fini urbanistici ed espropriativi» [9].


I progetti relativi alle infrastrutture e agli insediamenti produttivi


Sempre la parte II del codice dei contratti si preoccupa di disciplinare i progetti relativi alle infrastrutture e agli insediamenti produttivi.


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 25412 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 180 pagine in formato A4

30,00 €